Vaccini Falsi per gli Attori di Hollywood

Vaccinazioni fasulle per gli attori della Mecca del cinema, che essendo in California è stata sottoposta alla politica di esclusione vaccinale più feroce degli USA.

A Hollywood, capitale mondiale della propaganda woke, del goscismo moralista più trito, la gente pagava per risultare parte della sperimentazione globale col siero mRNA senza però aver offerto il deltoide alla siringa genica.

Un articolo della testata americana Epoch Times riporta la testimonianza di una persona che lavora nel settore dello spettacolo che ha iniziato a vendere le carte (cioè i certificati di avvenuta vaccinazione) all’inizio di aprile 2021. Tra allora e l’inizio di ottobre di quell’anno, apparentemente ogni giorno arrivavano chiamate per carte di contrabbando”.

Lo spacciatore di certificati ritiene di averne venduti almeno 250. Da notare che “le celebrità per le quali questa persona ha realizzato queste contraffazioni erano quasi uniformemente liberali o progressisti, almeno pubblicamente. In altre parole, se glielo chiedevi, sostenevano gli obblighi, le mascherine e così via, a volte in modo irremovibile. Dietro le quinte però era un’altra questione“.

Il giornalista, pur essendo a conoscenza dei peccati di Hollywood – le persone più ipocrite del pianeta, che vivono alla grande mentre danno infinite lezioni ai comuni mortali sul clima e il resto” – si rivela sorpreso da quanto apprende dalla sua fonte.

Molti dei clienti di questa persona, mi è stato detto, erano ben consapevoli dei dettagli delle crescenti preoccupazioni sui potenziali effetti collaterali dei vaccini, in particolare nell’area riproduttiva. Non sorprende quindi che la persona abbia stimato che il 90% dei clienti fosse di sesso femminile“.

Uno dei clienti dell’informatore di Epoch Times, un noto personaggio dello spettacolo, era sconvolto dal fatto che una squadra sportiva locale preferita chiedesse la prova della vaccinazione per l’ingresso, anche all’ingresso VIP. In pratica, in cuore suo era no-vax. All’esterno, tutt’altro.

Il sistema non era infallibile, e si basava sull’idea che il sistema informatico californiano aveva dei buchi (circa il 30% delle vaccinazioni non erano registrate), quindi in taluni casi la celebrità avrebbe dovuto, in caso di proteste del controllore, semplicemente insistere che era tutto OK.

Si tratta di un rischio enorme per la carriera di un attore hollywoodiano, sulla quale iene e sciacalli sono pronti a saltare al primo passo falso – un meccanismo del sacrificio ben conosciuto, una sorta di perverso rito dell’abbondanza del mondo moderno, dove si gode a vedere una persona,bella brava e ricca, venire trascinata nella vergogna e nella tragedia.

Il livello di follia del mondo sotto restrizioni pandemiche, insomma, non ha risparmiato nemmeno Hollywood.

Anche in Italia, come noto, almeno un caso del genere è emerso. Nel dicembre 2022 sono state indagate una famosa tennista e una giovane cantante in una storia di green pass che, secondo le accuse, sarebbero stati ottenuti senza realmente sottoporsi al siero genico sperimentale.

Come riportato da Renovatio 21, è curioso l’atteggiamento dei rocker ribellistici nazionali e internazionali, che hanno spinto per i lockdown e la vaccinazione talvolta insultando chi, per questioni che vanno ben al di là del ribellismo dei personaggi di provincia, vi si opponeva a costo del proprio lavoro e quindi della propria sopravvivenza. In un caso osceno, quello degli Offspring, la band ha allontanato il batterista non vaccinato.

Vi sono state, per fortuna, voci di cantanti che invece hanno detto il vero: Van Morrison, Dave Mustaine, Richard Ashcroft, Eric Clapton, soprattutto, che una volta danneggiato dal vaccino non ha perso occasione per picchiare contro la propaganda vaccinista.

Poi ci sono stati anche casi come quello del cantante britannico Zion, tutto tatuaggi e simboli rockettari, morto due settimane dopo essersi sottoposto al vaccino.

Questo è lo stato delle cose nel rock, nei tempi in cui al Festival di Glastonbury, dal palco parlano Zelensky e Greta Thunberg.

Grazie al COVID stiamo assistendo in diretta, e in modo accelerato, alla fine della cultura della celebrità.

Fonte: https://www.renovatio21.com/vaccini-falsi-per-gli-attori-di-hollywood/

COVID - 19
Un'epidemia da decodificare - Tra realtà e disinformazione
di Mariano Bizzarri

Covid - 19

Un'epidemia da decodificare - Tra realtà e disinformazione

di Mariano Bizzarri

Un libro coraggioso e ben documentato che svela i retroscena dell'epidemia da Covid 19, per andare oltre a tutto ciò che finora è stato raccontato.

L'emergenza nata con l'epidemia sembra poter giustificare ogni arbitrio, pretendendo di basarsi sul possesso di verità scientifiche incontrovertibili.

Ma chi crede di possedere la verità è nemico del dubbio, del dialogo e della discussione.

Esperti e autorità stanno finalmente riconoscendo che qualcosa non torni nel bilancio di morti e positivi su cui hanno costruito una narrativa funzionale all'instaurazione di un regime di emergenza continuata.

Ma dietro tutto questo crescono dubbi e preoccupazioni, a partire da come è nato il virus tra le nebbie di Wuhan fino a come ci si è attrezzati per affrontarlo.

Nel frattempo, mentre l'epidemia procede per suo conto sfornando varianti meno aggressive, stanno emergendo dati nuovi che suscitano inquietudine circa gli effetti avversi da vaccino.

In special modo, se riferiti alle fasce più giovani della popolazione, quelle che, per definizione, hanno meno da temere dall'infezione da Covid-19.

Qualcuno dovrà risponderne. Dovrà decodificarne ogni aspetto.

Ci attende un vero e proprio tsunami di disperate razionalizzazioni, faticose negazioni, spudorati tentativi di modificare le responsabilità e altre forme di inverosimili tentativi di difesa dell'indifendibile. Ma alla fine, la verità salterà fuori.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *