Bill Gates rifiuta di rivelare perché ha volato sul “Lolita Express” con Jeffrey Epstein

Bill Gates e i suoi portavoce si rifiutano di spiegare perché il 1° marzo 2013 egli abbia volato dall’aeroporto di Teterboro nel New Jersey fino a Palm Beach con Jeffrey Epstein.

Epstein disse in passato di essere stato un consulente finanziario di Gates, che all’epoca era ancora il presidente di Microsoft, ma un rappresentante della fondazione “umanitaria” di Gates ha poi negato che Epstein abbia mai lavorato per il miliardario fondatore di Microsoft, rifiutandosi tuttavia di commentare il volo del marzo 2013 sul “Lolita Express” con Epstein. Il portavoce di Gates ha anche dichiarato che non c’erano legami finanziari o caritatevoli tra i due uomini. Epstein era appena stato rilasciato dalla prigione quattro anni prima, dopo essersi dichiarato colpevole di due capi d’accusa, per aver adescato per sesso una minorenne.

I registri di volo rivelano senza dubbio che Gates ha volato con Epstein dall’aeroporto di Teterboro nel New Jersey a Palm Beach il 1° marzo 2013, uno dei pochi voli di quell’anno in cui il pilota Larry Viskoski ha registrato il nome di un passeggero.

L’accoppiamento è strano, visto il lavoro (di facciata) che Melinda Gates e la fondazione della coppia svolgono per le giovani donne di tutto il mondo. E si sa anche che i due hanno trascorso del tempo insieme in precedenza, in particolare all’annuale “Edge Dinner”, che ogni anno accoglie miliardari da tutto il mondo, per riunirsi e discutere dei progressi che stanno compiendo nel mondo della matematica, della scienza e della tecnologia.

I registri di volo: Epstein, che è stato trovato morto nella sua cella, in passato aveva detto alla gente che era un consulente finanziario di Gates (dati di volo sopra)

I registri di volo: Epstein, che è stato trovato morto nella sua cella, in passato aveva detto alla gente che era un consulente finanziario di Gates (dati di volo sopra)

I due uomini, tuttavia, possiedono entrambi una proprietà nel sud della Florida, dove Epstein aveva due case, tra cui una villa da 12 milioni di dollari a Palm Beach, e Gates possiede un complesso di cinque proprietà a Wellington, che ha acquistato per un totale di 40 milioni di dollari.

In una biografia pubblicata sul sito web di Edge, ma successivamente cancellata, si legge che Epstein “ha fondato la Jeffrey Epstein VI Foundation nel 2000, per finanziare e sostenere la scienza all’avanguardia in tutto il mondo”. Si dice anche che sia “uno dei maggiori sostenitori di singoli scienziati, tra cui il fisico teorico Stephen Hawking (recentemente deceduto) e i premi Nobel Gerard ‘t Hooft, David Gross e Frank Wilczek”. In un’aggiunta allarmante, la biografia afferma poi che Epstein ha assunto “un ruolo attivo nel sostenere l’istruzione in tutti gli Stati Uniti e la filantropia nelle Isole Vergini americane, dove ha sede la fondazione“.

Libri e varie...

Ha viaggiato alla cena del 2002, con ospiti quali l’architetto David Rockwell, l’autore Michael Wolff, il giornalista Richard Cook e l’agente letterario John Brockman – che è stato anche il direttore del sito web Edge. Gates non è stato l’unico nome famoso a salire a bordo dell’aereo del pedofilo seriale Epstein, che ha accolto anche il famoso giornalista Walter Cronkite, l’architetto Peter Marino e un passeggero identificato come John Roberts. Secondo i registri di volo, Roberts ha volato con Epstein in almeno due occasioni, dal 22 marzo 2010 e dal 10 febbraio 2011. Nel 2010 l’aereo con Roberts ha viaggiato da Palm Beach a Oakland, e l’anno successivo da Palm Beach a Teterboro.

Questo in aggiunta ai già noti ospiti famosi come Bill Clinton, Naomi Campbell, Kevin Spacey, Chris Tucker e il Principe Andrew. Due delle “schiave del sesso” di Jeffrey Epstein affermano di aver compiuto atti sessuali con il principe Andrew – una delle quali, Virginia Roberts Giuffre, all’epoca era minorenne e la cui causa per diffamazione contro la presunta madame Ghislaine Maxwell di Epstein, è la fonte di questi documenti non sigillati, fornisce anche una foto di se stessa con il principe Andrew e la Maxwell. Aveva 17 anni quando è stata scattata la foto ai tre. 

Prince Andrew suggests Virginia Roberts Epstein photo is fake ...

I documenti sono stati rilasciati all’inizio del mese di aprile, pochi istanti dopo che la Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Secondo Circuito ha confermato la decisione di rendere pubbliche oltre 2.000 pagine di documenti che erano stati precedentemente sigillati. Questi documenti rivelano in modo molto dettagliato il periodo di tre anni in cui la Roberts afferma di essere stata la “schiava del sesso” di Epstein e Maxwell. Una delle persone da cui la Roberts è stata “usata” era appunto il Principe Andrew – traffico che ha avuto luogo nella casa dell’imputato a Londra, si legge nel documento, in risposta a una mozione di archiviazione degli avvocati di Maxwell.

Esistono registri di volo che dimostrano che la signora Roberts ha volato a Londra insieme a Epstein sull’aereo privato di questo, e una foto della medesima con la Maxwell e il Principe Andrew, senza che sia mai stata data una spiegazione legale e ragionevole per quella foto, o per aver viaggiato con una ragazza di 17 anni all’estero.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.vocidallastrada.org/2020/04/bill-gates-rifiuta-di-rivelare-perche.html

Libri e varie...
CORONAVIRUS. IL NEMICO INVISIBILE
La minaccia globale, il paradigma della paura e la militarizzazione del paese
di Enrica Perucchietti, Luca D'Auria

Coronavirus. Il Nemico Invisibile

La minaccia globale, il paradigma della paura e la militarizzazione del paese

di Enrica Perucchietti, Luca D'Auria

In un momento di emergenza globale dovuta alla pandemia da Covid-19, esce "Coronavirus, il nemico invisibile", il libro-novità scritto a quattro mani dalla giornalista e scrittrice Enrica Perucchietti e dall'avvocato e saggista Luca D'Auria.

Il libro intende rispondere a numerose domande e sollevare altrettanti quesiti, offrendo un quadro giornalistico e un'analisi filosofica, sociologica e antropologica della pandemia e di come l'emergenza sanitaria stia modificando in maniera sostanziale la vita di tutti noi.

Con questo libro scoprirai:

  • le teorie alternative alla genesi e alla diffusione del Covid-19;
  • l'impatto sulla Via della Seta e le accuse della Cina agli USA;
  • la teoria dello shock e la "percezione" di una minaccia globale;
  • i diversi provvedimenti in Europa e le limitazioni della libertà personale per ragioni di sanità;
  • il rischio di un attacco speculativo;
  • il passaggio dell'uomo da animale sociale ad animale virtuale;

...e altro ancora.

************************************


Dalla spagnola a oggi nessun nemico "invisibile" era riuscito a fare tanto.

In pochi mesi il Covid-19 ha contagiato centinaia di Paesi, provocando migliaia di morti e spingendo l'OMS a dichiarare lo stato di pandemia globale.

Fin da subito i media e il web hanno favorito la diffusione del panico: la psicosi è così dilagata tra la popolazione, stravolgendo le abitudini dei cittadini, disposti anche a cedere la propria libertà in cambio della sicurezza.

Il governo italiano ha scelto di imporre l'autoisolamento, spaccando l'opinione pubblica in due, tra i sostenitori e gli oppositori del provvedimento.

In passato abbiamo avuto casi simili con le epidemie di SARS, aviaria, suina, morbillo o ebola: fenomeni localizzati in alcune aree precise che sono diventati dei veri e propri "terremoti planetari".

Nulla di paragonabile all'attuale pandemia del coronavirus: la vita di tutti noi si è trasformata, forse per sempre, in una realtà "virtuale" che ha cancellato duemila anni di storia dell'umanità.

 


REGALO ESCLUSIVO
per chi acquista "Coronavirus. Il nemico invisibile" sul Giardino dei Libri

File PDF - Cybervirus
di Enrica Perucchietti

Il Nemico Invisibile e le Derive Orwelliane

Una volta acquistato il libro riceverai una mail
da cui scaricare il file PDF.

OMAGGIO PDF

 

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *