Notizia censurata in Italia: 46 anni di carcere per 9 banche islandesi

Batosta meritata per 9 grandi banche islandesi, con 46 anni di carcere confermati.

<b>Batosta meritata per 9 grandi banche islandesi, con 46 anni di carcere confermati.</b>



Nessun media italiano racconta ovviamente quello che è successo in Islanda. Una punizione meritata che dovrebbe essere imposta anche ai nostri truffatori... non solo banchieri, ma anche politicanti truffaldini. L’Islanda ha agito in modo diverso dal resto dell’Europa e degli Stati Uniti, consentendo che i banchieri fossero perseguiti come criminali piuttosto che trattarli come una specie protetta.

L’Islanda ha riconosciuto nove banchieri (le banche principali) colpevoli e li ha condannati a

I banchieri corrotti islandesi condannati


Nessun media italiano racconta ovviamente quello che è successo in Islanda.
Una punizione meritata che dovrebbe essere imposta anche ai nostri truffatori… non solo banchieri, ma anche politicanti truffaldini. L’Islanda ha agito in modo diverso dal resto dell’Europa e degli Stati Uniti, consentendo che i banchieri fossero perseguiti come criminali piuttosto che trattarli come una specie protetta.

L’Islanda ha riconosciuto nove banchieri (le banche principali) colpevoli e li ha condannati a decenni di carcere per reati connessi alla crisi economica del 2008. Giovedi, 6 ottobre la Corte Suprema islandese ha reso un verdetto di colpevolezza per i nove imputati per manipolazione del mercato, dopo un lungo processo che ha avuto inizio nel mese di aprile dello scorso anno.

Kaupthing, la più grande banca islandese, leader a livello internazionale, con sede a Reykjavik, in Islanda, si è sviluppata a livello internazionale per anni, ma è crollata nel 2008 sotto il peso di enormi debiti, paralizzando l’economia della piccola nazione. Chiedendo alla giustizia che i banchieri fossero soggetti alle stesse leggi alle quali sono soggetti tutti i cittadini, l’Islanda ha adottato una strategia del tutto diversa da quella dell’Europa o degli Stati Uniti, dove le banche hanno ricevuto multe simboliche, ma dove direttori e mecenati non hanno avuto alcuna pena.

Libri e varie...

Mentre i governi americani/europei salvano le loro grandi banche con i soldi dei contribuenti, inducendo i banchieri nei loro comportamenti malvagi ? l’Islanda ha adottato un approccio diverso, dicendo che avrebbe lasciato fallire le  banche, eliminando e punendo i criminali che hanno portato queste banche sul lastrico. Soprattutto, l’Islanda, ha scelto di proteggere i risparmi dei cittadini. Così, l’ex direttore della banca Kaupthing, Már Sigurðsson Hreiðar, che era già stato condannato e imprigionato lo scorso anno, ha visto ora la sua prigionia prolungata di altri sei mesi.

Secondo l’Islanda Monitor, i nove banchieri sono stati riconosciuti colpevoli di reati legati alla finanza: acquisti abusivi di azioni e vendita con l’inganno di azioni truffa ai propri clienti, esattamente come è successo in Italia con Banca Etruria, giusto per fare un esempio (dove proprio in questi giorni i responsabili sono stati invece tutti assolti).

L’approccio islandese

Questi fatti rappresentano solo l’ultimo giro di vite dell’Islanda in merito al crollo economico. Le autorità hanno condannato i padroni delle banche, gli amministratori delegati e i funzionari governativi per reati che vanno dall’insider trading alla frode, al riciclaggio di denaro e violazione di diritti da parte di funzionari. Nel frattempo, l’economia, che nel 2008 era crollata, oggi è ripartita alla grande, dopo aver lasciato le sue banche fallire, e imponendo controlli sui capitali a protezione dei propri cittadini. 

La volontà dell’Islanda è in netto contrasto con quanto praticato nel Regno Unito, nel resto d’Europa e negli Stati Uniti, dove i banchieri colpevoli, grazie ai salvataggi governativi, hanno continuato a fare profitti fenomenali e a intascare bonus osceni come se nulla fosse accaduto.

L’anno scorso, perfino il Fondo monetario internazionale aveva riconosciuto che l’Islanda era tornata in ripresa economica “senza compromettere il suo modello di welfare”, e soprattutto senza punire i suoi cittadini per reati commessi dai suoi banchieri.

Fonte originale: http://yournewswire.com/iceland-jail-bankers-46-years/

Fonte: http://laveritadininconaco.altervista.org/

Libri e varie...
ISLANDA CHIAMA ITALIA  - LIBRO
Storia di un Paese che è uscito dalla Crisi rifiutando il Debito
di Andrea Degl'Innocenti

Eccoci qui, dunque, un po’ perplessi, imbambolati, del tutto terrorizzati. Alla disperata ricerca di risposte. Mettiamo subito le cose in chiaro: non ne ho. Sono né più né meno confuso di chiunque altro, del tutto terrorizzato. In compenso, ho una gran voglia di cercarne. 
Del resto di risposte già pronte non ve ne sono; chi ne propone o è un affarista, o è un truffatore, o, nella migliore delle ipotesi, è un illuso. Così, con quello «spirito d’incertezza» che Edgar Morin considerava una premessa imprescindibile della conoscenza, ho deciso di mettermi in viaggio.
Dall'Introduzione del Libro

 L'Islanda sembra contenere, compresse nel tempo e nello spazio, le caratteristiche che ritroviamo diluite nel resto del mondo: è stata fra gli ultimi paesi occidentali ad aprirsi ai mercati internazionali e alla finanza globale, ma lo ha fatto totalmente e senza protezioni, al punto che è stata la prima a subire le conseguenze della crisi economica.
 Questo è il racconto dell’ascesa e della caduta del sogno islandese, dalla nascita della società neoliberale fino alle vicende più recenti, che hanno visto gli abitanti dell’isola ribellarsi contro i propri governanti corrotti, contro i banchieri senza scrupoli che avevano condotto il paese al collasso, contro l’intera comunità internazionale che premeva per il pagamento di un debito ingiusto, contratto da banchieri privati.
 In circa tre anni di mobilitazioni gli islandesi hanno ottenuto risultati straordinari come la caduta del governo, le dimissioni delle principali autorità di controllo, la stesura di una nuova costituzione partecipata.
  Ora è l’Islanda a mostrare la strada.
 Oggi il mondo intero si trova ad affrontare una crisi economica, politica, sociale, ambientale, culturale – in una parola, sistemica – senza precedenti.
 Dopo anni di benessere e stabilità in cui noi cittadini delle società occidentali ci siamo lasciati convincere a disinteressarci della sfera pubblica, dei beni comuni, di tutto ciò che non rientra nella nostra sfera di interessi personali, ecco che ci troviamo a dover fare i conti con problematiche globali che necessitano di un cambiamento repentino e collettivo.
 Partendo dagli spunti offerti dalle vicende islandesi, l’autore offre una panoramica di alcune delle realtà più significative che anche da noi si adoperano per cambiare la società.
 Si viene così delineando una sorta di mosaico della “società del cambiamento”, in cui le realtà in lotta sono dei tasselli ideali di un grande movimento di riappropriazione collettiva del diritto di decidere sul modo (e sul mondo) ...

Islanda Chiama Italia

Storia di un Paese che è uscito dalla Crisi rifiutando il Debito

di Andrea Degl'Innocenti

Eccoci qui, dunque, un po’ perplessi, imbambolati, del tutto terrorizzati. Alla disperata ricerca di risposte. Mettiamo subito le cose in chiaro: non ne ho. Sono né più né meno confuso di chiunque altro, del tutto terrorizzato. In compenso, ho una gran voglia di cercarne.
Del resto di risposte già pronte non ve ne sono; chi ne propone o è un affarista, o è un truffatore, o, nella migliore delle ipotesi, è un illuso. Così, con quello «spirito d’incertezza» che Edgar Morin considerava una premessa imprescindibile della conoscenza, ho deciso di mettermi in viaggio.
Dall'Introduzione del Libro

L'Islanda sembra contenere, compresse nel tempo e nello spazio, le caratteristiche che ritroviamo diluite nel resto del mondo: è stata fra gli ultimi paesi occidentali ad aprirsi ai mercati internazionali e alla finanza globale, ma lo ha fatto totalmente e senza protezioni, al punto che è stata la prima a subire le conseguenze della crisi economica.

Questo è il racconto dell’ascesa e della caduta del sogno islandese, dalla nascita della società neoliberale fino alle vicende più recenti, che hanno visto gli abitanti dell’isola ribellarsi contro i propri governanti corrotti, contro i banchieri senza scrupoli che avevano condotto il paese al collasso, contro l’intera comunità internazionale che premeva per il pagamento di un debito ingiusto, contratto da banchieri privati.

In circa tre anni di mobilitazioni gli islandesi hanno ottenuto risultati straordinari come la caduta del governo, le dimissioni delle principali autorità di controllo, la stesura di una nuova costituzione partecipata.

Ora è l’Islanda a mostrare la strada.

Oggi il mondo intero si trova ad affrontare una crisi economica, politica, sociale, ambientale, culturale – in una parola, sistemica – senza precedenti.

Dopo anni di benessere e stabilità in cui noi cittadini delle società occidentali ci siamo lasciati convincere a disinteressarci della sfera pubblica, dei beni comuni, di tutto ciò che non rientra nella nostra sfera di interessi personali, ecco che ci troviamo a dover fare i conti con problematiche globali che necessitano di un cambiamento repentino e collettivo.

Partendo dagli spunti offerti dalle vicende islandesi, l’autore offre una panoramica di alcune delle realtà più significative che anche da noi si adoperano per cambiare la società.

Si viene così delineando una sorta di mosaico della “società del cambiamento”, in cui le realtà in lotta sono dei tasselli ideali di un grande movimento di riappropriazione collettiva del diritto di decidere sul modo (e sul mondo) in cui vogliamo vivere...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*