Inizia l’Anno orribile del Regime Sanitario

di Marco Gervasoni

Il genere “come sarà l’anno nuovo” è sempre piuttosto beneaugurante, un po’ melassa, un po’ ipocrisia, un po’ malafede. Noi che detestiamo le pietanze zuccherate, e ancor più ipocrisia e malafede, invece pensiamo che il 2021 sarà un anno orribile, perché coinciderà con il consolidamento del Regime sanitocratico.

LeoniBlog Quanto durerà questo Stato di polizia? - LeoniBlog

Che, non bisogna farsi illusioni o colorare di sogni la realtà, è evidente: basti dire che, se un anno fa, qualcuno ci avesse detto che, ovunque nel mondo, i governi sarebbero riusciti con incredibile facilità financo a impedire ai cittadini di uscire di casa, oltre a far chiudere quasi tutte le attività, lo avremmo preso per un folle.

Vaccini e Campagna vaccinale

Il consolidamento del regime sanitocratico avverrà attraverso un’accorta gestione politica della campagna vaccinale, visto che non ha nessuna intenzione di tornare allo status quo ante 2020: tutto il grumo di poteri e di interessi e di sovvenzioni che si è stratificato attorno alle politiche di lockdown, non intende certo cedere cosi facilmente.

L’arrivo dei vaccini, più rapido del previsto, ha, da un lato, rotto i piani di coloro che sognavano un eterno, permanente lockdown. Ma ecco però che il vaccino può diventare comunque utile: da un lato giocando sui tempi della somministrazione, diluiti  in modo da tenere il più lungo possibile l’allerta emergenziale e la paura. Dall’altro, la campagna vaccinale sarà orientata a creare diverse categorie di cittadini: quelli vaccinati e quelli no. Ai primi saranno consentiti attività e movimenti, ai secondi saranno preclusi. E ovviamente non sarà una questione di scelta individuale, come vuol far credere la propaganda pro vax (isterica e paranoica come quella anti vax, di cui è l’altra faccia della medaglia). Le strutture sanitarie almeno italiane non potranno comunque garantire il vaccino a tutti coloro che lo desiderano: a quali categorie consentire di accedervi sarà quindi una scelta politica.

“Sindrome di Stoccolma”

E qui veniamo alla questione del governo. Il regime sanitocratico, una versione potenziata e aggiornata della tecno burocrazia prevista negli anni Quaranta da James Burnham in The Managerial Revolution, non è né di destra né di sinistra, esattamente come il regime manageriale. I tentativi di una gestione diversa della pandemia (Donald Trump, Jair Bolsonaro, ma pure i socialisti svedesi) sono stati soffocati, anche per propri errori ma soprattutto perché non avevano capito che gli uomini impauriti adorano essere comandati e sottomessi.

Questa conclusione costituisce una vittoria storica della filosofia del potere di un certo tipo di destra, diciamo vetero consevatrice e statalista, legge e ordine, assieme a quella di una vecchia sinistra, di marca collettivista, socialista e comunista, sempre refrattaria alla libertà individuale, vista come un pericolo. Il regime sanitocratico si nutre e si nutrirà sempre più di entrambi le fonti, per questo non è né di destra né di sinistra ma al contempo è di destra e di sinistra assieme.

Per tale ragione il regime sanitocratico favorirà i cosiddetti “governi di salute pubblica”, in cui destra e sinistra finiscono per stare assieme: che ovviamente dovranno operare nell’emergenza, sanitaria, ma che presto diventerà finanziaria, visto gli effetti disastrosi delle politiche di lockdown. E c’è da scommettere che, come l’Italia nel febbraio di un anno fa fu all’avanguardia nello sperimentare il regime sanitocratico, così lo sarà quest’anno sulla strada del governo di salute pubblica: che sarà quello della palude, della repressione e del conformismo (oltre che, ovviamente, delle tasse e dei tagli). Un nuovo Monti: ma molto più cattivo e molto più dannoso. Buon anno!

Articolo di Marco Gervasoni

Fonte: https://www.nicolaporro.it/inizia-lanno-orribile-del-regime-sanitario/

Libri e varie...
31 COINCIDENZE SUL CORONAVIRUS E SULLA NUOVA GUERRA FREDDA USA/CINA
di Francesco Amodeo

31 Coincidenze sul Coronavirus e sulla nuova Guerra Fredda USA/Cina

di Francesco Amodeo

La prima inchiesta giornalistica sulla pandemia da Covid19: Chi vorrebbe colpire la Cina lasciando al tempo stesso le ingestibili conseguenze di un lockdown nelle mani di Trump a ridosso delle elezioni presidenziali? Chi vorrebbe punirebbe i paesi disobbedienti? Chi ha interessi nel settore dei vaccini? E chi potrebbe creare un virus in laboratorio? Cosa renderebbe indispensabili misure di orwelliana memoria per il controllo della popolazione e delle nazioni? Cosa potrebbe congelare i processi democratici e creare un terreno di shock, utile a portare avanti misure altrimenti improponibili?

Se 3 coincidenze formano una prova; 31 dovrebbero quanto meno stimolare un dibattito.

Dalla quarta di copertina

La guerra tra le due superpotenze che rappresentano le più importanti economie del pianeta, Usa e Cina, è già in atto da tempo, nel silenzio generale. È una nuova guerra fredda, in chiave moderna. Un conflitto tecnologico.

Chi vince questa battaglia dirigerà il futuro. Gli americani l’hanno capito. Ma sanno anche che la stanno perdendo.

Per questo hanno lanciato moniti pesantissimi agli alleati, e non solo. Hanno fatto sapere che gli accordi con la Cina su materie come il 5G mettono in discussione la Nato e i rapporti di collaborazione tra i servizi di intelligence. Raccomandazioni a cui nessuno ha ubbidito. I più leali hanno fatto il doppiogioco. Altri credono di essere saltati sul carro vincente dell’imperialismo cinese.

Trump ha risposto con una guerra commerciale. Ma a qualcuno, quella risposta, non basta. La posta in gioco è troppo alta. C’è chi auspica un intervento radicale, estremo, immediato, paralizzante che possa fermare la Cina, disarcionare Trump e condurre ad un nuovo secolo di dominio americano.

Questo scenario ci riporta ai tempi della prima guerra fredda Usa/Urss e ci ricorda che quando gli Stati Uniti vengono minacciati, entrano in gioco forze e organizzazioni fuori da ogni controllo e pronte a tutto, anche a quello che scrivono nei loro documenti ufficiali: “si potrebbe trasformare la guerra biologica dal regno del terrore ad uno strumento politicamente utile.”

L’autore, partendo da questa folle ma radicata ideologia, analizza la pandemia come conseguenza di un deliberato attacco biologico. Gli scenari che documenta in questa inchiesta risultano tremendamente coerenti con quanto sta accadendo nel mondo anche se analizzati da due diverse prospettive che solo alla fine sembrano fondersi.

La domanda a cui prova a rispondere l’autore è Cui Prodest? A chi giova? Chi vorrebbe colpire la Cina lasciando al tempo stesso le ingestibili conseguenze di un lockdown nelle mani di Trump a ridosso delle elezioni presidenziali? Chi vorrebbe punirebbe i paesi disobbedienti? Chi ha interessi nel settore dei vaccini? E chi potrebbe creare un virus in laboratorio? Cosa renderebbe indispensabili misure di orwelliana memoria per il controllo della popolazione e delle nazioni? Cosa potrebbe congelare i processi democratici e creare un terreno di shock, utile a portare avanti misure altrimenti improponibili?

In questa inchiesta non si danno né sentenze né certezze ma si analizzano scenari e fatti che nessuno potrà smentire e che vi faranno vedere il Covid19 con occhi diversi. E se 3 coincidenze formerebbero una prova; 31 dovrebbero quanto meno stimolare un dibattito.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *