Neoliberismo e Plutocrazia: gli assassini del Mondo

Multinazionali e Grandi Banche d’affari sono “i padroni dell’umanità”, che in gran parte sembra perfino soddisfatta da questa dittatura.

Noam Chomsky, considerato il maggior linguista vivente, dichiara: “Si credono i padroni dell’umanità e purtroppo lo stanno diventando: la politica democratica ha cessato di resistere loro, spianando la strada alla dittatura incondizionata dei poteri forti, economici e finanziari, che ormai dettano le condizioni della nostra vita pubblica”.

E ancora: “Le nostre società stanno andando verso la plutocrazia. Questo è il Neoliberismo”. “Gli Oligarchi globali, signori delle multinazionali e grandi banche d’affari, sono i padroni dell’umanità”.

Purtroppo, la cosa peggiore è che gran parte di quell’umanità già schiavizzata e asservita a questo infame disegno globale, si mostra soddisfatta da questa dittatura.

Coloro che etichettano come “complottismo” o banalità le lucide esternazioni di chi tenta di spiegare come stanno realmente le cose, proprio come Noam Chomsky, finiscono col favorire i “padroni del mondo”, quelli che a colpi di consumismo e di falsa felicità, indotta dal futile possesso di roba spesso anche inutile e costosa, stanno annichilendo le masse popolari.

Siamo ormai al pari di un enorme gregge condotto al “pascolo” (il mercato libero) dai nostri “padroni” (multinazionali, alcune banche, nazioni colluse col sistema di potere, massoni e oligarchi globali). Per cambiare il nostro stato, dobbiamo iniziare a prendere coscienza di questa realtà, negarla vuol dire solo darla vinta ai nuovi despoti del terzo millennio.

Fonte: http://www.striscialaprotesta.it/2019/12/12/neoliberismo-e-plutocrazia-sono-gli-assassini-del-mondo/

Libri e varie...
Macrolibrarsi: "siamo operativi al 100% verso tutte le destinazioni in Italia, escluso la provincia di Bergamo e di Brescia".
LA FABBRICA DEL CONSENSO
La politica e i mass media
di Noam Chomsky, Edward S. Herman

La Fabbrica del Consenso

La politica e i mass media

di Noam Chomsky, Edward S. Herman

"Un sistema di propaganda, in coerenza con le proprie finalità, presenterà le persone perseguitate dai propri nemici come meritevoli di considerazione e quelle trattate con crudeltà uguale o superiore dal proprio governo come vittime non meritevoli di considerazione."

"Una requisitoria contro gli inganni della propaganda."

Internazionale

"Chomsky fa a pezzi e ricostruisce l'intimo funzionamento dei media americani in un testo di straordinaria acutezza."

L'Espresso

Un giornalismo aggressivo, ostinato, sempre presente sul luogo dell'evento e sempre impegnato nella ricerca della verità: che la realtà dei giornali non corrisponda a questo modello Noam Chomsky e Edward S. Herman non si accontentano di affermarlo, lo dimostrano.

E provano, dati alla mano, come sia un occulto consenso d'élite a dar forma alle notizie. Il loro studio lucido e particolareggiato svela, con ricchezza d'esempi, il meccanismo attraverso cui il mondo dell'informazione mobilita l'opinione pubblica per sostenere e difendere gli "interessi particolari" che dominano nella società.

L'analisi aggressiva e documentata di La fabbrica del consenso offre una risposta precisa alla domanda su quanto siano veramente strumentalizzati i mass media statunitensi e fornisce una chiave per interpretarne i messaggi. Nel saggio che chiude il volume Letizia Paolozzi e Alberto Leiss esaminano lo stato dell'informazione in Italia, passando in rassegna il comportamento dei giornali in occasione dei più importanti eventi politici e di cronaca.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *