L’Odio dei “Politicamente Corretti”

di Andrea Indini

Verrebbe da chiedere: là fuori c’è ancora qualcuno normale? C’è ancora chi pensa che, se facciamo vedere Aladdin o il Libro della Giungla ai nostri figli, non li cresciamo come pericolosi razzisti? C’è ancora chi ritiene carta straccia l’articolo di Variety in cui bolla come “film scorretti” capolavori come Indiana Jones o Forrest Gump?

Politicamente Corretto

Me ne sono tenuto alla larga il più possibile, tanto lo considero un dibattito stucchevole. Siamo usciti da un’emergenza sanitaria senza precedenti (secondo alcuni… secondo altri una falsa pandemia – ndr) per poi trovarci impantanati in un surreale braccio di ferro tra l’ottusità della dittatura del “politicamente corretto” e il dono dell’intelletto che, di questi tempi, mi sembra manchi davvero a tanti.

Il caso Floyd, l’afroamericano ammazzato da un poliziotto nelle strade di Minneapolis, è stata la miccia per far esplodere un odio che covava sotto da tanto tempo. L’odio contro il buon senso. Così dobbiamo assistere ai raid di un manipolo di scalmanati, che la prof di storia boccerebbe seduta stante, e al moralismo perbenista di chi si fa più censore della censura dittatoriale. E, scherzo del destino, a finire impallinato finisce uno dei boss del politicamente corretto, mister Mark Zuckerberg, colpevole di non essere abbastanza censore. Che mondo assurdo!

Libri e varie...

Verrebbe da chiedere: là fuori c’è ancora qualcuno normale? C’è ancora chi pensa che, se facciamo vedere Aladdin o il Libro della Giungla ai nostri figli, non li cresciamo come pericolosi razzisti? C’è ancora chi ritiene carta straccia l’articolo di Variety in cui bolla come “film scorretti” capolavori come Indiana Jones o Forrest Gump? C’è ancora chi strabuzza gli occhi nel vedere i colossi dei prodotti di bellezza fare a gara per far sparire dai propri magazzini le creme sbiancanti? Secondo me siamo rimasti davvero in pochi. O, per lo meno, in pochi siamo disposti a far sentire la nostra voce. Forse perché sappiamo che a dire l’ovvio ci si becca le accuse peggiori.

E così ci ritroviamo, ormai ogni giorno, subissati da notizie folli. L’ultima in ordine temporale? I Simpson, cartone nato dall’abile matita di Matt Groening per deridere il politicamente corretto, hanno fatto sapere che “non useranno più attori bianchi per doppiare personaggi non bianchi”. Ma ciucciati il calzino, direbbe Bart e, facendo spallucce, si attaccherebbe alla bomboletta spray per scrivere sul muro della scuola “Il preside fa schifo”. Se lo facesse su Facebook o su Tik Tok, il comitato studentesco lo impallinerebbe tacciandolo di essere un fomentatore d’odio. Lo stesso capo d’accusa mosso nelle ultime ore contro Zuckerberg.

Su Facebook c’è odio? Non più di quello che c’è a un semaforo verde con le macchine congestionate e immobili nel traffico delle sei di pomeriggio. Su Facebook c’è libertà di espressione? Per carità! Apriamo gli occhi una volta ogni tanto. Accusano i vertici del social network di non fare abbastanza censura per fermare l’hate speech. Ma vi assicuro che su tutti i social, come anche i motori di ricerca, la censura c’è eccome. Ne sa qualcosa il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che quando ha scritto che, se le proteste fossero degenerate in disordini e saccheggi, avrebbe dovuto mandare l’esercito a fermare i rivoltosi. L’hanno bollinato come un odiatore. Oggi giorno, ormai, tutto “puzza” di razzismo. E chi è più “puro” epura i meno puri. Si arriva persino a riscrivere il passato e a prendersela con le statue.

Ma come siamo arrivati a questo punto? È il risultato di anni di campagne nefaste in cui, a tutela delle minoranze più starnazzanti, si faceva a pezzi la normalità. È anche il risultato di innumerevoli (e strapagate) commissioni internazionali contro l’odio, che non sono diventate altro che tribunali del popolo pronti a ghigliottinare chi la pensa diversamente da loro. Sono gli estensori del politicamente corretto che si dilettano mentre il popolo, quello vero, fa fatica a tirare a fine mese.

Negli Stati Uniti sono stati molto bravi a incanalare la protesta e mettere in difficoltà Trump che, altrimenti, avrebbe rivinto le elezioni a mani basse. “Già prima che scoppiasse la pandemia, mi ero reso conto che ci trovavamo in un momento rivoluzionario in cui ciò che sarebbe stato impossibile o addirittura inconcepibile in tempi normali non solo era divenuto possibile, ma forse anche assolutamente necessario”, ha azzardato a dire tempo fa, uno squalo come George Soros. “Poi – ha ammesso – è arrivato il Covid-19, che ha sconvolto radicalmente la vita delle persone e imposto una condotta di vita molto diversa. Si tratta di un evento senza precedenti che probabilmente non si è mai verificato in questa combinazione”.

Ora, fermiamoci un istante e chiediamoci: a chi giova questa folle crociata in nome del politicamente corretto? E soprattutto: siamo sicuri che fa il bene della nostra morente società occidentale? O, come ha profetizzato un gigante come Michel Houellebecq, alla fine di questa pandemia “tutto sarà lo stesso. Solo un po’ peggiore”?

Articolo di Andrea IndiniResponsabile del Giornale.it dal 2014, autore di “Il partito senza leader”, “Isis segreto” e “Sangue occidentale”.

Articolo di Andrea Indini

Fonte: http://blog.ilgiornale.it/indini/2020/06/28/lodio-del-politicamente-corretto/

Libri e varie...
VIVERE E PENSARE ALTRIMENTI - DOCUMENTARIO IN
L'importanza del dissenso ai tempi della globalizzazione
di Diego Fusaro

Vivere e Pensare Altrimenti - Documentario in

L'importanza del dissenso ai tempi della globalizzazione

di Diego Fusaro

"Vivere e Pensare Altrimenti" è un esclusivo documentario in cui Diego Fusaro, il filosofo più seguito e controcorrente d'Italia, ti introduce alle radici del suo pensiero e alla necessità del dissentire nella società globalizzata contemporanea.

Vivere e pensare altrimenti non solo è possibile, ma, al giorno d'oggi, è un dovere morale. L'unica via, contro il nuovo ordine economico transnazionale e il pensiero unico mondialista che tutto omologa e banalizza, è coltivare la filosofia del dissenso e l'arte della disobbedienza.

In questo documento, Diego Fusaro ti guida e ti incoraggia verso una tra­sformazione ideale dell'immagine di te stesso e del mondo: una rivoluzione onto­logica, mossa principalmente dall'amore per la conoscenza e tesa a rovesciare i rapporti di forza attuali sempre più asimmetrici.

Ciò che c'è non è tutto. Il reale è la somma di ciò che è e di ciò che potrebbe essere.

Il mondo non è un solido cristallo, ma una realtà sempre modificabile: il mondo è ciò che facciamo di esso.

I temi affrontati in questo documentario:

  • Il pensiero unico e la società contemporanea. Quali sono i processi e gli avvenimenti che hanno caratterizzato questa mutazione antropologica?
  • Fake news e storytelling dominante;
  • Il paradigma della competizione e il nuovo totalitarismo del mercato;
  • Google, Amazon e Facebook: la società del controllo totale;
  • Come Bilderberg Group, Commissione Trilaterale, Open Society e altri cosiddetti think tank non governativi influenzano la politica internazionale e le scelte dei cittadini;
  • Il Marketing del narcisismo e sindrome da selfie;
  • L'obbligo terapeutico e il controllo del corpo biologico;
  • Come incarnare nelle azioni quotidiane una critica costruttiva alla società contemporanea;
  • Come difenderci dalla violenza della standardizzazione e perché pensare altrimenti;
  • L'importanza e la necessità del dissentire oggi;
  • Disobbedienza civile e possibili strategie di cambiamento.
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *