La Guerra contro i Bambini

di Marcello Veneziani

Omofobia, xenofobia, islamofobia… E se l’emergenza dei nostri giorni fosse invece la puerofobia? Non sopportiamo più i bambini, li maltrattiamo, li usiamo e li abusiamo, calpestiamo i loro affetti primari, la loro natura e la loro indole infantile. Meglio i cani o i gatti che avere bambini tra i piedi. Siamo alla guerra civile contro l’infanzia.

La triste storia di Bibbiano dei bambini sottratti con la forza e la menzogna alle loro famiglie è la punta di un iceberg inquietante, ma anche l’emblema di una guerra ai bambini e alla famiglia naturale. Su altri piani, sono quotidiani i casi di violenze e sevizie, anche mortali, inflitte ai bambini nella più tenera età. Genitori solitamente tossici si accaniscono coi loro figli con crudeltà inumana, insofferenti alle loro minime turbolenze.

Nello stesso tempo emergono periodicamente siti pedofili, traffici di bambini e tentativi di adescarli su strada. Intanto perdura inattaccabile l’industria dell’aborto, la soppressione dei bambini indesiderati. E il racket delle adozioni, le battaglie contro la fertilità, la maternità e le famiglie naturali. Storie diverse, piani differenti, ma vanno tutte in una direzione: la guerra molecolare contro i bambini. È ormai a pieno regime l’Opera Nazionale contro la Maternità e l’Infanzia.

Libri e varie...

Il bambino è considerato l’Intruso, l’Intralcio alla nostra vita e alla nostra libertà, o semplicemente un pacco postale da rispedire, un materiale da smaltire, come un rifiuto tossico, o un oggetto di consumo, di sfogo sessuale, di perversione o una vittima sacrificale su cui scaricare la vita, il lavoro e il mondo che non ci piace. Ma quando metti insieme la campagna assordante contro la famiglia naturale e tradizionale, il pregiudizio che si cresca meglio demolendo le figure genitoriali e ripudiando i padri e le madri naturali, più il controllo invasivo della struttura pubblica sulle famiglie, il risultato è quello.

Quel che resta della brutta storia di Bibbiano, oltre le responsabilità penali e civili dei protagonisti, è il rifiuto della famiglia. Non è più considerata il focolare ma il focolaio di tutte le infezioni sociali, dal sessismo al razzismo, dal familismo all’omofobia. Dunque sottrarre i figli alla famiglia naturale è progresso, è emancipazione. Meglio genitori adottivi, magari omosessuali o lgbt, meglio le strutture pubbliche, le costosissime case-famiglie, che l’alveo naturale in cui sono nati.

A tutto questo si aggiunge il connotato di fondo, la denatalità, l’assenza di futuro delle nostre società imbevute di presente, l’egoismo dei genitori, eterni ragazzi che non vogliono cedere quote di vita e piacere all’egocentrismo sovrano dei bambini che competono coi capricci degli adulti ed esigono rinunce. L’unica forma di natalità compatibile è quella dell’ “utero in affitto”; tutto meno che la procreazione secondo natura. Gli unici bambini su cui si esercita ancora una tenerezza umanitaria sono migranti; i bambini restanti in Africa nella miseria più nera, interessano assai meno. Lontani dal video, lontani dal cuore.

Bambini plagiati e venduti nel nome dell’infanzia guidata da assistenti sociali e psicologi, bambini violentati nel nome del piacere sessuale, perfino bimbi malati eliminati nel nome dell’eugenetica o della dolce vita dei loro genitori. E bambini vietati nei luoghi della vacanza e del divertimento. Un posto fashion, è per definizione proibito ai bambini, ai passeggini, alle famiglie tradizionali coi marmocchi. A malapena sono ammessi i vecchi, purché potenti, abbienti o travestiti da giovani.

Ma i bambini no, in assoluto, perché sono per definizione proletari, non sono elettori e tantomeno eletti, e non sono consumatori attivi della droga, del sesso, dei viaggi, dei consumi, ma solo vittime passive. I pochi superstiti del regno infantile sono trattati coi guanti gialli, ipernutriti, benvestiti e tecnologicamente accessoriati, anche se poco educati alla vita reale e alle buone maniere; sono specie protetta, tecnologicamente avanzata, macchinette accessoriate, dotate di ogni comfort, eccetto i genitori e la comunità intorno.

Certo, è meglio vivere in società avare di bambini e piene di fobie, come la nostra, che in società in cui i bambini muoiono di fame o sono mandati a morire in guerra. Meglio vivere in una società come la nostra, dove vedi bambini confinati nei recinti dell’idiozia, squallida o lussuosa che sia, piuttosto che in paesi dove li usano come agnelli sacrificali, sgozzati o mandati a morire nel nome di Allah.

Nei paesi islamici ho visto il sangue e il dolore dei bambini portati al piccolo macello rituale, per l’infibulazione o più frequentemente la circoncisione; li ho visti avvolti in panni di sangue, tra le lacrime; e ho pensato al sereno rituale dei nostri battesimi cristiani, prime comunioni e cresime, dove il massimo era un po’ d’acqua in faccia alla creatura in fasce o il buffetto rituale per diventare soldati di Cristo. Ma per il catechismo dominante, il male principale da rimuovere è la nostra religione coi suoi simboli e riti. Per questa ragione ai nostri bambini si preferisce negare pure il presepe e i canti di Natale, visti come segni di xenofobia…

Insomma su piani diversi siamo alla guerra all’infanzia. I bambini sono visti come i nemici dell’umanità perché ricacciano nel passato, ipotecano il presente e usurpano il futuro. E invece dovremmo riaprire le frontiere familiari e accogliere i bambini, dar loro asilo. Mai parola fu più azzeccata per un popolo di piccoli profughi clandestini, costretto a lasciare la madrepatria e a vivere sotto mentite spoglie perché indesiderati. Di loro sarà il regno dei cieli; ma in terra da noi scarseggia chi è disposto ad accoglierli secondo natura e umanità.

Articolo di Marcello Veneziani – Panorama, n.32 (2019)

Fonte: https://www.marcelloveneziani.com/articoli/la-guerra-contro-i-bambini/

Libri e varie...
ASSALTO ALL'INFANZIA
Come le corporation stanno trasformando i nostri figli in consumatori sfrenati
di Joel Bakan

Assalto all'Infanzia

Come le corporation stanno trasformando i nostri figli in consumatori sfrenati

di Joel Bakan

Le ciniche strategie di mercato che le grosse aziende internazionali stanno adottando per fare in modo che i giovani diventino consumatori fedeli.

Gli esseri umani, come tutti gli animali, hanno la tendenza naturale a difendere la propria vulnerabile prole dai pericoli, questo probabilmente non solo per un senso civile, ma anche per istinto di conservazione della specie. Ma l'assalto all'infanzia cui fa riferimento il titolo è una forma di attacco subdolo, di cui non si riescono a percepire i reali pericoli.

C'è forse qualcosa che non va se milioni di bambini e teenager paiono totalmente risucchiati dai videogame e dalla vita sociale online, e passano più tempo a maneggiare i vari strumenti elettronici di quanto ne trascorrono a scuola? Forse dovremmo preoccuparci se molto di ciò che gli passa davanti ha a che fare con situazioni di violenza o presenta imbarazzanti riferimenti sessuali.

Perché l'obesità infantile è sempre più in aumento? Forse a causa delle tante campagne pubblicitarie incentrate su prodotti fortemente zuccherati e pieni di grassi saturi? E come mai i medici tendono sempre più a trattare i comportamenti aggressivi dei bambini con la somministrazione di antidepressivi?

Con questo libro-manifesto Joel Bakan ci apre gli occhi sul fatto che tutti questi fenomeni, e molti altri, non sono casuali, ma derivano da precise scelte industriali e commerciali, cinicamente progettate e perseguite dalle grandi corporation, che da tempo puntano con forza al ricco mercato dell'infanzia e dell'adolescenza. Il loro obiettivo? Trasformare i nostri ragazzi in consumatori sfrenati.

Ma è arrivato il momento di dire basta.

...

2 commenti

  1. I bambini fanno parte della specie debole indifesa e quindi sono sempre stati oggetto di maltrattamenti e di abusi da parte di persone senza scrupoli, sono stati venduti, anche in passato per i soldi, anche dalle stesse famiglie (conosco più di un caso) Erano ovviamente famiglie prive di soldi, e anche gli abusi di oggi, sono effettuati su bambini deboli in quanto debole è la loro famiglia. L’essere umano è ampiamente brevettato per abusare del più debole; del resto anche gli stessi governi replicano questa mentalità ed emanano leggi a favore del più forte e della maggioranza, ignorando completamente la minoranza, questo modo di agire è compiaciuto da tutti e quindi… fa parte della mentalità umana. vi saranno sempre abusi sui bambini “deboli” in quanto è questa la mentalità dell’essere umano o per gusto o per soldi

  2. Stella Busetto

    Articolo interessante ma di parte anch’esso. Non si può negare, ma lo si vuole, che usi, costumi, credenze e tradizioni oscurantiste foraggiati od occultati anche dal clero cattolico non abbiano in passato (?)fatto diventare veramente moltissime famiglie centri di sofferenze inaudite per comportamenti violenti e inaccettabili nei confronti dei figli, derivati a loro volta dalle convinzioni inculcate a madri e padri; e bacini di dolore costante ma nascosto a causa di obblighi e veti assurdi. Oggi si passa dalla parte opposta con la stessa indifferenza carica di dolore devastante perchè si agisce con la testa e mai col cuore, con i protocolli e non con valutazioni libere da pregiudizi e condizionamenti a loro volta utilizzati con pratiche manipolatrici. Si potrebbe dire che è il risultato di tutto ciò che si è mosso precedentemente. Ma quante anime si aprono alla compassione, non al pietismo, e operano nell’intento di bonificare alla fonte tutto ciò? Non sono le religioni che salvano perchè ormai possiamo veramente affermare che sono tutte apportatrici di paradigmi nei quali si accetta la sofferenza. E’ secondo me la fede nella vera consistenza di Amore che porta gioia, diritto di tutti i bambini e delle loro madri e dei loro padri e di ognuno di noi . Iniziamo a mandare in distanza tutto ciò che avalla la sofferenza? Cominciamo a dire NO a tutte le affermazioni che la danno per scontata? Più crederemo di meritare una vita migliore e più permetteremo a questo Pianeta di essere una Terra in AmoreVero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *