L’esperienza nell’Aldilà del piccolo Colton

Il piccolo Colton Burpo racconta la sua esperienza nell’Aldià: un’altra incredibile testimonianza!

L'esperienza nell'Aldilà del piccolo Colton

Il piccolo Colton

È il 2003. Il 4 luglio – festa nazionale negli Stati Uniti – una normale famiglia americana, i Burpo, che vive nel Nebraska, a Imperial, paesino agricolo che ha appena «duemila anime e neanche un semaforo», sta stipando di bagagli una Ford Expedition blu. Stanno partendo verso Nord per andare a trovare lo zio Steve, che vive con la famiglia a Sioux Falls, nel South Dakota (hanno appena avuto un bambino e vogliono farlo vedere ai parenti).

L’auto blu imbocca la Highway 61. Alla guida c’è il capofamiglia Todd Burpo, accanto a lui la moglie Sonja e sul sedile posteriore il figlio Colton, di quattro anni, con la sorellina Cassie. Fanno rifornimento a una stazione di servizio nel paese dove nacque il celebre Buffalo Bill, prima di affrontare immense distese di campi di granoturco. È la prima volta in quattro mesi che i Burpo si concedono qualche giorno di ferie, dopo la scioccante vicenda che hanno vissuto il 3 marzo di quell’anno.

Il piccolo Colton quel giorno aveva cominciato a stare male, ad avere un forte mal di pancia. Poi il vomito. Stava sempre peggio, finché i medici fecero la loro diagnosi: appendice perforata. Fu operato d’urgenza a Greeley, in Colorado. Durante l’operazione la situazione sembrò precipitare. Il bambino era messo molto male e passò qualche minuto assai critico. Poi però si era ripreso. Per i genitori era stata un’esperienza terribile. Lacrime e preghiere in gran quantità, come sanno tutti coloro che son passati da drammi di questo genere.

Dunque, quattro mesi dopo, il 4 luglio, la macchina giunge a un incrocio. Il padre Todd sa che girando a sinistra, a quel semaforo, si arriva al Great Plains Regional Medical Center, il luogo dove avevano vissuto la scioccante esperienza.

Quindi, per esorcizzare il brutto ricordo, il padre dice scherzosamente al figlio: «Ehi, Colton, se svoltiamo qui possiamo tornare all’ospedale. Che ne dici, ci facciamo un salto?». Il bambino fa capire che ne fa volentieri a meno. La madre sorridendo gli dice: «Te lo ricordi l’ospedale?». Risposta pronta di Colton: «Certo, mamma, che me lo ricordo. È dove ho sentito cantare gli angeli».

Gli angeli? I genitori si guardano interdetti. Era la prima volta che lo sentivano parlare così. Il bimbo, su richiesta dei genitori, racconta allora con naturalezza i particolari: «Papà, Gesù ha detto agli angeli di cantare per me perché avevo tanta paura. Mi hanno fatto stare meglio».

«Quindi, c’era anche Gesù?». Domanda il padre. Il bimbo fa di sì con la testa come se stesse confermando la cosa più banale del mondo. “Sì, c’era Gesù”».

«E dov’era di preciso?» domanda ancora il signor Burpo. Il figlio lo guarda dritto negli occhi e risponde: «Mi teneva in braccio».

I due genitori allibiti pensano che abbia fatto un sogno nel periodo d’incoscienza. Ma poi vacillano quando Colton aggiunge: «Sì. Quando ero con Gesù tu stavi pregando e la mamma era al telefono».

Alla richiesta di capire come fa lui, che in quei minuti era in sala operatoria in stato d’incoscienza, a sapere cosa stavano facendo i genitori, il bambino risponde tranquillamente: «Perché vi vedevo. Sono salito su in alto, fuori dal mio corpo, poi ho guardato giù e ho visto il dottore che mi stava aggiustando. E ho visto te e la mamma. Tu stavi in una stanzetta da solo e pregavi; la mamma era da un’altra parte, stava pregando e parlava al telefono». 

Poi aggiunse: «Non preoccuparti, mamma. La mia sorellina sta bene. L’ha adottata Dio. Staremo tutti bene di là, se vivremo nel suo amore». Di questa sorellina il bambino disse anche: «Non la finiva più di abbracciarmi».

Era tutto vero. La mamma di Colton aveva veramente perduto una bambina durante una gravidanza precedente. E naturalmente Colton, che era nato dopo, non l’aveva mai saputo, ma quella sorellina lui l’aveva incontrata in cielo e lei gli aveva raccontato ogni cosa.

Fonte: http://coscienzaitaliana.it

Libri e varie...

Esperienze di Premorte

Scienza e coscienza al confine tra fisica e metafisica

di Enrico Facco

ESPERIENZE DI PREMORTE
Scienza e coscienza al confine tra fisica e metafisica
di Enrico Facco

Il tema delle esperienze dei morenti o di chi, creduto morto, sia ritornato in vita, accompagna da sempre la storia dell'umanità, dai racconti di Omero e Platone sino alle odierne esperienze dei pazienti in condizioni di pericolo di vita.
 Le esperienze di premorte (Near Death Experiences, o NDE), fenomeno clinico frequente e complesso, ripropongono concretamente la necessità di una loro spiegazione scientifica e la questione della plausibilità dell'idea di una vita oltre la vita.
 Un'analisi accurata degli elementi scientifici, psicologici e filosofici utili ad una riflessione critica sulla natura delle NDE e quindi sull'enigma fondamentale della condizione umana da esse posto.
 Un percorso che conduce il lettore a scoprire come la mente e il mondo fisico da essa percepito siano più ampi di quanto comunemente non si sia portati a credere: pur trattando della fine della vita, questo libro in realtà aiuta a riscoprire il misterioso fascino dell'esistenza e superare la paura della morte....

Mamma Papà, Vedo la Luce

Una esperienza oltre i confini della Vita

di Evelyn Elsaesser Valarino

MAMMA PAPà, VEDO LA LUCE  - LIBRO
Una esperienza oltre i confini della Vita
di Evelyn Elsaesser Valarino

Una ragazzina, dopo essersi ammalata gravemente di leucemia, acquista gradualmente consapevolezza di dover morire. Lungo questo percorso solitario, si scopre confortata e nutrita dalla speranza grazie alle sue conversazioni notturne con una "voce" di grande saggezza. Questi intimissimi scambi le offriranno una diversa prospettiva della morte, conducendola a considerare come possibile l'ipotesi della sopravvivenza della coscienza. Con l'aiuto degli insegnamenti trasmessi, la bimba sarà sottoposta a un processo accelerato di maturazione che la porteranno a liberarsi da ogni timore della morte.
 L'esperienza della Dr.ssa Evelyn Elsaesser Valarino nel campo delle esperienze di pre-morte (NDE) ha ispirato questo stupefacente romanzo che potrà essere di grande aiuto sia per le persone affette da malattie terminali che per i loro cari che dovranno accompagnarli in questo passaggio e affrontare a loro volta il processo del lutto. Così come per tutte le persone che sono sensibili al senso definitivo del destino umano e desiderano riflettere su questo essenziale aspetto della vita.
 L'edizione italiana è corredata da un approfondimento a carattere scientifico, sul fenomeno delle esperienze transpersonali legate alla morte, ovvero le esperienze di pre-morte (NDE), le visioni e le espansioni di coscienza dei malati terminali (NDA), e le esperienze di contatto spontaneo con i defunti (VSCD).
 Anteprima - Mamma Papà, Vedo la Luce - Libro Leggi in anteprima l'introduzione di Kenneth Ring, Professore emerito di psicologia nell'Università del Connecticut e cofondatore ed ex presidente della IANDS: International Association for Near-Death Studies.
 Platone ci ha insegnato che l'obiettivo fondamentale della filosofia è quello di preparare l'uomo alla morte. Nulla, ai suoi occhi, era più importante e, nei due millenni che hanno succeduto la sua morte, niente di quanto è avvenuto ci lascia credere il contrario.
 La morte, e ciò che segue dopo, ammettendo che ci sia un dopo, rimane il grande e apparentemente insondabile mistero alla cui sola evocazione si possono scatenare le più forti paure. Quanto grande sarà allora il terrore di chi dovrà affrontare un'imminente discesa nel vuoto, nel nulla della morte? Come potremmo realmente "prepararci" alla fine di tutto?
 Per guidarci Platone ci ha lasciato i suoi Dialoghi ed Evelyn Elsaesser-Valarino, autrice di questo libro emotivamente sconvolgente, seguendo la stessa tradizione, ci offre ciò che in realtà si rivela essere un monologo sullo stesso soggetto.
 Così come la vivacità dei dialoghi fra Socrate e i suoi interlocutori rendono la lettura affascinante, Evelyn, al fine di catturare sin dalle prime righe la nostra attenzione, si è servita di un espediente letterario: ha scritto un testo che assomiglia a un romanzo o forse, più modestamente, solo a una "storia", benché in realtà si tratti di una cosa completamente diversa. Il mio compito in questa prefazione consiste nel precisarvene il vero senso.
 A prima vista Mamma, Papà vedo la Luce, è il racconto, narrato in prima persona, di una ragazzina che si ammala gravemente. Sarà bene però non cadere nell'errore di pensare che si tratti di uno di quei numerosi libri sentimentali volti solo a toccare le corde emotive del lettore oppure credere di essere davanti a un'opera il cui soggetto tratti dell'intervento sovrannaturale di esseri angelici portatori di messaggi edificanti che ci dovrebbero elevare spiritualmente fornendoci una blando conforto.
 No, in realtà, via via che seguiamo il viaggio della nostra eroina senza nome, mentre percorre le diverse fasi della sua malattia, avviene qualche cosa di totalmente diverso e, grazie all'abilità narrativa e alla competenza psicologica dell'autrice, ci rendiamo improvvisamente conto di essere partiti per il medesimo viaggio.
 Continua a leggere > Anteprima - Mamma Papà, Vedo la Luce - Libro...

Nde Visioni Premorte

di Davide Vaccarin

EBOOK - NDE VISIONI PREMORTE
di Davide Vaccarin

Pur essendo io un Medico questo libro non è, neppure da lontano un trattato di medicina. Questo libro non parla neppure di religione. A volte la religione è un assieme di dogmi e regole di comportamento che dicono alla persona come adorare una divinità. Probabilmente questo è l'esatto contrario di quello che chi ritorna racconta. Usando le parole di una cara persona di cui troverete il racconto, quando le hanno chiesto di che religione fosse, dopo l'esperienza che ha vissuto lei candidamente ha risposto "di tutte, perchè dove sono stata differenze non ce n'erano". Per esperienze premorte o NDE (Near Death Experience) si intendono una serie di esperienze psichiche vissute durante stati alterati della coscienza – politrauma, stati di shock, trauma cranico… Le persone che hanno subito esperienze premorte sono individui normalissimi che ad un certo punto della loro vita, per uno stato alterato della coscienza, riferiscono di aver vissuto qualche cosa che non avrebbero mai pensato potesse loro accadere. Al "ritorno" come molti amano definire il risveglio, non hanno generalmente più paura della morte, che viene accettata come un fatto naturale. Davide Vaccarin racconta 18 storie di esperienze premorte, riportando e descrivendo le sensazioni provate, gli elementi che le caratterizzano – tunnel, luce, percezione distorta del tempo, scorrere di scene della propria vita, risveglio, … -, i cambiamenti delle persone cha hanno vissuto una NDE. Affrontando lo sudio delle esperienze premorte Davide Vaccarin, medico, ha cambiato profondamente il modo di intendere la professione medica, la malattia ed il rapporto con i pazienti, approfondendo problematiche di fine vita e terapie antalgiche....

La Vita nell'Aldilà

Viaggio oltre l'esistenza terrena

di Lindsay Harrison, Sylvia Browne

LA VITA NELL'ALDILà  - LIBRO
Viaggio oltre l'esistenza terrena
di Lindsay Harrison, Sylvia Browne

Un libro che è anche un'avventura dello spirito, nel corso della quale 
il lettore viene guidato in quella dimensione sconosciuta e inquietante che si chiama aldilà.
 Al di là di tutto ciò che vediamo, sentiamo, tocchiamo, esiste un'altra dimensione, un universo sconfinato che avvolge la nostra vita. E da lì che veniamo, è lì che faremo ritorno.
 Nessun paradiso oltre le nuvole, ma un mondo reale quanto il nostro, che scorre su un'altra frequenza a un passo da noi, e a volte ci sfiora. Ritorna. Magari in un déjà vu, un sogno, una 'coincidenza' inspiegabile.
 Questo libro è come un passaggio segreto che conduce a quella dimensione. Un varco attraverso cui spiare le risposte agli enigmi che ci tormentano da sempre:
  che cosa c'è dopo la morte? che cosa si prova nel momento del distacco?
 chi sono gli angeli? e i fantasmi?
  è possibile mettersi in contatto con chi ci ha lasciato?
 A illuminare il cammino nelle regioni inesplorate della nostra mente è Sylvia Browne, la più famosa sensitiva d'America, che usa i propri poteri medianici e l'aiuto del proprio "spirito guida" per mettersi in contatto con quel mondo e trasmetterci le sue visioni.
 La sensitiva rivive in queste pagine la sua personale scoperta dell'aldilà: le prime visioni medianiche dell'infanzia, le testimonianze dei suoi pazienti che durante le sedute di ipnosi avevano ricordi delle vite precedenti, gli studi sulla reincarnazione, ma soprattutto l'esperienza di 'premorte' avuta dalla medium durante il coma in seguito a un incidente stradale.
 Evocate da una scrittura vivida e immediata, le immagini si stagliano sulla pagina come in sogno.
 C'è un tunnel, in fondo al quale si intravede una luce. E poi... nessuna fine, nessun inizio, ma un unico eterno flusso temporale. Perché la vita non finisce mai. A poco a poco lo sguardo si solleva e sotto i nostri occhi si spalanca un intero universo con le sue creature e i suoi spazi immensi, dove si compongono tutte le contraddizioni dell'esistenza: schiudete questo libro come un paio d'ali.
 Indice Premessa
 1. L'Aldilà: come so ciò che so
2. La religione e l'Aldilà: altre domande, altre risposte
3. La morte: comincia il nostro viaggio nell'Aldilà
4. Dopo il tunnel: arrivando nell'Aldilà
5. Come si presenta l'Aldilà? Il paesaggio, il tempo e l'architettura
6. Oltre l'entrata: dove viviamo, lavoriamo, giochiamo e preghiamo
7. Le persone del luogo: chi ci sta aspettando nell'Aldilà?
8. Trascorrere il tempo nell'Aldilà: carriere, ricerca e svago
9. Il viaggio di ritorno: dall'Aldilà alla Terra
10. Il momento dei saluti
 Conclusione
Appendice
Ringraziamenti...

Viaggi ai Confini della Vita

Le esperienze di pre-morte ed extra-corporee in Oriente e Occidente: un'indagine scientifica

di Ornella Corazza

VIAGGI AI CONFINI DELLA VITA  - LIBRO
Le esperienze di pre-morte ed extra-corporee in Oriente e Occidente: un'indagine scientifica
di Ornella Corazza

L'Uomo non ha Corpo distinto dalla sua Anima; perché quello che è chiamato Corpo è una porzione dell'Anima distinta dai cinque sensi, i punti d'ingresso principali all'Anima in quest'epoca.
 William Blake
 Le esperienze di pre-morte, dette NDE dall'acronimo inglese che sta per Near Death Experience, affascinano tutti, dai teologi ai sociologi, dai filosofi ai neuroscienziati, perché ripropongono interrogativi che l'uomo si pone da sempre: chi siamo?
 Che ne è della vita dopo la morte? Dio esiste? Che rapporto c'è tra anima e corpo?
 In questo libro innovativo, caratterizzato da una prospettiva transculturale, Ornella Corazza introduce a una nuova comprensione dei fenomeni legati a queste straordinarie esperienze, mostra il loro impatto sulla persona e sulla sua vita, e discute le spiegazioni scientifiche, e non, dominanti.
 Per invitarci infine a ristabilire una connessione più profonda con noi stessi e la nostra natura fisica, poiché non solo abbiamo, ma siamo il nostro corpo....

Tornati dall'Aldilà

di Antonio Socci

TORNATI DALL'ALDILà  - LIBRO
di Antonio Socci

Il 12 settembre 2009, Caterina, figlia ventiquattrenne di Antonio Socci, ha un arresto cardiaco ed entra in coma. Oggi, per la prima volta, suo padre racconta l'esperienza di premorte vissuta da Caterina e da altre persone che possono testimoniare di aver visto il paradiso.
 È il primo libro in cui un autore cattolico indaga queste incursioni del soprannaturale nella vita di tutti i giorni.
 Socci passa in rassegna le ricerche scientifiche (pubblicate per esempio su "Nature") che analizzano i casi di premorte dal punto di vista dell'attività neuronale, e giunge alla conclusione che si tratta del dono divino della grazia di chi è riuscito a tornare indietro e può farcene partecipi e di chi ha la possibilità di comunicare con il mondo dei morti.
 "C'è uno scetticismo triste e superficiale che si esprime nella vulgata popolare con la frase: 'dall'Aldilà non è mai tornato nessuno'. S'intende dire che, in fin dei conti, quelle sull'oltretomba sono tutte congetture, ipotesi, magari anche vere, ma chi lo sa davvero se c'è qualcosa?"
Antonio Socci...
AVVENTURE NELL'ALDILà
Viaggi fuori dal corpo e potenziamento spirituale
di William Buhlman

Il fine di questo libro è di fornire intuizioni riguardo al cammino spirituale che abbiamo davanti. Quanto più preparati siamo, tanto più grande è il nostro potere di accelerare la nostra crescita personale e di preparci a quello che incontreremo nella vita dell’aldilà
 Avventure nell’aldilà è un potente viaggio di risveglio spirituale e illuminazione e una coraggiosa ricerca di risposte su quello che ci attende dopo la morte. Viene messa in discussione la tradizionale idea di quello che si suppone sia il paradiso e viene presentata un’e­sauriente, nuova visione della continuazione della nostra vita.
 In seguito a una diagnosi di cancro, William Buhlman ha ricercato delle risposte ai misteri della nostra esistenza dopo la morte. Con­frontandosi con la sua mortalità, ha sperimentato profonde intui­zioni riguardo a ciò che è al di là del nostro corpo fìsico.
 In quest’opera l’autore riporta le sue esperienze fuori dal corpo e i suoi “sogni lucidi” con la voce di un personaggio di fantasia, Frank Brooks. Le intuizioni che ne emergono sono a volte sorprendenti, ma ci perviene un chiaro messaggio: noi siamo potenti esseri spirituali e plasmiamo la nostra realtà ora e nel futuro.
 Lo scopo di questo libro è di prepararci per i numerosi ambienti reattivi al pensiero di cui faremo esperienza....

Avventure nell'Aldilà

Viaggi fuori dal corpo e potenziamento spirituale

di William Buhlman

Il fine di questo libro è di fornire intuizioni riguardo al cammino spirituale che abbiamo davanti. Quanto più preparati siamo, tanto più grande è il nostro potere di accelerare la nostra crescita personale e di preparci a quello che incontreremo nella vita dell’aldilà

Avventure nell’aldilà è un potente viaggio di risveglio spirituale e illuminazione e una coraggiosa ricerca di risposte su quello che ci attende dopo la morte. Viene messa in discussione la tradizionale idea di quello che si suppone sia il paradiso e viene presentata un’e­sauriente, nuova visione della continuazione della nostra vita.

In seguito a una diagnosi di cancro, William Buhlman ha ricercato delle risposte ai misteri della nostra esistenza dopo la morte. Con­frontandosi con la sua mortalità, ha sperimentato profonde intui­zioni riguardo a ciò che è al di là del nostro corpo fìsico.

In quest’opera l’autore riporta le sue esperienze fuori dal corpo e i suoi “sogni lucidi” con la voce di un personaggio di fantasia, Frank Brooks. Le intuizioni che ne emergono sono a volte sorprendenti, ma ci perviene un chiaro messaggio: noi siamo potenti esseri spirituali e plasmiamo la nostra realtà ora e nel futuro.

Lo scopo di questo libro è di prepararci per i numerosi ambienti reattivi al pensiero di cui faremo esperienza.

...

Un commento

  1. Bellissima testimonianza! Il bambino racconta ai suoi genitori l’esperienza vissuta mentre veniva operato:descrive una situazione di grande armonia e amore, che è comune a tutte le persone che hanno avuto un’esperienza di premorte! Vede i suoi genitori mentre sono disperati che pregano, ed incontra la sua sorellina di cui era ignaro …Non siamo mai soli, dall’Altra parte c’è chi veglia su di noi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*