Circolare di Speranza contro Integratori Alimentari alla Curcuma

Altra circolare che si scaglia contro i supplementi alimentari naturali. Dopo aver colpito quelli per ridurre i valori del colesterolo contenenti la Monacolina, ora passa a quelli contenenti Curcuma.
Giro di vite sugli integratori alimentari alla curcuma, dopo nuovi episodi di danni al fegato. In una circolare del ministero della Salute, Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione, si dispone di aggiungere una nuova avvertenza di rischio per questi prodotti, per i quali inoltre non potranno più essere indicati particolari effetti fisiologici precedentemente attribuiti alla sostanza.
“Integratori alimentari contenenti estratti e preparati di piante di Curcuma longa e spp: modifica all’allegato 1 del DM 10 agosto 2018”. Questo l’oggetto della circolare, diramata “a seguito delle valutazioni condotte su casi di epatotossicità conseguenti all’assunzione di integratori alimentari contenenti estratti e preparati di Curcuma longa, nuovamente registrati dopo i precedenti del 2019”. Analisi dopo le quali “si conferma, come già concluso nel 2019 – si legge nel documento – che le cause sono verosimilmente da ricondurre a reazioni di natura idiosincrasica…

Vai all’articolo

Endocrinologi: Prudenza su Prodotti naturali per Colesterolo!

di Marcello Pamio
Attenzione agli Integratori naturali per il Colesterolo: possono avere Effetti collaterali. Non preoccupatevi invece del “Napalm” genico sperimentale… (lì si può stare davvero tranquilli!).
Il warming arriva dall’Ame, l’Associazione Medici Endocrinologi che invita a fare attenzione agli integratori naturali per il colesterolo.
Il tutto è partito da una recente circolare del Ministero della Salute che mette fuori commercio tutti i supplementi alimentari utilizzati per ridurre i valori del colesterolo contenenti la Monacolina in dosi uguali o superiori a 3 milligrammi per capsula. Il motivo? Semplice: gli integratori naturali possono avere effetti collaterali e vanno assunti con prudenza…

Vai all’articolo

Polline: la “polvere dorata” per far scorta di nutrimenti

di Federico Coppini
È costituita da granelli dorati nei quali è racchiusa una quantità di nutrienti davvero strabiliante, tanto che il polline merita a pieno titolo la definizione di alimento funzionale, conferita a quei cibi che sono in grado di influire positivamente sul benessere prico-fisico di chi li consuma.
Completo dal punto di vista nutrizionale, il polline è costituito da una polvere che altro non è se non l’insieme delle cellule riproduttive maschili dei fiori le quali, grazie alle api, riescono a raggiungere gli organi femminili per la fecondazione. Questa polvere oltre che nutriente per noi, lo è per le stesse api che, infatti, se ne servono per alimentare l’intera colonia. A raccogliere il polline sono le “api bottinatrici”, che poi lo “lavorano” con del nettare fino a formare delle palline, che mettono in speciali sacche poste sulle loro zampe portandolo poi all’alveare…

Vai all’articolo