Emergenze Parallele: continua la Guerra di Draghi al nostro Paese

di Francesco Cappello

Non so se sia del tutto chiaro ma siamo ormai pienamente parte del conflitto ucraino. Siamo in guerra contro la Russia grazie alle decisioni di Draghi avallate dalla sua corte di vassalli.

Forniamo armi a Kiev mentre ci siamo proposti quali protagonisti principali della guerra economica contro la Russia seppure le sanzioni predisposte hanno il potere di danneggiare seriamente più il nostro Paese che la federazione russa.

Il “guerriero” Draghi, l’uomo che guarda lontano, dice che: “se dovessero cessare le forniture russe oggi, noi comunque fino a tardo ottobre siamo coperti dalle nostre riserve quindi le conseguenze non le vedremmo fino all’autunno. Questa è la prima cosa da sapere nello stesso momento in cui, Carlo Bonomi, presidente di Confindustria, afferma che già oggi (con il gas russo che continua ad alimentare il nostro sistema industriale): “Il 16% delle imprese ha ridotto o interrotto le produzioni. Se continuiamo così si aggiungerà un altro 30% nei prossimi mesi (…) Non possiamo più reggere. Produrre è diventato antieconomico”.

La produzione industriale sta infatti rallentando ad un ritmo del 10% al mese: a marzo si è registrato un calo nei consumi industriali del gas del 10,3%, dopo che a febbraio si era già avuta una diminuzione del 9,3%. (dati confindustria). Si rifletta ora sul fatto che il calo costante dei consumi industriali è indice sicuro di incipiente recessione economica…

Fa eco Coldiretti che sottolinea come la crisi colpisca “direttamente imprese e famiglie”. I rincari energetici fanno, infatti, aumentare del 51% il costo della produzione della frutta in Italia. E l’aumento è addirittura pari al 67% per la produzione ortofloricola. “Uno scenario preoccupante per il settore ortofrutticolo nazionale, che garantisce (…) 440.000 posti di lavoro, pari al 40% del totale in agricoltura, con un fatturato di 15 mld di euro all’anno (…), pari al 25% della produzione agricola totale”. (Fonte: RAI Televideo)

Presso Ghedi ed Aviano, inoltre, ospitiamo missili a testata nucleare, pur avendo ratificato il trattato di non proliferazione nucleare nel ’75 che ci vieterebbe di detenere armi atomiche sul territorio nazionale.

I B61 (12), quasi 5 volte la potenza distruttiva della bomba che distrusse Hiroshima, sono stati progettati per distruggere i bunker sotterranei dei centri di comando avversari. Addestriamo i nostri piloti per portare tali missili sull’obiettivo. Siamo un paese oggetto di ritorsione nucleare

Stiamo però tranquilli… la Ue pensa a noi. La Commissione europea ha, infatti, istituito la Health Emergency preparedness and Response Authority (HERA) che provvederà a fare acquisti, per il valore di 540 milioni e mezzo di euro, in modo da non trovarci impreparati qualora avessimo bisogno di cure per esposizione a radiazioni o patogeni chimici e biologici.

Nel comunicato stampa della Commissione si legge che: “l’approvvigionamento consisterà in equipaggiamenti, medicine, vaccini e altre terapie per curare pazienti esposti a CBRN”. Per chi non sapesse l’acronimo CBRN fa riferimento ad agenti Chimici Biologici Radioattivi Nucleari.

Non credo che i più si rendano conto del rischio che corriamo. Se ne fossimo pienamente consapevoli saremmo già nelle piazze un movimento forte e determinato contro il sistema della guerra. Auguriamoci e facciamo in modo che ciò avvenga prima possibile.

Articolo di Francesco Cappello (Canale telegram: https://t.me/Seminaredomande)

Fonte: https://www.francescocappello.com/2022/04/07/emergenze-parallele-la-guerra-di-draghi-continua/

IL FATTORE UMANO
Un ponte tra anima e corpo
di Stefania Magnone

Il Fattore Umano

Un ponte tra anima e corpo

di Stefania Magnone

Una delle più antiche questioni, legata sia ai testi sacri che alla leggenda e alla filosofia, argomenta riguardo all'albero della conoscenza del Bene e del Male.

Cosa differenzia bene e male per una persona? Quando si è malati? Come curare?

Siamo giunti a speranze di vita fino a pochi anni fa impensate, eppure della cura del prossimo, nel quale convivono e hanno pari valore anima e corpo, non apprezziamo ancora la valenza. Con conoscenze specifiche ma soprattutto con grande cuore, l'autrice riesce a donarci chiarezza, sorretta non solo da informazioni sulle pratiche curative ormai divenute scienza ma soprattutto da un'ottica positiva di dedizione all'altro con la voglia di credere nella possibilità di far vincere il Bene sul Male.

Non ci può essere cura se non si pensa che il soggetto può essere malato sia nel corpo che nello spirito, in un'ambivalenza che va considerata innanzitutto ma che nonostante ciò troppo spesso è trascurata. Viene qui proposta la limpida interpretazione di Stefania Magnone che con fiducia e speranza ci chiarisce bene, non solo la questione medica ma anche quella della sfera emozionale.

Vale davvero la pena di fare attenzione a queste pagine e gustarle con una visione umana oltreché accademica.

"Un breve viaggio nel nostro misterioso e affascinante mondo umano fonte di continue riflessioni che portano a prender-ci cura di questa vita che non smetterà mai di sorprenderci perchè questo è il suo compito, il suo destino."

Spesso acquistati insieme

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *