Meluzzi: “Mi spaventa più di tutto la Stupidità umana e la possibilità di riuscire a condizionare il Comportamento delle persone”

di Denise Baldi

Il professor Alessandro Meluzzi è uno psichiatra e un saggista molto conosciuto. Anche di fronte ad argomenti delicati non si è mai tirato indietro, esponendo il suo pensiero critico. Lo abbiamo contattato telefonicamente.

D: La più grande fake news riguardo la pandemia è stata la pandemia stessa. Quanto è d’accordo con quest’affermazione? 

Non c’è stata una pandemia. È stata una pandemia quella della spagnola, quella della peste del ‘600, quella della peste del ‘300, quella della peste durante la Guerra del Peloponneso o durante l’invasione dei bizantini in Italia dell’XI secolo.

Può ancora forse considerarsi una pandemia quella dell’asiatica che ha fatto un milione di morti nel 1960. Ma certamente non possiamo definire una pandemia una malattia che è stata gestita con cattiva terapia.

Si tratta sostanzialmente di un’epidemia parainfluenzale. Il coronavirus è il virus del raffreddore, forse rielaborato in qualche laboratorio cinese con la speranza di fare un vaccino RNA contro l’HIV, cosa che non è mai stata possibile.

Libri e varie...

Non è stata una pandemia, perché la spagnola, che lo è stata, ha fatto circa 700-800mila morti solo in Italia. Quella di adesso pare ne abbia fatti circa 30.000, considerando tanti errori, le mancate autopsie, i falsi calcoli di attribuzione di soggetti che avevano come media 81 anni. Quindi, chiamare pandemia questa cosa è una stupidaggine dal punto di vista nosografico, linguistico e culturale.

Anche la fola (favola) che raccontano del vaccino è un’immensa stupidaggine. I virus non danno immunità permanente, infatti il raffreddore uno se lo può riprendere puntualmente, e soprattutto mutano continuamente. Quindi pensare che arriverà un vaccino risolutivo per questo virus RNA è una solenne assurdità.

In compenso si sono fatti danni per alcuni miliardi di euro riducendo il prodotto interno lordo del 20%, cosa che non era riuscita a fare nessuna vera pandemia”.

Le ipotesi del Professor Meluzzi sulle diverse Regìe

D: Perché lo hanno fatto? Siamo stati vittime del più grande esperimento sociale di sempre, come ha ipotizzato il professor Becchi, o è un mezzo per arrivare a un fine?

Siamo stati sicuramente soggetti di una sperimentazione sociale, la più grande che sia mai avvenuta, e di fronte alla più grande pubblicizzazione di una malattia umana che sia mai avvenuta nella storia. Perché questo sia stato fatto e se è stato fatto da un’unica regia sinceramente non lo so.

Probabilmente convergono diverse regie: big pharma e fabbricanti di vaccini, “governicchi” che dovevano cercare di rimanere in piedi, quelli che volevano colpire i governi sovranisti, che infatti sono stati al centro delle critiche, come quelli di Trump, Bolsonaro, Orban e Putin. Un disegno sicuramente c’era, anzi ce n’erano diversi e convergenti”.

D: Secondo lei professor Meluzzi, è possibile controllare e privare delle libertà fondamentali sessanta milioni di persone semplicemente con la Paura?

“Questo è avvenuto anche perché è stata istituita una ‘psicopolizia’, una polizia sanitaria, un regime che ha tolto dei diritti costituzionali che non erano mai stati tolti, nemmeno durante la guerra”.

D: I governi (o chi governa i governi) hanno semplicemente approfittato di un’occasione che si è presentata inaspettatamente o ci sono elementi per dubitare che l’occasione, in qualche modo, sia stata creata?

“Il Governo aveva un’occasione per bloccare l’opposizione, per portare il Paese alla disperazione e per avere 75 miliardi, quelli del ministro del Tesoro, da spendere a debito e da restituire alla Germania e all’Olanda quando ce li chiederanno indietro, Mes o non Mes. Quindi hanno fatto un buon investimento e risulterà perfetto se non lo smaschereremo in itinere con una narrazione diversa”.

Libri e varie...

Il ruolo di Conte

D: È da agosto 2019 che Conte evoca la formula di un “nuovo umanesimo”. Ora si parla di una “nuova normalità” che saremo costretti ad accettare. Professor Meluzzi, Conte è un nuovo profeta?

Conte è un ‘avvocaticchio’ foggiano, in parte legato al Vaticano, in parte a piccole massonerie provinciali, e credo che sia stato uno degli uomini per ora più baciati dalla fortuna. Questo perché, essendo una nullità culturale, professionale e politica, mai votato neanche per fare l’amministratore di un condominio, si è ritrovato a pensare di essere Fabio Massimo Cunctator, dittatore durante l’entrata di Annibale in Italia“.

D: Una società fondata sul distanziamento sociale. Relazioni vissute attraverso delle maschere. Noi ricorderemo per sempre com’era la “vecchia normalità”, ma le nuove generazioni come cresceranno?

Le nuove generazioni per fortuna hanno la resilienza e recupereranno. Basterà un’estate normale al mare a far dimenticare le stupidaggini e le pressioni folli. Mi auguro che non siano avvenuti danni irreparabili, anche se qualcuno ci sperava.

Per quanto riguarda il rientro con mascherine, vedrà che le elimineranno presto e io mi adopererò perché vengano buttate nel cesso il prima possibile. Con l’ipercapnia, cioè con l’aumento di anidride carbonica nel sangue, e il calore di queste mascherine, il rischio di andare in coma, o almeno il rischio di rimanere rincoglioniti, è molto elevato“.

Quello che spaventa di più Meluzzi

D: Vaccini, debiti, controllo. Questo è il futuro che ci aspetta. Cosa la spaventa di più?

Per i vaccini c’è Bill Gates, uno psicopatico ‘nerd’ che spera di fare i vaccini mettendo un microchip, controllato dai satelliti 5G, per trasformarci in robot. Però non credo che gli andrà bene, perché vedo che anche questa meravigliosa App Immuni non è stata scaricata, se non da due milioni di utenti.

Mi spaventa più di tutto la stupidità umana e la possibilità di riuscire a condizionare il comportamento di milioni di persone, anche di media intelligenza, con un po’ di terrore. Nonostante lo schifo che si vede, come i magistrati che sembravano l’ultimo scudo della legalità, dell’onestà e della veridicità delle affermazioni, la gente ha una sua naturale tendenza al libro Cuore, a Pinocchio e alle favole, a credere a quello che le autorità le dicono“.

D: L’opposizione al governo è stata inesistente. Professor Meluzzi ha ancora senso andare a votare?

Io credo che un po’ di opposizione ci sia stata. I poveri Salvini e Meloni, piegati da un potere unilaterale, hanno cercato di fare la loro parte, con il Quirinale al vertice della gestione della situazione, coi i poteri internazionali dell’unione europea, dell’OMS e dell’ONU allineati.

L’altra sera ho rimproverato in televisione Giorgia Meloni che ha fatto bene a partecipare alla manifestazione del 2 giugno con le Mascherine tricolori ma avrei preferito meno mascherine e più tricolore“.

Forze dell’ordine e i Media

D: Chi sono i veri colpevoli di questa situazione? I politici, i mass media, i medici, le forze dell’ordine o il popolo che ha accettato tutto? 

Come ho detto prima, i colpevoli sono diversi registi convergenti. Le forze dell’ordine poverine si sono allineate perché prendono persino i pugni in faccia dai nigeriani che hanno scorrazzato liberi per le città. Quindi che possono fare?

Quelli prendono una divisa, uno stipendio e oltretutto hanno anche fatto una cosa che nessuno ha detto ma che rivelo a lei. Soprattutto in questa fase, dove dovevano arrestare i pensionati che portavano a spasso il cane e li seguivano con gli elicotteri, per invogliarli un po’ hanno dato delle indennità di ordine pubblico. Queste sono le stesse che si prendono quando si deve fare la ‘guerra’ coi manganelli e i caschi contro i black bloc, o quando si va negli stadi e ci sono i facinorosi delle curve. Quindi con questo incentivo hanno preso uno stipendio un po’ più grosso e per questo non si sono tanto lamentati. Certo però fermare i pensionati fuori col cane mi sembra veramente troppo”.

D: Siamo ancora in tempo per fermarli? Cosa possiamo fare professor Meluzzi?

Innanzitutto divulgare, parlare con la gente, liberarla dai condizionamenti, ragionare, aprire dei canali di comunicazione. Tenga presente che la potenza del mainstream generalista è formidabile, chiaramente governato da Soros, Rothschild & co. Se lei comincia a sentire una cosa dal mattino alle 4 fino alla sera alle 2 al TG1, TG2, TG3, Canale 5, La7, tutte le reti principali, grandi giornaloni come Corriere della Sera, Stampa, Repubblica, Il Fatto, capisce che il bombardamento è quasi invincibile.

Per fortuna l’informazione, come l’acqua, anche se coperta con delle pietre, trova un canale per uscire, come anche in questo caso. Anche a costo di essere bollati irresponsabili, complottisti, o minacciati, come è successo a me. Una poverina, che non ricordo nemmeno come si chiama, una blogger, Salvaggia qualche cosa, Cuccarelli (Selvaggia Lucarelli – ndr) ha detto perfino che avrei dovuto essere deferito all’ordine dei medici”.

Articolo di Denise Baldi

Fonte: https://www.oltre.tv/meluzzi-vaccini-debiti-controllo-stupidita-umana/

Libri e varie...
IL GRANDE FRATELLO CI GUARDA
Le armi del controllo sociale e la sorveglianza tecnologica
di Giuseppe Balena

Il Grande Fratello ci Guarda

Le armi del controllo sociale e la sorveglianza tecnologica

di Giuseppe Balena

Esiste ancora la privacy o siamo tutti controllati? Come viene violato sistematicamente e quotidianamente il nostro diritto alla riservatezza?

Telecamere, navigatori satellitari, cellulari, smart tv, controllo delle transazioni commerciali e finanziarie: siamo forse tutti sotto controllo come profetizzava in 1984 George Orwell?

Lo scopo del libro è analizzare nel dettaglio le modalità di controllo esercitate nei confronti dei cittadini, in particolare le tecniche del controllo nella vita quotidiana e come queste siano subdole, invisibili ed enormemente estese.

L'autore rintraccia le origini della sorveglianza e del controllo nei confronti di tutti noi, arrivando a individuare la linea futura di avanzamento di questo processo, analizzando il ruolo preminente dello sviluppo tecnologico e l'intreccio controverso con le grandi multinazionali del settore.

Il testo è un viaggio nell'evoluzione della sorveglianza del cittadino effettuato dai poteri forti e dai grandi colossi commerciali.

Dalla New Surveillance alle attività dell'NSA, fino alle vicende recenti di Wikileaks. Dalla tecnologia RFID al riconoscimento biologico; dal controllo effettuato tramite i social network fino allo sviluppo controverso del cosiddetto "Internet delle cose".

Leggendo questo libro scoprirai:

  • il controllo di massa tramite la tecnologia;
  • il controllo delle transazioni finanziarie (carte di credito, uso limitato del contante) e commerciali (il codice a barre, smart card, card delle promozioni);
  • i microchip e il controllo RFID nei prodotti di consumo;
  • gli scenari futuri e la deriva virtuale.
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *