Roberto Speranza, che persona è il Ministro? Un uomo pieno di rancore, inchiodato alla poltrona…

di Evi Crotti

Roberto Speranza, Domenico Arcuri e Luigi di Maio: emerge in tutti loro narcisismo, protagonismo e un senso di sconfitta e di voglia di rivalsa.

Risultato immagini per arcuri, di maio, speranza

Affermava il prof. Umberto Veronesi in un’intervista su Oggi: La grafologia è una scienza e ci dice anche quanto siamo sani. La grafologia è stata per me un modo per conoscere gli altri, perché è un segno rivelatore della personalità umana”.

Dalla firma del commissario Domenico Arcuri, emergono le stesse modalità comportamentali che si trovano nelle firme dell’onorevole Roberto Speranza e Luigi di Maio, ossia la ricerca di una compensazione a un vissuto sociale poco gratificante del passato. Emerge in tutti loro un senso di sconfitta e, di conseguenza, la voglia di rivalsa che non permette serenità e applicazione nel campo politico e sociale secondo modi appropriati. La presunzione e l’idealismo (in tutti e tre sono presenti lettere oscure che svettano verso l’alto) sono indice di narcisismo e protagonismo. In questo senso, è curioso osservare anche il linguaggio del corpo: in Arcuri le sopracciglia arcuate, in Di Maio il procedere saltellando mentre cammina e in Speranza un sorriso formale e forzato.

Ma passiamo alla grafologia. La firma è un chiaro simbolo legato alla paternità e, come tale, permette di verificarne il vissuto, l’accostamento e le potenzialità realizzative specie nella professione e nel sociale. È come avviene nel mondo del lavoro, dove la grafologia viene utilizzata per collocare l’uomo giusto al posto giusto. Attraverso lo studio della firma si possono quindi rilevare l’idoneità, lo spessore e la preparazione culturale atte alla gestione della complessità che il mondo politico richiede. Tutti i tre i politici analizzati, presentano una firma oscura, cioè illeggibile, con lettere che “sparano” in alto e con una povertà grafica che induce a dire che tutti e tre avrebbero bisogno di una salvifica introspezione, per rivedere con “verace umiltà” la loro forte spinta ad emergere, come compensazione di sentimenti di inferiorità.

L’Esuberanza del Guru

E Beppe Grillo? Il “Guru”, nome attribuito in India ai capi religiosi, sembra sia risalito sul palcoscenico convinto di poter dimostrare lo stesso fascino che aveva come comico. D’altronde, la firma sottolineata indica una predisposizione al contatto, all’esuberanza esagerata e al comando, che lo porta ad essere protagonista a tutti i costi. Per questo egli tiene molto a primeggiare e a contrastare chi dovesse mettere in discussione la sua abilità di attore protagonista.

Ora, lasciato il palcoscenico dove non poteva più emergere, egli ha voluto creare un “movimento” che però non è stato sufficiente per diventare un vero leader di partito. Nell’investimento politico egli esprime tutta la sua aggressività che lo porta ad adottare una discussione poco conciliante, e ad imporre, almeno verbalmente, il suo volere (taglio della t prolungata e forte energia pressoria, espressione di una grande energia vitale).

Articolo di Evi Crotti – grafologa – www.evicrotti.com

www.socialbg.it

Fonte: https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/26253939/roberto-speranza-uomo-pieno-rancore-che-persone-e-ministro-spunta-questo-foglio.html

Libri e varie...
IL FATTORE UMANO
Un ponte tra anima e corpo
di Stefania Magnone

Il Fattore Umano

Un ponte tra anima e corpo

di Stefania Magnone

Una delle più antiche questioni, legata sia ai testi sacri che alla leggenda e alla filosofia, argomenta riguardo all'albero della conoscenza del Bene e del Male.

Cosa differenzia bene e male per una persona? Quando si è malati? Come curare?

Siamo giunti a speranze di vita fino a pochi anni fa impensate, eppure della cura del prossimo, nel quale convivono e hanno pari valore anima e corpo, non apprezziamo ancora la valenza. Con conoscenze specifiche ma soprattutto con grande cuore, l'autrice riesce a donarci chiarezza, sorretta non solo da informazioni sulle pratiche curative ormai divenute scienza ma soprattutto da un'ottica positiva di dedizione all'altro con la voglia di credere nella possibilità di far vincere il Bene sul Male.

Non ci può essere cura se non si pensa che il soggetto può essere malato sia nel corpo che nello spirito, in un'ambivalenza che va considerata innanzitutto ma che nonostante ciò troppo spesso è trascurata. Viene qui proposta la limpida interpretazione di Stefania Magnone che con fiducia e speranza ci chiarisce bene, non solo la questione medica ma anche quella della sfera emozionale.

Vale davvero la pena di fare attenzione a queste pagine e gustarle con una visione umana oltreché accademica.

"Un breve viaggio nel nostro misterioso e affascinante mondo umano fonte di continue riflessioni che portano a prender-ci cura di questa vita che non smetterà mai di sorprenderci perchè questo è il suo compito, il suo destino."

Spesso acquistati insieme

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.