L’Onore Sovrano

Le parole di un filosofo contemporaneo, Neil Kramer, a proposito dell’Onore e della Sovranità sono quanto di più chiaro e utile possiamo leggere su come Onore e Sovranità siano inscindibilmente connessi.

Sovranità spirituale

Sovranità spirituale

La comprensione comune della parola “sovrano” riporta alla mente immagini di re, regine e sovrani supremi, con tutte le insegne associate, pompa e circostanza che abbiamo imparato a conoscere. È difficile allontanarsi da questo, in particolare in Gran Bretagna, dove la regina Elisabetta II è a soli 31 posti di distanza nella “linea reale diretta senior” di origine francese da Guglielmo il Conquistatore (o Guglielmo il Bastardo come era conosciuto prima del 1066). Con una tale lunga e ricca storia di dominio reale ereditario, è comprensibile che la gente non può fare a meno di pensare alla sovranità come a qualcosa al di fuori di se stessi. Ma questo sta cominciando a cambiare.

Per un numero crescente di persone che si concentrano su questioni di coscienza, conoscenza sacra e libertà personale, la bonifica della parola ‘sovrano’ è diventata profondamente consequenziale. All’interno di questo paradigma, riconoscere se stessi come un essere sovrano, significa riconoscere la propria autonomia spirituale totale e l’incondizionato diritto all’autodeterminazione. Si tratta di una confessione primaria di sé, come essere umano libero, naturale e non servo, un oggetto, una persona giuridica, o anche un cittadino. Nessuna persona o legge fatta dall’uomo hanno alcuna giurisdizione sulla forma di un essere sovrano. Tutto questo è molto allarmante per qualsiasi impero, che preferisce segretamente che il suo popolo si senta “senza denti”.

Libri e varie...

È apparentemente difficile per noi comprendere che il potere non è qualcosa che viene gentilmente conferito a noi da parte delle autorità. Non è qualcosa per cui dobbiamo lavorare sodo per esserne degni. Il vero potere non è qualcosa che può essere consegnato a tutti: è qualcosa che abbiamo già dentro di noi. È presente sin dall’inizio ed è il potere ultimoÈ il potere del libero arbitrio.

La quantità di libero arbitrio che un individuo possiede, è direttamente proporzionale alla profondità e chiarezza di coscienza raggiunta. Prima di poter essere pienamente realizzata, l’esistenza stessa del nostro libero arbitrio deve essere riconosciuta. La mente assopita non constata l’impressionante potenza di creazione della realtà che si trova alla sua portata: il libero arbitrio potrebbe quindi benissimo essere equiparato a scegliere quali film guardare o quali scarpe comprare. Al contrario, la mente risvegliata è ben consapevole di come il libero arbitrio può trasformare visioni immaginarie in cose manifeste. Si tratta di una caratteristica che definisce l’umano spiritualmente vivo.

Quanta più integrità, serenità e onestà risuona nei nostri pensieri, azioni e comportamenti – più onorevoli siamo – più pura è la nostra mente. Questo ci permette di approfondire e ampliare la nostra coscienza, che determina poi l’impatto del nostro libero arbitrio sul mondo. Si tratta di uno dei più intelligenti dispositivi anti-errore che l’universo abbia mai attuato. Si assicura che solo la vera anima trasparente, che opera da un posto d’onore, possa effettivamente cambiare la realtà.

L’onore serve anche come strumento di acuto discernimento, soprattutto per quanto riguarda l’osservazione di intenzioni e di comportamenti, sia in noi stessi che negli altri. Abbiamo, in sostanza, un impianto incorporato per misurare se le parole e le azioni di qualcuno sono onorevoli o meno. L’onore è una di quelle rare qualità che trascende i confini sociali e demografici usuali; la sua unica firma energetica è facilmente percepibile dalla maggior parte degli umani. Siamo in grado di sentirla.

Neil Kramer

Neil Kramer

Si potrebbe pensare quindi che l’onore sia una caratteristica altamente desiderabile, per qualsiasi leader che voglia rappresentare un gran numero di persone. Anzi, dovrebbe essere un requisito obbligatorio per ogni società sana di mente, l’insistere su capi che naturalmente irradiano onore nella loro governance. Pensate a una qualsiasi personalità di primo piano nei media. Si può dire praticamente subito se le sue motivazioni siano onorevoli o meno.

L’Onore infatti non può essere rubato. Né può essere letto da uno script o appreso in un centro di formazione del governo ad Aspen. Non si acquisisce automaticamente rimboccandosi le maniche per dare una mano all’orfanotrofio, o facendo volontariato alla mensa dei poveri, o presentandosi in chiesa la Domenica, o fingendo di sposare la causa contro massacri in terre lontane. Osservando i volti noti della politica, dell’economia e dello spettacolo che passano attraverso questi travestimenti, notiamo che essi non hanno mai veramente ingannato nessuno.

Per lo spirito umano naturalmente ascendente, l’onore è un impulso fondamentale. È quello che vogliamo fare, ed è come vogliamo essere. Anche così, a volte può essere difficile trovare il coraggio spirituale necessario e l’auto-disciplina per rendere questo una realtà vivente. Le cose si fanno infatti un po’ arrugginite in mancanza di utilizzo. Il ‘Nobile Sentiero’, è stata formulato da Siddhartha Gautama, detto Buddha, circa 2500 anni fa. Si tratta di un insegnamento semplice ma elegante in vita cosciente, composto di giusto pensiero, retta parola, il comportamento giusto, mezzi di sussistenza, retto sforzo, retta consapevolezza e retta concentrazione.

La parola chiave qui è “giusto”. A prima vista, si potrebbe ragionevolmente sostenere che ciò che è giusto per una persona potrebbe essere sbagliato per un altro. Giusto? Non proprio. La Giustizia è un riflesso della verità. La Verità è sia universale che relativa. In che senso? Quando spostiamo la prospettiva, influenziamo l’universalità della nostra verità. Zoomando indietro rispetto alle nostre preoccupazioni, il nostro senso di verità assume un aspetto più universale. Si è costretti a conoscere una verità che è valida non solo per noi, ma anche per gli altri. Più si zooma indietro, più la coscienza è una creazione che la verità deve comprendere e rispettare. Naturalmente è vero anche l’opposto. Zoomando avanti esclusivamente sui propri affari personali diminuisce l’universalità della nostra verità. Per agire con onore, quindi, occorre fluire con ordine divino. Ciò che è giusto non lo impariamo, ma permettiamo al nostro innato sapere riguardo a ciò di sorgere. Noi già l’abbiamo questa conoscenza. Siamo naturalmente sovrani.

Giustapposti al contesto dei media moderni totalizzanti, tutto questo parlare di retta condotta può sembrare piuttosto stantio. Guardando solo poche serate consecutive della televisione, si viene via con l’impressione che non c’è più alcun interesse per queste cose. Attori auto-distruttivi, politici bigotti, sportivi disorientati e musicisti violenti sono costantemente additati come i sexy anti-eroi del nuovo millennio. I media proclamano la decadenza apertamente a lettere d’oro. Il disonore fa notizia, a chi piace. Ci si chiede dove siamo sulla curva grafica della civiltà? Stiamo assistendo a una replica degli ultimi giorni di Roma?

Forse Marco Aurelio (121-180 dC), l’ultimo dei “Cinque buoni imperatori”, è ben posizionato per commentare. Intuizioni taglienti sulla natura umana, spesso aiutarono Aurelio a salire sopra le varie gravitazioni negative dell’alto ufficio. Egli scrisse: “Un uomo nobile confronta e stima se stesso da un’idea che è superiore a se stesso, e un uomo medio, da una inferiore a lui. L’uno produce l’aspirazione, l’altro ambizione, che è il modo in cui un uomo volgare aspira”. Tali proclami veritieri hanno aiutato a distinguere Aurelio dalla follia e dissolutezza dei precedenti imperatori, come Tiberio, Caligola e Nerone. Come lo storico Erodiano scriveva: “Aveva l’Aura degli imperatori, giacché ha dato prova del suo apprendimento non da semplici parole o conoscenze di dottrine filosofiche, ma dal suo carattere irreprensibile e dal modo temperato della vita.” Aurelio mette in evidenza il fatto che, in definitiva, l’ambizione personale è piuttosto un percorso di vita precaria, in quanto serve solo a soddisfare gli appetiti fugaci dell’ego. 

La Sovranità Spirituale ci insegna che la forza e il potere sono due cose molto diverse. Chiunque può esercitare una forza, ma non tutti sono investiti di potere. Per esercitare il potere reale, dobbiamo essere in armonia con il nostro scopo più elevato, con la verità universale. Questa è la verità che si può sentire nei nostri cuori, nelle menti e nello spirito, ed è una bussola per la crescita consapevole. Quando la costruiamo sia nei nostri pensieri che nelle azioni di tutti i giorni, viviamo come uomini e donne d’onore.

Da Neil Kramer, autore di “The Unfoldment: La Via Organica per la Chiarezza e il Potere della Trasformazione”

Fonte: http://www.iconicon.it/blog/2013/10/lonore-sovrano/

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *