Dall’Elettricità Verde all’Apocalisse dei Rifiuti: le Turbine Eoliche Genereranno più Rifiuti che Energia!

di Davide Donateo

Le turbine eoliche, un tempo propagandate dai pochi paesi ricchi e meno popolati come una soluzione pulita per l’elettricità, stanno diventando un pugno nell’occhio, un pericolo e una significativa minaccia ambientale.

Dopo decenni di funzionamento in tutto il mondo per i pochi paesi ricchi e meno popolati, le turbine eoliche continuano ad avere un’aspettativa di vita di circa 20 anni. Ad oggi non è ancora stato scoperto un mezzo economicamente valido per riciclarle. Di conseguenza, le vecchie turbine eoliche di oggi vengono scaricate in discariche di rifiuti tossici.

Le pale delle turbine eoliche sono molto difficili da riciclare, il flusso di rifiuti creato dalle pale ritirate è un problema. A livello globale, entro il 2050 le proiezioni indicano che OGNI ANNO verranno prodotti 43 milioni di tonnellate di rifiuti dalle lame, l’equivalente di 215.000 locomotive.

Man mano che i parchi eolici invecchiano, le turbine iniziano a rompersi e richiedono manutenzione. Tuttavia, a causa degli elevati costi associati alla loro rimozione, molte aziende scelgono di lasciarle in essere. Ciò pone diversi problemi, tra cui la possibilità di perdite di olio dalle turbine e l’impatto negativo complessivo sul paesaggio.

La prima generazione di turbine eoliche sta iniziando a raggiungere la fine della propria vita utile, mentre altre vengono sostituite in anticipo per far posto a tecnologie più recenti, comprese pale delle turbine più lunghe che possono intercettare più vento e generare più elettricità: la questione di cosa fare con le loro enormi pale diventa più pressante.

Queste turbine eoliche abbandonate comportano rischi ambientali e di sicurezza significativi, poiché possono rilasciare sostanze chimiche tossiche e altri materiali pericolosi nell’ambiente circostante e possono persino collassare o prendere fuoco.

Il ciclo di vita delle energie rinnovabili inizia con la pianificazione, seguita dalla ricerca e dalla costruzione, che comprende attività come manutenzione e riparazione. Comprende anche la fine della loro vita, che comporta smantellamento e smaltimento o riciclaggio e ripristino del paesaggio alla sua condizione originaria.

È arrivato il momento che quei pochi governi ricchi “mettano a posto” i loro programmi sovvenzionati precedenti per l’energia elettrica intermittente e agiscano per finanziare lo sviluppo di metodi per smantellare correttamente le pale eoliche prima che diventino una crisi ambientale più grave.

I governi che hanno sovvenzionato la progettazione e la costruzione hanno la responsabilità di cercare standard di smantellamento, restauro e riciclaggio fino all’ultimo dente degli ingranaggi, proprio come abbiamo fatto per le miniere dismesse, i siti petroliferi e nucleari.

I parchi eolici sono in genere situati in aree con andamenti del vento costanti. Per la vasta superficie richiesta per l’energia eolica e solare, è una patetica distruzione di paesaggi incontaminati!

La Svezia ha scioccato l’Europa abbandonando l’agenda “instabile” per l’elettricità verde e tornando all’energia nucleare. Il ministro delle finanze Elisabeth Svantesson ha citato la necessità di un “sistema di alimentazione elettrica più stabile”, sottolineando l’instabilità intrinseca delle fonti di generazione di elettricità eolica e solare.

La crisi energetica in Europa sta decollando e paesi come Paesi Bassi, Repubblica Ceca e Grecia stanno iniziando a capire che tutto ciò che richiede elettricità viene prodotto con combustibili fossili e stanno tornando indietro. Stanno anche riconoscendo che tutti i componenti delle turbine eoliche e dei pannelli solari sono realizzati con derivati del petrolio prodotti dal petrolio greggio.

Inoltre, il nuovo governo svedese ha abolito i sussidi statali per le auto elettriche e le ibride plug-in. Un’altra realtà è che tutti i prodotti minerali e i metalli necessari per realizzare turbine eoliche, pannelli solari e batterie per veicoli elettrici vengono estratti e lavorati in luoghi come Baotou, Mongolia Interna, Bolivia e Repubblica Democratica del Congo, per lo più sotto il controllo cinese. Lo smantellamento e il ripristino di quei paesaggi minerari riportandoli alla loro originaria condizione incontaminata non è nelle carte nei paesi in via di sviluppo.

Da quando la Germania ha chiuso le ultime tre centrali nucleari rimanenti, il paese ha dovuto rivolgersi ai suoi vicini per mantenere le luci accese. La Germania è passata dall’essere un esportatore di elettricità a un importatore.

Per la redditività e la sostenibilità, le decisioni aziendali del settore privato si basano sul ritorno sugli investimenti (ROI) che si riferisce direttamente all’elettricità economica, affidabile, continua e ininterrotta per sostenere i loro investimenti. Pertanto, la Germania dovrebbe guardare alla Svezia, che ha appena abbandonato l’obiettivo idealistico dell’elettricità occasionale da eolico e solare e si è impegnata nel nucleare per un’elettricità che non sia solo continua e ininterrotta, ma priva di emissioni.

È fondamentale affrontare questo problema e trovare soluzioni sostenibili per lo smantellamento e il riciclaggio di queste turbine eoliche. Come società, dobbiamo dare la priorità allo smaltimento responsabile e sicuro delle infrastrutture elettriche rinnovabili per raggiungere veramente un futuro sostenibile.

Incredibilmente, il riciclaggio delle pale delle turbine, dei pannelli solari e delle batterie dei veicoli elettrici usurati, nei pochi paesi ricchi e meno popolati che sovvenzionano l’elettricità intermittente non è ancora nelle carte.

Articolo di Davide Donateo

Fonte: https://newsacademy.it/scienze-e-salute/2023/07/25/dallelettricita-verde-allapocalisse-dei-rifiuti-le-turbine-eoliche-genereranno-piu-rifiuti-che-energia/

BIOENERGETICA E GEOMETRIA SACRA
La decodifica delle malattie
di Gerard Athias, Isabelle Boos

Bioenergetica e Geometria Sacra

La decodifica delle malattie

di Gerard Athias, Isabelle Boos

In "Bioenergetica e Geometria Sacra" Gerard Athias e Isabelle Boos illustrano la loro teoria sulla decodificazione bioenergetica delle malattie, operando una sintesi tra biologia, geometria sacra e nozioni di medicine olistiche tradizionali.

Essi affrontano il tema di come l'essere umano si collochi in un modello globale di energia vitale. Tale energia anima ognuno di noi, siano essi i nostri pensieri, le nostre emozioni o la nostra biologia.

La loro teoria unificata, ossia la GEST, la Geometria Sacra e Trama Energetica, è uno strumento per comprendere l'essere umano nelle sue interrelazioni con i cinque elementi e per ritrovare l'armonia fisica, emotiva e spirituale.

Il filo conduttore di questo insegnamento è la consapevolezza, la conoscenza di sé e la ricerca delle cause della malattia per ritrovare l'equilibrio energetico.

Il libro cerca di rispondere a domande fondamentali, quali: "Perché soffro?" e "Come posso uscire da questa situazione bloccata?".

Gli autori si basano sull'Essenza delle grandi tradizioni, quella delle medicine ancestrali e delle più recenti scoperte nell'ambito della fisica quantistica e della biologia, per stabilire un legame con la nostra Geometria Sacra.

Secondo la tradizione egizia, la geometria (misura della terra) permette di ristabilire l'ordine e la legge sulla terra, nelle forme archetipiche del cerchio, del quadrato e del triangolo. Essa fu un mezzo per comprendere e accedere a un ordine superiore, quello della Conoscenza universale.

Da questa base geometrica si riceve un aspetto filosofico, spirituale. Platone descrive la geometria come un modello, il più semplice per accedere al mondo della metafisica, "la realtà al di là della fisica".

"Il nostro intento in questo lavoro è quello di comunicare un modo nuovo di interpretare la malattia mediante la decodifica bioenergetica, la riconquista del potere personale e il perseguimento della completezza, che si ottiene riconciliando la componente "corpuscolare" e quella "vibrazionale"."
Gerard Athias e Isabelle Boos

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *