Il “Vertice di Samarcanda” segna il Fallimento del Progetto americano di Isolamento della Russia

di Luciano Lago

Il vertice SCO (Organizzazione per la cooperazione di Shanghai) con la partecipazione di Vladimir Putin e del presidente cinese Xi Jinping, ha mostrato che i tentativi di “cancellare” la Russia sulla scena internazionale sono falliti.

Al contrario il vertice dimostra che la sfera di influenza di Mosca si è notevolmente allargata verso l’Asia, il continente del massimo sviluppo economico e demografico. La Russia nella regione è sempre più percepita come “loro”, una potenza asiatica, mentre prima era considerato più come un “europeo”. Secondo gli esperti, il vertice rafforza la svolta della Russia verso est. 

Cosa è riuscita a ottenere la Russia nel primo giorno del forum di Samarcanda? Soprattutto, l’assemblea generale dei leader dei paesi SCO, che si sono riuniti a Samarcanda, è prevista per venerdì, ma anche giovedì – il primo giorno del vertice di questa organizzazione, che rappresenta la metà degli abitanti della Terra – si è rivelato essere di estremo interesse per gli incontri che si sono avuti fra massimi leaders. In particolare l’occasione ha attirato l’incontro tra i leader di Russia e Cina, Vladimir Putin e Xi Jinping. Era già il secondo quest’anno, ma il primo dall’inizio del conflitto ucraino.

La SCO include paesi con diverse tradizioni civili e culturali e modelli di sviluppo nazionale, ha ricordato Putin. Ma i “principi di uguaglianza e mutuo vantaggio, rispetto della reciproca sovranità” adottati dalla SCO hanno permesso di trasformarla in un “efficace meccanismo di cooperazione multilaterale” in un breve periodo storico, ha osservato il presidente. A fine anno possiamo aspettarci un fatturato record dell’interscambio tra i due paesi, ha affermato il leader russo. In precedenza, Mosca e Pechino si sono date il compito di portare questa cifra a 200 miliardi di dollari, e questo obiettivo sarà presto raggiunto.

Putin ha anche ringraziato il leader cinese per la sua “posizione equilibrata” sulla situazione intorno all’Ucraina. “I tentativi di creare un mondo unipolare hanno recentemente acquisito una forma assolutamente brutta”, ha detto Putin in un’intervista con il leader cinese, aggiungendo che tali tentativi sono inaccettabili per la stragrande maggioranza degli stati del pianeta.

Xi Jinping ha risposto che il mondo sta affrontando “tremendi cambiamenti inauditi nella storia”. Allo stesso tempo, “siamo pronti, insieme ai nostri colleghi russi, a dare l’esempio di una potenza mondiale responsabile e a svolgere un ruolo di primo piano, per portare un mondo in così rapido cambiamento su una traiettoria di sviluppo sostenibile e positivo, la TASS lo ha citato nel suo intervento.

Il leader della RPC ha anche invitato la Russia a rafforzare il coordinamento non solo all’interno della SCO, ma anche in altre sedi – la Conferenza sull’interazione e sulle misure di rafforzamento della fiducia in Asia (CICA), BRICS, oltre a difendere congiuntamente gli interessi dei paesi in via di sviluppo.

Ad ottobre si terrà il 20° Congresso del Partito Comunista Cinese – e a questo proposito Putin ha augurato a Xi “un ulteriore successo nell’attuazione dell’ambizioso piano per lo sviluppo dinamico della nazione cinese”. Al termine dell’incontro trilaterale ufficiale con il leader della Mongolia, Putin e Xi si sono alzati in piedi. I due leader, inoltre, non hanno fatto ricorso alle restrizioni anti-COVID: hanno parlato a distanza ravvicinata, senza mascherine.

Alla fine della prima giornata del vertice, l’addetto stampa di Putin, Dmitry Peskov, ha assicurato che la SCO non intende diventare un’alternativa alle organizzazioni militari e politiche occidentali: questa è “l’amicizia per il bene di qualcosa, e non contro qualcuno”. Tuttavia, prima che Putin e Xi avessero il tempo di parlare, il fatto stesso della loro conversazione era già stato condannato a Washington.

“Il mondo intero deve resistere alle azioni della Russia in Ucraina e ora non è il momento di fare affari con Putin come al solito”, ha detto John Kirby, coordinatore per le comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, parlando dell’incontro a Samarcanda. “Non crediamo che nessuno debba rimanere in disparte”, lo cita RBC.

Giovedì scorso, il vicedirettore aggiunto dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) Anjali Kaur, ha affermato che l’obiettivo di Washington in Asia centrale dovrebbe essere quello di “disaccoppiare” la regione dall’economia russa, riferisce RIA Novosti. Ha affermato che la situazione in Ucraina e le sanzioni contro la Russia in particolare “hanno colpito rotte commerciali, sistemi finanziari, rimesse… da milioni di migranti che vivevano in Russia”.

Giovedì scorso, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, ha reagito alla dichiarazione di Kaur: “Il caro sogno di Washington è quello di rompere tutti i legami di integrazione nello spazio post-sovietico. E nell’Unione Europea hanno già abbastanza successo in questo”, ha detto al quotidiano VZGLYAD.

Il piano di “sganciare” sta fallendo, così come qualsiasi tentativo di “isolare la Russia” in generale – questo è diventato evidente dopo il primo giorno del vertice, afferma Alexei Maslov, direttore dell’Istituto di studi asiatici e africani, presso l’Università statale di Mosca. I membri della SCO, inclusa la Russia, stanno lanciando progetti transfrontalieri su larga scala e stanno anche discutendo la questione degli insediamenti in valute nazionali, sulla base dell’esperienza dei sistemi russo e cinese. A giudicare dal primo giorno del vertice, molti membri della SCO sono interessati a questo”, ha affermato l’analista.

Tuttavia, il nostro Paese avrà molto tempo per dimostrare il suo riorientamento verso l’Asia, ha sottolineato il politologo. Per molto tempo tutti hanno percepito la Russia come uno stato più gravitante verso l’Europa, mentre la SCO è ancora un’organizzazione rivolta all’Asia, e ora al Medio Oriente. Un altro paese europeo, la Bielorussia, ha finora lo status di partner del dialogo. Ora la Russia sta gradualmente cambiando la sua idea di sé stessa come un paese del ‘mondo occidentale’ “.

“Ogni anno cresce il ruolo di Mosca nella risoluzione delle questioni asiatiche e l’incontro di Samarcanda è un altro contributo a questo processo”, ha precisato l’interlocutore. Maslov ha aggiunto: “La Russia sta diventando sempre più integrata economicamente in Asia: stiamo parlando della crescita dei flussi di merci e materie prime, ma anche di politica e più precisamente di questioni di sicurezza”.

In generale, per una maggiore integrazione, i paesi SCO devono stabilire la possibilità di trasferimento tecnologico, ne è certo l’esperto. “La Cina è diventata un leader tecnologico, l’India è molto indietro, l’organizzazione ha bisogno di mettersi al passo con altri paesi. E poi la maggior parte dei problemi della SCO sarà risolta”, ha detto Maslov.

Gli eventi degni di nota di giovedì includevano anche la firma di un memorandum d’impegno da parte dell’Iran nell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, aprendo la strada a Teheran per diventare un membro dell’organizzazione. Secondo Putin, la Russia è molto soddisfatta dell’adesione della Repubblica islamica alla SCO. Oltre all’incontro con il leader della Rifondazione, Putin ha incontrato anche il suo omologo iraniano, Ebrahim Raisi. Il discorso, in particolare, si è rivolto alle trattative con l’Occidente sull’ ” accordo sul nucleare”, sottolineando che Teheran non sarà mai la prima a lasciare il tavolo delle trattative, ma gli Stati Uniti, secondo lui, sono incapaci di negoziare e “violano tutti gli obblighi”.

“L’ingresso dell’Iran nella SCO non creerà un pregiudizio a favore dei paesi musulmani”, ha spiegato Maslov. Lo SCO è strutturato in modo tale che l’organizzazione eviti di concentrarsi su problemi particolarmente acuti. Pertanto, include anche paesi che non si piacciono, ad esempio India e Pakistan. Nessun campo verrà creato all’interno dell’organizzazione, nessun paese utilizzerà l’appartenenza per risolvere problemi personali senza riguardo per gli interessi degli altri.

Articolo di Luciano Lago

Fonte: https://www.ideeazione.com/il-vertice-di-samarcanda-segna-il-fallimento-del-progetto-americano-di-isolamento-della-russia/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.