Perché gli Stati della NATO stanno commettendo un Suicidio Energetico?

di F. William Engdahl

C’è un grande paradosso nella postura militare sempre più aggressiva degli Stati Uniti e della NATO verso la Russia e la Cina, se confrontata con le politiche economiche nazionali chiaramente suicide dell’Agenda Verde degli Stati Uniti e degli stati dell’UE e della NATO.

Una sorprendente trasformazione delle economie dei paesi industriali più avanzati del mondo è in corso e sta guadagnando slancio. Il cuore di questa trasformazione è l’energia, e l’assurda richiesta di energia a “zero carbonio” entro il 2050 o prima. Eliminare il carbonio dall’industria energetica non è possibile ora, né forse mai. Ma se viene perseguito, significherà fare a pezzi le economie più produttive del mondo. Senza una valida base energetica a livello industriale i paesi della NATO declineranno anche dal punto di vista militare. Non possiamo parlare di energia “rinnovabile” per il solare, l’eolico e l’accumulo di batterie. Dobbiamo piuttosto parlare di energia inaffidabile. Questa è una delle più colossali delusioni scientifiche della storia.

Il 31 dicembre, il nuovo governo di coalizione tedesco ha chiuso definitivamente tre delle sei centrali nucleari rimanenti. Lo hanno fatto in un momento in cui le forniture di gas naturale erano estremamente basse alla vigilia di un inverno difficile, e qualsiasi fronte freddo grave potrebbe portare a interruzioni di corrente. A causa del rifiuto della Germania di permettere l’importazione di un secondo gasdotto russo, Nord Stream 2, la Germania sta affrontando un aumento del 500% del prezzo spot dell’elettricità rispetto al gennaio 2021.

La Crisi Energetica dell’UE era stata Prevista

Nel 2011, quando la cancelliera Merkel dichiarò la fine anticipata del nucleare, la sua famigerata Energiewende, per uscire dal nucleare e passare alle fonti rinnovabili, 17 centrali nucleari fornivano in modo affidabile il 25% di tutta l’elettricità del paese. Gli altri tre impianti dovrebbero chiudere entro la fine del 2022. Allo stesso tempo, il programma di energia verde del governo dal 2016 ha portato alla chiusura di 15,8 GigaWatt di generazione a carbone da gennaio 2022. Per compensare il fatto che il solare e l’eolico, nonostante la propaganda incandescente, non riempiono il vuoto, la rete elettrica tedesca deve importare una quantità significativa di elettricità dai vicini dell’UE, Francia e Repubblica Ceca, ironicamente in gran parte dalle loro centrali nucleari. La Germania ha ora i costi dell’elettricità più alti di tutti i paesi industrializzati a causa dell’Energiewende.

La fornitura di elettricità nucleare dalla Francia è ora un problema. A dicembre, EDF, l’agenzia nucleare francese, ha annunciato la chiusura di quattro reattori per ispezione e riparazione, in seguito alla scoperta di danni da corrosione. Il presidente Macron, che affronta le elezioni in aprile, sta cercando di giocare al campione nucleare nell’UE, opponendosi alla forte posizione antinucleare della Germania. Ma il ponte nucleare è vulnerabile e la Francia è improbabile che faccia nuovi grandi investimenti nel nucleare, nonostante le recenti dichiarazioni, con piani per chiudere dodici reattori nei prossimi anni, così come il carbone, lasciando Francia e Germania vulnerabili alle future carenze energetiche. Il programma France 2030 di Macron prevede di investire ben 1,2 miliardi di dollari nella tecnologia nucleare per le piccole centrali.

Ma la questione nucleare non è l’unica mosca nel brodo energetico dell’UE. Ogni aspetto dell’attuale piano energetico dell’UE è progettato per distruggere una moderna economia industriale, e gli architetti che finanziano generosamente i think tank verdi, come il Potsdam Institute in Germania, lo sanno. Ottenere l’eolico e il solare, le uniche due opzioni serie in corso di realizzazione, per sostituire il carbone, il gas e il nucleare è semplicemente impossibile.

Mulini a Vento e la Follia delle Folle

Per la Germania, un paese con un’insolazione non ottimale, l’energia eolica è la principale alternativa. Il problema dell’energia eolica, come ha dimostrato l’inverno del 2021, è che non sempre il vento soffia, e inoltre lo fa in modo imprevedibile. Questo significa interruzioni di corrente o un sistema di backup affidabile, il che significa carbone o gas naturale, dato che il nucleare è escluso. Le turbine eoliche sono valutate in modo fuorviante in termini di capacità teorica lorda, quando Stati come la Germania vogliono vantarsi dei progressi nelle energie rinnovabili.

In realtà, ciò che conta è l’elettricità effettiva prodotta nel tempo o il cosiddetto fattore di capacità o fattore di carico. Per il solare, il fattore di capacità è di solito solo circa il 25%. Nell’Europa del nord o nell’America del nord, il sole non splende 24 ore al giorno. Né il cielo è sempre senza nuvole. Né il vento soffia sempre, ed è inaffidabile. La Germania vanta il 45% di produzione lorda di energia rinnovabile, ma questo nasconde la realtà. In uno studio del 2021, l’Istituto Frauenhofer stima che la Germania ha bisogno di installare almeno da sei a otto volte più energia solare di oggi per raggiungere l’obiettivo del 2045 a zero emissioni di carbonio, per il quale il governo si rifiuta di stimare i costi, ma le stime private si aggirano sui mille miliardi. Il rapporto dice che l’attuale capacità solare lorda di 54 GW deve raggiungere 544 GW entro il 2045. Questo significherebbe 1,4 milioni di ettari di terra, o più di 16.000 chilometri quadrati di pannelli solari solidi in tutto il paese. A questo si aggiungono le grandi stazioni eoliche. È una ricetta suicida.

La frode dell’eolico e del solare come opzione ragionevole a zero emissioni di carbonio sta cominciando ad essere realizzata. Il 5 gennaio di quest’anno ad Alberta, Canada, dove il governo sta costruendo furiosamente siti eolici e solari, in una giornata di freddo pungente con temperature vicine ai -40°, i 13 impianti solari di Alberta collegati alla rete, con una capacità nominale di 736 megawatt, fornivano 58 megawatt alla rete. I 26 parchi eolici, con una capacità nominale combinata di 2269 megawatt, hanno fornito 18 megawatt alla rete. Le rinnovabili totali erano solo 76 megawatt su un totale teorico di 3005 megawatt di presunta energia verde e rinnovabile. Il Texas, durante la forte nevicata del febbraio 2021, ha avuto gli stessi problemi con l’energia solare ed eolica della Germania. Inoltre, quando nevica, i parchi solari sono inutili.

Allo stesso modo, per raggiungere il carbonio zero da fonti rinnovabili, enormi aree di terreno devono essere coperte da riflettori solari o dedicate ai parchi eolici. Secondo una stima, l’area necessaria per ospitare le 46.480 centrali solari proposte negli Stati Uniti è di 650.720 miglia quadrate, o quasi il 20% dei 48 territori inferiori degli Stati Uniti. Questo equivale alle dimensioni di Texas, California, Arizona e Nevada messi insieme.

Solo negli Stati Uniti, nello stato della Virginia, una nuova legge verde, il Virginia Clean Economy Act (VCEA), ha portato a un enorme aumento delle richieste di progetti solari, che ad oggi ammontano a 780 miglia quadrate di pannelli solari. Come sottolinea David Wojick, si tratta di circa 500.000 acri di campagna, terreni agricoli o foreste distrutti e asfaltati, con circa 500 progetti separati che coprono gran parte della Virginia rurale, che richiederanno uno sbalorditivo 160 milioni di pannelli solari, per lo più provenienti dalla Cina e tutti destinati a diventare centinaia di tonnellate di rifiuti tossici.

Milioni di Posti di Lavoro?

L’amministrazione Biden e lo zar delle energie rinnovabili John Kerry hanno falsamente affermato che il loro programma verde o “Build Back Better” avrebbe portato a milioni di nuovi posti di lavoro. Non menzionano che questi posti di lavoro saranno creati in Cina, che produce la maggior parte dei pannelli solari, un monopolio virtuale dopo aver distrutto la concorrenza americana ed europea un decennio fa con pannelli economici e sovvenzionati di fabbricazione cinese. Allo stesso modo, la maggior parte dell’energia eolica è prodotta in Cina da aziende cinesi.

Nel frattempo, la Cina usa volumi record di carbone e rimanda la sua promessa di raggiungere il carbonio zero entro il 2060, dieci anni dopo l’UE e gli USA. Non vuole mettere in pericolo il suo dominio industriale per il bene di una teoria climatica basata su dati falsi e bugie, per la quale la CO2 sta per distruggere il pianeta. La federazione sindacale tedesca DGB ha recentemente stimato che dal 2011 la Germania ha perso circa 150.000 posti di lavoro nel solo settore delle energie rinnovabili, soprattutto perché i pannelli solari di fabbricazione cinese hanno distrutto le principali aziende solari tedesche. E la Germania è il paese più verde dell’UE. Poiché, per definizione, le energie rinnovabili meno energivore dell’eolico e del solare fanno salire i costi di base dell’elettricità, tolgono più posti di lavoro nell’economia generale di quanti ne creino.

Il Crollo Industriale della NATO

Poiché l’energia solare ed eolica sono in realtà molto più costose degli idrocarburi convenzionali o dell’elettricità nucleare, aumentano il costo complessivo dell’energia elettrica per l’industria, costringendo molte aziende a chiudere o a trasferirsi. Solo la frode statistica ufficiale nasconde questo fenomeno. L’Europa e gli Stati Uniti avranno bisogno di enormi volumi di acciaio e cemento per costruire i milioni di pannelli solari o parchi eolici previsti. Questo richiede enormi quantità di carbone convenzionale o di energia nucleare. Quante stazioni di ricarica per auto elettriche saranno necessarie per caricare a casa 47 milioni di auto elettriche tedesche? Quale domanda supplementare di elettricità?

Un importante think tank americano sull’energia verde, RethinkX, ha pubblicato uno studio di propaganda per le rinnovabili nel 2021, intitolato “Rethinking Energy 2020-2030: 100% Solar, Wind and Batteries is Just the Beginning”. La loro risposta ai problemi di bassa capacità per l’eolico e il solare è di costruire il 500% o anche il 1000% in più del previsto per compensare il basso fattore di capacità del 25%. Sostengono assurdamente, senza alcuna prova concreta, che:La nostra analisi mostra che il 100% di elettricità pulita da una combinazione di solare, vento e batterie (SWB) è fisicamente possibile ed economicamente accessibile in tutti gli Stati Uniti continentali e nella stragrande maggioranza delle altre regioni popolate del mondo entro il 2030… questo eccesso di generazione di energia pulita – che noi chiamiamo superpotenza – sarà disponibile a un costo marginale vicino allo zero per la maggior parte dell’anno…“. Questa affermazione è presentata senza un briciolo di dati o di analisi di fattibilità scientifica concreta, semplicemente un’affermazione dogmatica.

Il defunto architetto canadese dell’Agenda 21 dell’ONU, Maurice Strong, un petroliere miliardario amico di David Rockefeller, era sottosegretario dell’ONU e segretario generale della conferenza della “Giornata della Terra” tenutasi a Stoccolma nel giugno 1972. Era anche membro del consiglio della Fondazione Rockefeller. Più di chiunque altro, è responsabile dell’agenda di deindustrializzazione dell’ “economia sostenibile” senza carbonio. Al Summit della Terra delle Nazioni Unite a Rio nel 1992, ha dichiarato apertamente l’agenda brutale degli eugenisti radicali come Gates e Schwab: “L’unica speranza per il pianeta non è che le civiltà industrializzate crollino? Non è forse nostra responsabilità realizzarlo?” Questa agenda è in gran parte il Grande Reset di oggi.

La Guerra Ora?

Se le economie un tempo avanzate ed energivore dei paesi membri della NATO in Europa e negli Stati Uniti continuano su questa strada suicida, la loro capacità di organizzare una difesa o un attacco militare convincente diventerà un miraggio. Recentemente, la corrotta presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato che l’industria tedesca della difesa ad alta tecnologia e i suoi fornitori non dovrebbero ricevere credito bancario perché non sono abbastanza “verdi” o “sostenibili”. Sembra che le banche abbiano già ricevuto il messaggio. Insieme al petrolio e al gas, la produzione della difesa è ora presa di mira. Von der Leyen, come ministro della difesa tedesco, era stato ampiamente accusato di aver lasciato che la difesa tedesca crollasse in uno stato catastrofico.

Nel loro perseguimento unilaterale dell’Agenda 2030 e dell’agenda zero-carbonio, l’amministrazione Biden e l’UE stanno impostando la loro industria su un percorso di distruzione ben prima della fine di questo decennio. Questo a sua volta sta guidando l’attuale agenda della NATO verso la Russia in Ucraina, Bielorussia, Armenia e ora Kazakistan? Se le potenze della NATO sanno che non avranno l’infrastruttura industriale militare di base nel prossimo futuro, pensano che sia meglio provocare una possibile guerra con la Russia ora, per eliminare la potenziale resistenza alla loro agenda di de-industrializzazione? A parte la Cina, la Russia è l’unico paese in grado di dare un colpo devastante alla NATO, se provocata.

Psicosi delle Formazioni di Massa e o Follia delle Masse

Nel 1852, lo storico inglese Charles Mackay scrisse un classico intitolato “Memoirs on Extraordinary Popular Delusions and the Madness of Crowds”, che dà una visione poco conosciuta dell’isteria di massa dietro le grandi crociate religiose del XII secolo, la caccia alle streghe o la follia dei tulipani olandesi e molti altri deliri popolari. È rilevante per capire la corsa irrazionale globale al suicidio economico e politico.

Gli stessi attori chiave dietro i mandati di vaccinazione di massa anti-covid per un vaccino sperimentale geneticamente alterato che si susseguono in tutto il mondo, compresi Bill Gates e Papa Francesco, sono dietro il Grande Reset di Klaus Schwab del World Economic Forum e la sua follia verde a zero carbonio dell’Agenda 2030 dell’ONU, al fine di far accettare al mondo misure economiche draconiane senza precedenti.

Questo richiederà una popolazione docile e fisicamente debole, ciò che il professore belga di psicologia Mattias Desmet e il dottor Robert Malone chiamano “psicosi delle formazioni di massa” una sorta di ipnosi di massa che ignora la ragione. È chiaro che sia il mito del riscaldamento globale che l’agenda della pandemia del coronavirus richiedono una tale ipnosi di massa – una “straordinaria illusione popolare”.

Senza l’isteria da paura di Covid, non avremmo mai permesso all’agenda verde di arrivare così lontano, tanto che le nostre reti elettriche sono sull’orlo del blackout e le nostre economie sull’orlo del collasso. L’obiettivo finale della pandemia di Covid dell’OMS e dell’Agenda Verde è una marcia verso il distopico Grande Reset di Schwab dell’intera economia global, a beneficio di una dittatura di una manciata di società globali come BlackRock o Google-Alphabet.

Articolo di F. William Engdahl

Fonte originale: https://www.globalresearch.ca/why-do-nato-states-commit-energy-hara-kiri/5767063

Fonte: https://www.vocidallastrada.org/2022/02/perche-gli-stati-della-nato-stanno.html

LE PIANTE CI PARLANO
Entrare in sintonia con il linguaggio segreto della natura per ritrovare se stessi
di Stefania Piloni

Le Piante ci Parlano

Entrare in sintonia con il linguaggio segreto della natura per ritrovare se stessi

di Stefania Piloni

Un manuale alla scoperta delle piante e di ciò che provano.

L'Autrice Stefania Piloni apre le porte al mondo della natura, in un viaggio unico ed emozionante attraverso la storia, i benefici e i sentimenti delle piante. 

All’interno del libro

  • Piante che piangono, come agrifoglio e cicoria, che madre natura ci dona per lenire il dolore fisico ed emozionale
  • Piante che sognano, come Ashwagandha, capace di curare il sonno nell’Ayurveda
  • Piante che pregano, come il cipresso, ricche di storia sacra e millenaria
  • Piante che tremano, come pulsatilla e gelsomino, che sanno leggerci nel cuore, a fior di pelle
  • Piante che amano, con una storia mitologica legata all’amore...

E molte altre da riscoprire!

Da sempre le piante sono compagne e maestre dell’uomo nel suo viaggio sulla Terra.

In un bosco, in un prato, in una foresta non siamo mai davvero soli: gli alberi ci guardano, i fiori ci annusano, le foglie ci sfiorano, senza che ce ne accorgiamo.

In Le piante ci parlano, Stefania Piloni ci insegna a ricucire un forte legame con la natura, imparando a guardare ogni fiore più piccolo e ogni gemma più nascosta con rinnovata consapevolezza e curiosità.

Grazie alla classificazione su base emozionale e non botanica, scopriamo di condividere con la natura un mondo sotterraneo di emozioni. Come salici, anche noi impariamo che la grazia dell’amore non si ottiene con la forza ma con la resa; come foglie di Clematis, torniamo a essere sognatori a occhi aperti; come le betulle, signore del bosco, ci sentiamo forti nella tempra del legno.

Un libro che è un viaggio senza tempo fra tigli e cipressi, mandorli e castagni, uva spina e salvia, per tornare ad ascoltare la voce della natura.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *