I Gorilla in posa per i selfie con i Rangers anti-bracconaggio in Congo

La società moderna fa molti torti a questo pianeta, uno di questo è quello verso gli animali che, in molti casi, non sono in grado di proteggersi dalle potenti armi degli uomini e dalle loro menti crudeli.

Per fortuna, ci sono molte persone in tutto il mondo che dedicano le loro vite per salvare coloro che non sono capaci di farlo da soli… ma c’è ancora molta strada da percorrere. Non importa quante cose brutte accadano in questo mondo, ci sono ancora persone che possono ripristinare la nostra fede nell’umanità, e i rangers del Parco Nazionale di Virunga sono alcune di quelle persone.

Recentemente, il ranger Mathieu Shamavu ha condiviso un’immagine adorabile che è diventata rapidamente virale:

                                          Crediti immagine: Ranger Mathieu Shamavu, Virunga National Park

La foto mostra uno dei ranger in posa insieme a due gorilla che vivono nel Parco Nazionale, al sicuro dai bracconieri o da eventuali conflitti armati che potrebbero influire sul loro benessere. Il Parco Nazionale Virunga è un sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO ed è protetto da un team dedicato di oltre 600 ranger.

In passato, questo luogo è stato profondamente influenzato da guerre e conflitti armati che non solo disturbano la vita degli esseri umani, ma anche quella degli animali selvatici. I Rangers stanno combattendo per proteggere questi poveri animali e il l’incredibile legame che si è creato tra loro è chiaramente visibile nelle foto.

                                                                 Crediti immagine: Virunga National Park

Tutti i rangers devono sottoporsi ad un allenamento intenso poiché il loro lavoro incredibilmente pericoloso mira a proteggere la straordinaria fauna del parco. Un lavoro pericoloso e difficile ma anche gratificante, dal momento che gli animali mostrano la loro completa fiducia per i Rangers, aspetto chiaramente visibile nelle foto.

                                                                  Crediti immagine: Virunga National Park

Il parco nazionale Virunga è una delle aree più protette al mondo per la biodiversità e ospita 218 mammiferi, 706 uccelli, 109 rettili, 78 anfibi e 22 specie di primati. Circa un terzo della popolazione mondiale di gorilla di montagna in pericolo di estinzione vive nel parco. I rangers combattono ogni giorno per mantenere l’area sicura. In totale 179 rangers hanno perso la vita proteggendo questi animali.

                                                                   Crediti immagine: Virunga National Park

“C’è un legame che ci lega saldamente. Una relazione che è molto, molto vicina tra i guardiani e i gorilla” dice Andre Bauma, il direttore del Centro Senkwekwe. Fondata nel 1925 per difendere la sua ricca biodiversità, la regione conta la presenza di 880 gorilla di montagna, tra gli ultimi al mondo. Nel 1979, è stato classificato come patrimonio mondiale dall’UNESCO.

L’anno scorso, le immagini di un altro ranger che passava il tempo con un gorilla orfano sono diventate virali:

                                                                   Crediti immagine: Virunga National Park

I rangers sono stati sorpresi dagli scatti mentre confortavano un gorilla che era incredibilmente triste dopo essere diventato orfano. Proprio come molti altri, i suoi genitori erano stati vittime del bracconaggio.

                                                                    Crediti immagine: Virunga National Park

Se lo desideri, puoi mostrare il tuo sostegno donando al parco e aiutando gli animali, così come quelli che dedicano la loro vita per salvare la fauna selvatica.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: girosulmondo.altervista.org

Libri e varie...

Un commento

  1. Ambrogio Vittadini

    La capacitá fisica di molti animali puó essere limitata a causa di un corpo fisico che rende difficile attuare quello che noi chiamiamo “progresso” o “tecnologia” Non penso peró che l’intelligenza o i valori interiori in generale siano differenti o inferiori a quelli dell’uomo.
    Per interessi di vario tipo quest’ultimo troppe volte dice che gli animali sono inferiori all’uomo. Con questi pretesti si creano letteralmente dei genocidi, facendoli passare per una cosa normale.
    Penso che abbiamo bisogno di nuove leggi Auree per difendere il diritto alla vita e cominciare un cammino che nel tempo porterá a riconoscere che esistono esseri differenti, intelligenze differenti ma tutti noi e loro (gli animali) abbiamo lo stesso diritto alla vita e al rispetto.
    Questo é il nostro futuro ! …o se no saremo estinti perché tutto ció che esiste é AMORE

Rispondi a Ambrogio Vittadini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *