Sei disonesto? È colpa del tuo cervello…

Se sei disonesto potrebbe non essere colpa tua, ma del tuo cervello. Un nuovo studio, infatti, ha scoperto che la capacità dell’uomo di imbrogliare ha basi biologiche.

Il comportamento sbagliato dettato dalla disonestà, ci può far sentire a disagio, ma poi il nostro cervello si “abitua” fino a riconoscerlo come normale e quasi a giustificarlo. Ad arrivare a questa conclusione sono stati alcuni ricercatori inglesi e americani guidati da Neil Garrett, il cui lavoro è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature Neuroscience.

Analizzando il cervello di alcuni soggetti coinvolti nella ricerca con la risonanza magnetica funzionale, gli scienziati hanno chiesto ai volontari di compiere azioni “disoneste”, aumentando di volta in volta il grado di trasgressività e hanno scoperto che se nell’amigdala vengono bloccati i recettori chimici che inducono il disagio derivante dal compiere azioni negative, il soggetto si abitua alla sua stessa disonestà.

Spiega Giuseppe Remuzzi sul Corriere della Sera, che i ricercatori si sono concentrati soprattutto sull’amigdala, poiché è la sede delle emozioni umane: “Non sarà per caso — si sono chiesti gli scienziati — che certe regioni del cervello si attivano in chi commette piccole trasgressioni, per poi andare incontro a una sorta di ‘tolleranza’ man mano che gli atti di disonestà diventano più gravi”. Suggestivo, ma bisognava poterlo dimostrare. Il sistema che hanno escogitato per scoprire le basi biologiche della disonestà è un po’ complicato da spiegare e ve lo risparmio anche perché è del tutto ininfluente sul risultato finale.

Con una certa sorpresa, gli scienziati hanno potuto documentare che il cervello di chi cadeva nella trasgressione, sulle prime si attivava proprio a livello dell’amigdala, e solo lì; poi il segnale si riduceva col crescere della trasgressione,al punto che i neuroradiologi potevano prevedere in base all’intensità delle immagini, quanto grave sarebbe stata la trasgressione nell’esperimento successivo.

Insomma, i messaggi che ti manda il cervello se tu imbrogli appena un po’ (non pagare le tasse del tutto, per esempio, o cominciare ad assumere sostanze vietate se sei un atleta, o trascurare i dati che non ti conviene pubblicare se fai ricerca) che all’inizio ti fanno sentire a disagio, diventano sempre più deboli. È l’adattamento del cervello, come dicono i neurologi, alla disonestà. E se il cervello sapesse adattarsi allo stesso modo anche alla violenza, si chiedono i ricercatori?.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: http://www.blitzquotidiano.it/salute/disonesto-scritto-nel-cervello-2641104/

Libri e varie...
GUARISCI LA TUA MENTE
Medicina, affermazioni e intuito, la ricetta della salute
di Louise Hay

Guarisci la Tua Mente

Medicina, affermazioni e intuito, la ricetta della salute

di Louise Hay

"La salute è il risultato dei nostri pensieri". Da questo principio prende vita Guarisci la tua mente, il libro che ti aiuta a ritrovare il benessere psico-fisico, imparando a riconoscere i messaggi del tuo corpo e a vivere a pieno ogni sentimento la vita di offre. 

Dopo aver aiutato milioni di persone in tutto il mondo, Louise Hay e Mona Lisa Schulz mettono nero su bianco un menù di suggerimenti e strategie cui attingere per migliorare la tua vita. Ad essere analizzata, attraverso la storia clinica di chi ha già avuto modo di incontrare le due autrici, è la personalità dello stesso lettore, guidato in una sorta di auto-indagine che prende in esame la parte più intima di noi, le emozioni. Al contrario di quanto siamo abituati a credere, non si tratta di sensazioni aleatorie o semplici idee circoscritte a piano mentale. 


"Guarisci la tua mente" è il manuale per chi cerca la totalità. Spero che amerai questo libro proprio come ho fatto io. - Dr Joe Dispenza

Questo libro è un vero tesoro, combina elementi di moderna chimica cerebrale e alimentazione con intuizioni e affermazioni che aiutano a riprogrammare e a ripristinare la funzionalità del cervello. Lo consiglio vivamente. - Dottor Brian Weiss

 

Le emozioni nascono nella mente in risposta a stimoli esterni, alle volte per mezzo dei sensi altre indipendentemente da questi, ma viaggiano libere nel corpo e condizionano la tua salute.

La medicina intuitiva ti permette di comprendere l'interazione fra il cervello e i sette centri emozionali (o energetici) di cui le autrici disegnano una mappa nell'appendice del libro. Così quando non riesci a prendere un'emozione, darle un nome, viverla e poi lasciarla andare, essa si annida in uno dei centri emozionali e ti parla attraverso i sintomi di una malattia. Dunque, se hai problemi di salute è il tuo corpo che ti indica intuitivamente su quali aree della tua vita intervenire. 

Grazie ai consigli di Louise Hay e Mona Lisa Schulz impari a percepire l'inizio della paura prima che si trasformi in ansia, l'inizio della rabbia prima che diventi esaurimento nervoso, l'inizio della tristezza prima che assuma la forma di depressione. Impari a riconoscere l'insorgere delle sensazioni prima che queste si trasformino in malattia, prima cioè che esse possano minare il tuo benessere e quello di chi ti sta attorno.  

Scopri le tecniche per combattere la depressione e l'irritabilità attraverso la terapia cognitivo-comportamentale. 

La ricerca della salute parte dalla tua mente!

Ricorda, non siamo isole. Indipendentemente dalla tua volontà, le emozioni, l'intuito e la salute interagiscono con le persone che ti circondano. In tal senso, la tua esigenza di vivere bene coincide con il dovere di far star bene gli altri. Dunque, instaura relazioni con le persone che ti completano, non fuggire dalle emozioni e creati una vita su misura!

Questo libro è una risorsa unica nel suo genere che combina nozioni scientifiche all'avanguardia con l'amore e la saggezza, offrendo risposte che possiamo veramente mettere in pratica nella nostra quotidianità.

Le due autrici affrontano temi come la depressione, l'ansia, la dipendenza, la memoria, l'apprendimento e gli stati mistici.

Scopri cosa succede nel corpo e nel cervello quando:

  • sei triste, arrabbiato o nel panico
  • sei dipendente da una sostanza o da un comportamento
  • fai fatica a concentrarti, a leggere o a ricordare le cose
  • un trauma del passato ti offusca la mente nel presente
  • uno stato emotivo porta allo sviluppo di un sintomo fisico
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *