Circolare di Speranza contro Integratori Alimentari alla Curcuma

Altra circolare che si scaglia contro i supplementi alimentari naturali. Dopo aver colpito quelli per ridurre i valori del colesterolo contenenti la Monacolina, ora passa a quelli contenenti Curcuma.

Giro di vite sugli integratori alimentari alla curcuma, dopo nuovi episodi di danni al fegato. In una circolare del ministero della Salute, Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione, si dispone di aggiungere una nuova avvertenza di rischio per questi prodotti, per i quali inoltre non potranno più essere indicati particolari effetti fisiologici precedentemente attribuiti alla sostanza.

“Integratori alimentari contenenti estratti e preparati di piante di Curcuma longa e spp: modifica all’allegato 1 del DM 10 agosto 2018″. Questo l’oggetto della circolare, diramata “a seguito delle valutazioni condotte su casi di epatotossicità conseguenti all’assunzione di integratori alimentari contenenti estratti e preparati di Curcuma longa, nuovamente registrati dopo i precedenti del 2019”. Analisi dopo le quali “si conferma, come già concluso nel 2019 – si legge nel documento – che le cause sono verosimilmente da ricondurre a reazioni di natura idiosincrasica.

Tuttavia, il gruppo interdisciplinare di “esperti” appositamente istituito, alla luce del persistere di casi di epatotossicità, ha ritenuto necessario ampliare l’avvertenza specifica inserita nel 2019 per gli integratori contenenti estratti e preparati di Curcuma longa e spp a tutela dei consumatori. Inoltre lo stesso gruppo, dopo un’approfondita revisione della letteratura scientifica, ha concluso che non ci sono evidenze scientifiche a supporto degli effetti fisiologici attribuiti alla Curcuma longa nelle linee guida ministeriali.

“Per quanto sopra – dettaglia la circolare – è stato adottato il decreto direttoriale del 28 luglio 2022, prot. 33391 del 1 agosto 2022 (cfr. www.salute.gov.it), che modifica l’allegato 1 del Dm 10 agosto 2018 sull’impiego di sostanze e preparati vegetali negli integratori alimentari, già modificato con decreto direttoriale 4 agosto 2021.

Il succitato decreto del 28 luglio 2022 prevede l’introduzione della seguente avvertenza supplementare per l’etichettatura degli integratori contenenti ingredienti derivati da Curcuma longa e spp: “Avvertenza importante. In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Non usare in gravidanza e allattamento. Non utilizzare per periodi prolungati senza consultare il medico. Se si stanno assumendo farmaci, è opportuno sentire il parere del medico”.

“Inoltre – prosegue il testo – il citato decreto elimina dalle linee guida ministeriali gli effetti fisiologici previsti precedentemente per la Curcuma longa e spp, che, pertanto, non potranno essere più utilizzati. Gli operatori del settore alimentare sono tenuti a conformare l’etichetta degli integratori alimentari contenenti estratti e preparati di Curcuma longa e spp entro e non oltre il 31 dicembre 2022”.

Insomma, solo i vaccini sono giusti, ottimi, salutari, efficaci, privi di effetti collaterali, divini, sacri… tutto il resto è fuffa che fa pure male… Ma non preoccupiamoci, entro poco tempo di vaccini ne avremo per tutti i gusti e vivremo felici e contenti nel paese dei balocchi tra un “Milano Pride”, una fila per la vaccinazione del giorno, un cambio di sesso, uno spuntino a base di grilli fritti e un giro nel metaverso o in alternativa sul monopattino! (nota di cc)

Tratto da: VISTA Agenzia Televisiva Parlamentare

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.imolaoggi.it/2022/08/03/circolare-di-speranza-contro-integratori-alimentari-alla-curcuma/

Libri e varie...
IL CIBO DELL'UOMO
La via della salute tra conoscenza scientifica e antiche saggezze - Nuova Edizione Aggiornata
di Franco Berrino

Il Cibo dell'Uomo

La via della salute tra conoscenza scientifica e antiche saggezze - Nuova Edizione Aggiornata

di Franco Berrino

La nuova edizione del fortunato manuale per vivere meglio e più a lungo con una dieta equilibrata.

A partire dagli anni '70 ricerche epidemiologiche, che hanno coinvolto centinaia di migliaia di persone e studiato decine di migliaia di casi di tumore, di infarto, di diabete, hanno confermato al di là di ogni ragionevole dubbio che la trasformazione del cibo che ha accompagnato la rivoluzione industriale della produzione e della distribuzione alimentare ha avuto un ruolo importante nella genesi delle malattie croniche che caratterizzano il mondo moderno.

L'obiettivo del volume è rivalutare il cibo semplice e trasmettere poche ma importanti raccomandazioni preventive: più cereali integrali, legumi, verdura e frutta, meno zuccheri e cereali raffinati, carni e latticini.

L'autore fornisce una guida a chi diffida della pubblicità e dei nutrizionisti televisivi ma non sa come orientarsi; ai genitori che si interrogano su quale sia l'alimentazione migliore per crescere i propri figli; a chi soffre di piccoli disturbi che incidono fortemente sulla qualità della vita; ai malati che si chiedono quale sia l'alimentazione per aiutare la guarigione e prevenire le recidive della malattia; ai medici che, consapevoli della loro impreparazione, desiderano aiutare i loro assistiti con umiltà e competenza; a erboristi, farmacisti e gestori di negozi biologici perché non veicolino proposte dietetiche potenzialmente nocive.

L'augurio è che questa raccolta di articoli possa contribuire a diffondere l'idea che si può mangiare in modo consapevole ricavandone piacere, salute, benessere e che lo stile alimentare semplice e salutare torni nel nostro quotidiano.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.