SARS-CoV-2 o Ossido di Grafene?

di Ricardo Delgado

Dato che ad oggi non ci sono prove scientifiche di un effettivo sequenziamento e isolamento del SARS-CoV-2, sospettiamo con molte indicazioni credibili, che la malattia COVID-19 sia in realtà l’effetto collaterale dell’introduzione dell’ossido di grafene nel corpo in modi diversi.

Il grafene all’interno del corpo acquisisce proprietà magnetiche ed è un superconduttore. Serve per l’accumulo di energia e la condensazione. Senza ancora avere alcuna conoscenza di cosa ci fosse all’interno della fiala, ci siamo resi conto che l’industria o meglio il mercato azionario dell’industria del grafene aveva alti picchi di trend in rialzo proprio mentre la campagna di vaccinazione COVID-19 stava iniziando, all’inizio dell’anno e già alla fine di dicembre 2020. Ma anche, abbastanza curiosamente, durante la campagna di vaccinazione antinfluenzale.

Quando abbiamo visto le possibilità che ha il grafene, o meglio, che le nanoparticelle di ossido di grafene hanno all’interno del corpo quando si tratta di neuromodulazione e quando si tratta di raccogliere effetti elettrofisiologici neuronali per la mappatura del cervello, ci siamo resi conto della possibilità che il grafene venga iniettato.

Si può iniettare il grafene? Sì. Il grafene può essere iniettato. E, in effetti, alcuni articoli scientifici hanno già sollevato la possibilità che possa essere utilizzato come nanoadiuvante nei vaccini. Con quell’ipotesi di sospetto, abbiamo fatto quello che avrebbe potuto fare chiunque e quello che ti consiglio anche di fare se hai accesso a una fiala.

Abbiamo avuto accesso a una fiala sigillata della Pfizer, e tramite una richiesta di servizi a un’università, precisamente a mio nome, la fiala è stata inviata per un’analisi, dove stavamo cercando il materiale in questione: il grafene. Dopo qualche tempo di indagine da parte del Dr. Pablo Campra Madrid, dottore in scienze chimiche, laurea in scienze biologiche e membro dell’Università di Almeria, abbiamo ottenuto questo rapporto preliminare in cui ci viene detto che c’è davvero una solida evidenza di ossido di grafene nel campione, e che è anche il componente principale di quello che hanno erroneamente chiamato vaccino.

Libri e varie...

Questa solida evidenza sarà ulteriormente integrata con altre tecniche di spettroscopia che si possono fare. Quelle che sono state utilizzate sono la microscopia elettronica a trasmissione; tecniche EMF, inoltre, microscopia ottica; e spettroscopia di radiazione ultravioletta, che coincidono con la lunghezza d’onda di picco dell’ossido di grafene. Da qui abbiamo iniziato a studiare la tossicità o citotossicità che l’ossido di grafene ha sul corpo.

Presta attenzione a questo risultato: l’ossido di grafene all’interno del corpo provoca trombogenicità, trombi. L’ossido di grafene all’interno del corpo provoca la coagulazione del sangue. L’ossido di grafene all’interno del corpo provoca la sindrome post infiammatoria o infiammazioni sistemiche o multiorgano. L’ossido di grafene all’interno del corpo quando è al di sopra dei livelli di glutatione, che è la riserva naturale di antiossidanti dell’organismo, provoca alterazione del sistema immunitario, collasso del sistema immunitario e tempesta di citochine. L’ossido di grafene inalato si diffonde uniformemente in tutto il tratto alveolare e provoca polmoniti bilaterali, infiammazione delle mucose e quindi perdita del gusto e dell’olfatto: anosmia.

Insomma, l’ossido di grafene si comporta esattamente come il presunto SARS-CoV-2 della versione ufficiale, generando la stessa sintomatologia del COVID-19 grave. Se installato a livello neuronale, provoca neurodegenerazione o, in altre parole, COVID-19 neurologico.

Quali composti, farmaci o trattamenti potrebbero degradare l’Ossido di Grafene?

Quindi, da qui abbiamo iniziato a vedere quali possibili composti, farmaci e trattamenti potrebbero degradare l’ossido di grafene. E guarda cosa abbiamo trovato: la N-acetilcisteina o il glutatione. Perché quello che fa il glutatione è contrastare i radicali liberi e gli ossidanti, tutte le tossine che possono entrare nel corpo. E abbiamo scoperto che c’erano circa 300 studi clinici in cui alcuni ospedali e alcune università usavano N-acetilcisteina con risultati incredibili. Ad esempio, 100 pazienti con livelli di saturazione inferiori al 50% praticamente morti – senza mezzi termini – con polmoniti bilaterali, entro un’ora dalla somministrazione endovenosa di glutatione o N-acetilcisteina ce l’hanno fatta. Sono stati tolti i ventilatori e tutto il resto.

Ora capiamo appieno perché quei trattamenti hanno funzionato: perché hanno affrontato tutti i sintomi della malattia presumibilmente causata da SARS-CoV-2. Dato che ad oggi non ci sono prove scientifiche di un effettivo sequenziamento e isolamento del SARS-CoV-2, sospettiamo con molte indicazioni credibili, che la malattia COVID-19 sia in realtà l’effetto collaterale dell’introduzione dell’ossido di grafene nel corpo in modi diversi.

E dico “modi diversi” perché, sebbene all’epoca siano state ritirate, sono state introdotte e sono ancora in commercio maschere contenenti nanoparticelle di ossido di grafene. Queste maschere sono state introdotte e sono tuttora commercializzate da aziende come Nanografi, quindi abbiamo maschere con ossido di grafene, ma anche nanoparticelle di ossido di grafene introdotte tramite i test PCR; l’ossido di grafene è presente anche nei test antigenici; gli idrogel contengono anche nanoparticelle di ossido di grafene, così come i vaccini intranasali l’ossido di grafene negli aerosol è più potente.

Sappiamo che, naturalmente, l’ossido di grafene viene eliminato dai livelli di glutatione nel corpo, ed è per questo che sospettiamo che propongano terza e anche quarta dose: così da avere sempre una dose considerevole di ossido di grafene. Si tratta insomma dell’avvelenamento di massa simultaneo e graduale dell’intera popolazione mondiale.

Come è possibile che venga iniettato ossido di grafene se le mascherine sono state rimosse perché causava affezioni polmonari a causa di questa nanoparticella? Si tratta di un crimine contro l’umanità con la complicità dei governi o almeno la loro partecipazione.

Quando studiamo il glutatione, ci accorgiamo che inizia a diminuire dai 30 anni in poi, ma soprattutto cala notevolmente dai 65 anni in poi. In effetti, il COVID-19 colpisce maggiormente le persone anziane, a parte coloro che sono immunocompromessi e hanno altre patologie. Quando studiamo il glutatione, ci rendiamo conto che i bambini hanno elevate riserve di glutatione a causa della loro giovinezza e la stessa malattia COVID-19 ha difficilmente un impatto sui bambini.

Allo stesso modo, il glutatione è particolarmente basso nella popolazione obesa e ci rendiamo conto che sono proprio gli obesi a essere più colpiti dal COVID-19. Il glutatione è inoltre correlato alla vitamina D. Bassi livelli di glutatione sono bassi livelli di vitamina D e sono proprio i pazienti con COVID-19 ad avere bassi livelli di vitamina D. Mentre gli atleti che hanno alti livelli di glutatione endogeno secreto con un intenso esercizio fisico, difficilmente risentono del COVID-19.

Tutto ciò che abbiamo successivamente studiato non fa che aumentare e corroborare l’ipotesi che il presunto SARS-CoV-2 della versione ufficiale sia proprio l’ossido di grafene. E che tutti gli elementi di protezione, di presunta protezione, che ci sono stati dati: mascherine, test PCR, tamponi, test antigenici e il cosiddetto “vaccino” (che appunto non è un vaccino) sono proprio tutti quegli elementi che potenzialmente faranno sviluppare la malattia anche nel futuro.

Libri e varie...

E perché dico “nel futuro”? Quando abbiamo studiato il fenomeno elettromagnetico ci siamo resi conto che l’ossido di grafene ha quella che viene chiamata una “banda di assorbimento elettronico”. L’eccitazione elettronica, la sua risonanza magnetica è proprio nella terza banda della tecnologia 5G, quella che viene appaltata in questo momento e che, ricordiamo, è stata con noi per tutta la pandemia.

Esistono tre “reti”: la prima è quella rete terrestre 5G, che non ha mai smesso di essere posizionata dagli operatori tecnici installatori che lavoravano anche nel lockdown del 2020. Curiosamente 8 su 10 di queste antenne vengono posizionate nelle immediate vicinanze di settori di geriatria e case di cura, e infatti gli anziani sono stati i più colpiti dal “virus”. Poi c’è la rete interna: il grafene iniettato o assorbito in altri modi, secondo il rapporto preliminare della fiala di questa università. E infine, la rete utilizzata dai satelliti spaziali per fornire presumibilmente una copertura 5G.

Sembra di narrare un film di fantascienza, ma credetemi… oggi le nanoscienze, le neuroscienze e le biotecnologie sono avanzate enormemente. Una persona può essere controllata o neurocontrollata da remoto in modalità wireless? Sì, si può fare e probabilmente viene fatto in modo mascherato, e questo potrebbe spiegare alcuni comportamenti anomali della popolazione, specialmente di coloro che sono stati inoculati o che hanno ricevuto dosi di ossido di grafene in modi diversi. Come ho detto, so che sto disegnando un film di fantascienza, ma ai livelli in cui siamo può essere difficile credere davvero in qualcosa. In questo senso diciamo che il COVID-19 è solo l’effetto collaterale dell’introduzione di quel nanocomposito per vie diverse, e sospettiamo che sia stato introdotto nella campagna anti-influenzale 2019.

Pensi che sia una coincidenza che Wuhan, da dove provengono il pangolino e la zuppa di pipistrello come elementi di distrazione, sia la prima città al mondo con la sperimentazione della tecnologia 5G alla fine di novembre 2019 e che tutte le precedenti vaccinazioni antinfluenzali probabilmente con ossido di grafene hanno iniziato da lì?

Quando eccitato, l’ossido di grafene moltiplica le frequenze. Con un segnale minimo, si ossida molto più velocemente e rompe l’equilibrio tra i livelli di glutatione e la tossicità dell’organismo, generando polmoniti bilaterali, alterando il comportamento del sistema immunitario, che non può farcela non appena i neutrofili cercano di fagocitarlo come se fosse un agente patogeno, come se fosse SARS-CoV-2.

L’ossido di grafene viene rilevato nel corpo da cellule specializzate (neutrofili) del sistema immunitario. Proprio come se fosse un agente patogeno. Al corpo, al sistema immunitario, non importa se c’è un agente biologico perché questo non si è mai comportato come un agente biologico. Ci sono periodi di incubazione sper gli agenti biologici. Non è possibile che nelle residenze del nostro paese in Spagna, come Matacaz a Barcellona, metà delle persone di una residenza sia morta in 4 ore. Se è un agente biologico, non provoca polmonite bilaterale, ma polmonite asimmetrica: di solito entrano per simmetria attraverso il polmone destro. Ma la metà di una residenza che era stata precedentemente vaccinata contro l’influenza non poteva morire.

Abbiamo osservato che maggiore è la vaccinazione antinfluenzale, maggiore è la mortalità di COVID-19 e logicamente abbiamo visto una relazione. L’altra relazione era con i campi elettromagnetici. Quello che non sapevamo è che c’era un marchio su ciascuna di queste persone per renderle una popolazione bersaglio per il focus elettromagnetico. Un’arma letale che ora rende le persone magnetiche e logicamente, capirai, che se interagiscono con quelle sorgenti di radiazioni ad una frequenza e qualità specifica, causando ossidazione, rompono l’equilibrio redox dei biomarcatori ossidativi dell’organismo, causando il COVID-19 malattia.

Libri e varie...

I ricercatori del Karolinska Institutet, dell’Università di Manchester e della Chalmers University of Technology hanno dimostrato che il sistema immunitario umano gestisce l’ossido di grafene in modo simile agli agenti patogeni, portando forse in futuro ad applicazioni biomediche più sicure.

L’ossido di grafene che viene attaccato dai neutrofili che sono, diciamo, cellule del sistema immunitario che cercano di fagocitarlo, cercano di inghiottirlo, di coagularlo. Ecco perché l’ossido di grafene genera coaguli e trombi. L’ossido di grafene è attualmente in fase di studio per l’uso in vari metodi di somministrazione di farmaci e altre applicazioni mediche e non. Tuttavia, è di fondamentale importanza capire come questi materiali interagiscono con il corpo.

Lo studio mostra che i neutrofili, il tipo più comune di globuli bianchi specializzati nella lotta alle infezioni – proprio come un agente patogeno – rilasciano le cosiddette trappole extracellulari dei neutrofili (NET, il tipo più comune di globuli bianchi) quando incontrano GO (ossido di grafene). I NET sono costituiti da una “ragnatela” di DNA decorata con proteine che aiutano i neutrofili a distruggere microrganismi come batteri e funghi. I ricercatori hanno scoperto che il GO provoca cambiamenti specifici nella composizione lipidica della membrana cellulare dei neutrofili portando al rilascio di NET. Potrebbero anche dimostrare che il trattamento antiossidante, come con NAC e glutatione, ha invertito questo processo.

Ecco perché i trattamenti con glutatione hanno funzionato, e con N-acetilcisteina, che è un precursore del glutatione. Perché lavorano fornendo le difese immunitarie con riserve di antiossidanti per affrontare una sostanza tossica, un avvelenamento, che è stato introdotto nel corpo in modi diversi.

“In uno studio complementare pubblicato su Nanoscale, è stato dimostrato che il GO è degradato nei NET, proprio come i batteri e altri agenti patogeni. Presi insieme, questi studi mostrano che il GO può essere intrappolato e degradato nei NET proprio come gli agenti patogeni. Voglio dirvi che abbiamo pubblicato nel nostro sito web almeno 70 studi che riflettono tutto ciò che stiamo dicendo e manifestando qui (chi vuole li cerchi in rete).

Mi è stato anche chiesto dell’efficacia del biossido di cloro. Questo va in un altro modo. Quello che fa è ossigenare la cellula, la prepara in modo che non venga facilmente distrutta da questa sostanza tossica. Quello che farebbe il glutatione è fornire all’esercito un numero maggiore di soldati in termini di glutatione per affrontare le tossine. Quello che abbiamo scoperto, come ho detto, è che la maggior parte dei trattamenti che sono stati con N-acetilcisteina o glutatione e anche con altri antiossidanti come l’astaxantina, che è un potente antiossidante, sono stati trattamenti molto favorevoli per i pazienti.

Si è anche scoperto che queste istituzioni sanitarie sono letteralmente governate dal male; si tratta di psicopatici: non si era mai visto nella storia una cosa del genere.

La FDA ha cercato di fermare la commercializzazione della N-acetilcisteina dopo che era stata utilizzata per 57 anni come un normale e ordinario mucolitico. Era una cosa molto sospetta da fare, vero? Quindi per questo è fondamentalmente la mia esposizione. Qualsiasi dubbio tu possa avere sugli studi che abbiamo svolto a La Quinta Columna… beh… c’è semplicemente qualcosa che è molto conclusivo, e questa è la relazione preliminare di un famoso professore di un’università pubblica qui in Spagna. Siamo molto vicini a fornire prove complementari per dare più forza a questo rapporto in cui ci viene già detto che ci sono prove solide e comprovate che ci sia ossido di grafene nel campione che abbiamo inviato.

Articolo di Ricardo Delgado – scelto da Roberto Pedaletti

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.blog-erboristeriaweb.it/e-pericoloso-ossido-di-grafene-trovato-nei-vaccini-covid/

Libri e varie...
VACCINAZIONI: ALLA RICERCA DEL RISCHIO MINORE
Immunizzarsi della paura, scegliere la libertà
di Eugenio Serravalle

Vaccinazioni: alla Ricerca del Rischio Minore

Immunizzarsi della paura, scegliere la libertà

di Eugenio Serravalle

Un libro di dubbi, che analizza le fonti in modo scientifico, e lascia il lettore libero di dare la sua personale risposta alla domanda:

Vaccini SI o NO?

Dei 29 Paesi europei (i 27 dell'UE più Norvegia e Islanda) 15 non prevedono alcuna vaccinazione obbligatoria mentre gli altri 14 ne hanno almeno una.

L'Italia rientra in quest'ultimo gruppo, ma con la tendenza, negli ultimi anni, a un aumento del numero dei vaccini per ragioni non sempre riconducibili all'obiettivo di tutelare la salute dei bambini.

La vaccinazione dell'epatite B è stata resa obbligatoria nel 1992 dall'allora Ministro De Lorenzo, in seguito a una tangente pagata dalla ditta produttrice del vaccino; le ASL hanno di recente introdotto incentivi economici a favore dei medici per ogni vaccino somministrato; l'allarme meningite è stato lanciato l'anno in cui statisticamente si sono registrati meno casi; l'invenzione della presunta pandemia da parte di organismi internazionali preposti alla vigilanza della salute ha incrinato definitivamente la fiducia dell'opinione pubblica nella loro credibilità.

Oltre a fornire informazioni mediche che tutti i genitori dovrebbero possedere prima di vaccinare, Eugenio Serravalle ripercorre anomalie e problemi della politica sanitaria di questi ultimi decenni; a voce dei pazienti, quella di chi ha vissuto in prima persona le conseguenze devastanti di scelte sanitarie operate spesso senza cautela e senza tutele per le famiglie coinvolte.

Limitarsi alla denuncia non basta, e per questo l'autore vuole anche rispondere in modo puntuale e concreto alla domanda dei suoi pazienti: "Cosa farebbe, se fosse Ministro della Salute?"

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *