Maltrattamenti sui maiali, nuovo video choc da otto allevamenti. Sicuri che siano ‘casi isolati’?

Articolo di “Essere Animali” – Organizzazione no profit

La crudeltà dietro al prosciutto non è un caso isolato, lo mostra il nuovo video in allevamenti Consorzio di Parma.

Prosciutto alta crudeltàNel mese di dicembre abbiamo diffuso attraverso media nazionali un video chiamato ‘Prosciutto Crudele’, che mostrava condizioni di detenzione inidonee, violenze degli operatori e gravi stati di sofferenza per i maiali in un allevamento romagnolo fornitore del Prosciutto di Parma. Quelle immagini hanno fatto il giro del mondo, sono state riprese perfino da media inglesi, cinesi e di Hong Kong, e hanno portato a controlli del Corpo Forestale, che ne ha riscontrato la veridicità, trovando una situazione critica in quella struttura.

Dopo quel video, che ha avuto tra i vari social più di 1 milione di visualizzazioni, il Consorzio del Prosciutto di Parma e tutti quelli che lavorano nel settore si sono affrettati a difendersi nell’unico modo possibile, dicendo in sostanza che quelle sono situazioni che è giusto condannare, ma che si tratta di un caso isolato, e che il resto della produzione non è affatto così.

Questa cosa del “si tratta di un caso isolato” la sentiamo dire da molti anni, ogni qualvolta la nostra associazione mostri situazioni di grave sofferenza per gli animali in allevamenti o macelli. Ma se accade sempre, e sempre più spesso, possiamo ancora chiamarlo “un caso isolato” o è piuttosto un problema sistemico?

E come nostra risposta abbiamo diffuso un nuovo video, questa volta girato in ben 8 allevamenti, in 5 province tra Emilia Romagna e Lombardia, nei primi mesi di quest’anno. Anche stavolta tutti fornitori del Prosciutto di Parma. E le immagini sono terribili, talmente forti che alcune abbiamo dovuto censurarle.

Contemporaneamente alla diffusione mediatica del video abbiamo provveduto a segnalare gli allevamenti coinvolti al Corpo Forestale dello Stato e al Nirda – Nucleo Investigativo Reati a Danno degli Animali, oltre che ai Nas. Di fronte a queste immagini siamo ancora così sicuri di poter dire che “si tratta di un caso isolato”?

Certo non tutti gli allevamenti saranno crudeli come questi, ma sicuramente tutti o quasi, hanno gli stessi problemi. Sono i problemi inevitabili di un metodo di allevamento dove gli animali cessano di essere quello che sono e vengono considerati alla stregua di oggetti, da stipare nel minor spazio possibile per il maggiore guadagno. Basti pensare che sono circa 9 milioni i maiali allevati in Italia, e quasi tutti in allevamenti intensivi nella Pianura Padana.

Ed è qui il nocciolo della questione. In fondo un marchio vale l’altro, non ci vogliamo affatto accanire contro il Consorzio del Prosciutto di Parma: ciò che vogliamo far vedere è che anche dietro l’eccellenza del Made in Italy, dietro le garanzie Dop e Doc, si possono nascondere enormi sofferenze e maltrattamenti.

E questo accade soprattutto quando di fronte a un tale video, chi è direttamente coinvolto, afferma che la nostra denuncia “attribuisce al Consorzio e ai suoi produttori le responsabilità di una vicenda, per la quale invece non ne ha. Manifestare la propria indignazione è lecito e doveroso, ma essa va rivolta a coloro che sono coinvolti nell’attività di allevamento: gli allevatori e coloro che effettuano i controlli”. Eppure, quelle nel video, sono aziende da cui si riforniscono e che dovrebbero seguire un disciplinare da loro redatto. Nemmeno una parola su eventuali provvedimenti o un impegno a maggiori controlli. Solo uno scaricabarile.

Sembra che al Consorzio di Parma interessi di più cancellare ciò che causa danni all’immagine, che non cercare di arginare o risolvere questi problemi. Almeno questo suggerisce il fatto che negli scorsi mesi sia stata oscurata la prima indagine ‘Prosciutto Crudele’ da tutti i nostri canali web.

Noi lo consideriamo un grave attacco alla libera informazione, perché simili immagini dovrebbero essere viste da tutti, a prescindere dalle proprie idee e scelte alimentari. Perché sommate a situazioni simili denunciate in precedenza dalla nostra associazione o da altre realtà, mostrano un quadro preoccupante di diffusa inosservanza anche dei pur minimi requisiti di legge sul benessere degli animali.

E mostrano soprattutto una totale indifferenza verso il dolore e l’agonia di animali che il Trattato di Lisbona ha definito “Esseri Senzienti” e che come tali andrebbero considerati. Ma che negli allevamenti intensivi da cui proviene la nostra carne, da cui viene il prosciutto anche dei maggiori marchi, sono trattati come macchinari da riproduzione e ingrasso.

Non è quindi un caso isolato. Questa è la realtà e non possiamo fare finta che sia diversa o che non esista. Sta a noi non mettere la testa dentro la sabbia ma domandarci seriamente quali siano i modi per risolvere il problema. Anche come semplici cittadini e consumatori.

Attenzione: le immagini potrebbero urtare la vostra sensibilità! 

Articolo di “Essere Animali” – Organizzazione no profit

In prima linea nella difesa degli animali per un pianeta equo verso tutte le specie. Protestando davanti a un delfinario, pilotando un drone sopra un allevamento intensivo, irrompendo sulle passerelle dell’alta moda che ancora usa le pellicce, salvando animali destinati al macello, infiltrandosi con telecamere nascoste per svelare i maltrattamenti che l’industria gli infligge, agiamo a 360 gradi per i loro diritti.

I nostri attivisti, attraverso la realizzazione di reportage, azioni dimostrative, campagne di sensibilizzazione e pressione, lottano per cambiare il modo in cui la nostra società tratta gli animali. L’obiettivo è sconfiggere lo “specismo”, quel prodotto storico, economico e culturale che giustifica il loro sfruttamento equiparando gli animali a cose, e non a esseri viventi con interessi, bisogni e sogni.
Le nostre indagini raggiungono i media nazionali e portano all’opinione pubblica temi mai affrontati prima, creando dibattito politico e sociale. Finalmente su televisioni e giornali si parla delle terribili condizioni di vita negli allevamenti intensivi per la produzione di carne, latte, uova e pellicce, ma anche di zoo e di circhi.

Crediamo che il cambiamento dipenda da ognuno di noi. Per questo facciamo informazione, per rendere coscienti le persone del potere delle loro scelte e della forza che assumono le idee se vengono condivise e portate avanti con dedizione, empatia ed entusiasmo. Vogliamo un mondo migliore per tutti, animali e umani. Un futuro nel quale ogni essere vivente venga rispettato e non abusato, dove le persone percepiscano la diversità come una risorsa e non una minaccia e si impegnino per difenderla: diverse specie, per un solo pianeta.

Noi ci crediamo, e tu?

Sito web: www.essereanimali.org

Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/07/14/maltrattamenti-sui-maiali-nuovo-video-choc-da-otto-allevamenti-sicuri-che-siano-casi-isolati/3729853/

Libri e varie...
NOVANTACINQUE
Gli animali di fattoria come non li avete mai visti

Novantacinque

Gli animali di fattoria come non li avete mai visti

Un libro che vi porterà a conoscere da vicino quegli animali che la maggior parte di noi non ha mai l'occasione di incontrare da... vivi. Questa raccolta di racconti e fotografie scritti e scattate da persone che hanno salvato, curato e amato questi animali, vi mostreranno aspetti di essi che forse non pensavate possibili.

Ben lungi dall'essere quegli esseri stupidi e privi di sentimenti che spesso ci vengono presentati, gli animali protagonisti di Novantacinque si rivelano essere altrettanto unici dei cani e dei gatti con cui molti di noi condividono la propria vita: creature complesse dotate di ricche personalità, profondità d'animo, emozioni, capacità di relazionarsi. 

Da Justice (in copertina), il manzo scappato da un camion lungo il tragitto verso il macello, ora auto-elettosi cerimoniere del santuario per animali in cui risiede, fino a Gilly, una piccola gallina bianca salvata da un allevamento industriale per la produzione di uova, che ha trovato una quieta felicità in una casa amorevole, ogni animale ha una storia avvincente che vi catturerà. Le belle foto arricchiscono i racconti, permettendo di instaurare un rapporto più "personale" con i singoli protagonisti, di guardare nei loro occhi – le "finestre dell'anima" – e di vedere quella straordinaria scintilla di vita che contengono. Alcuni degli animali vi faranno sorridere, altri vi commuoveranno, alcuni vi faranno piangere, e altri ancora vi daranno da pensare. Tutti sono affascinanti.

Perché Novantacinque? Novantacinque sono, statisticamente, gli animali la cui vita viene risparmiata, ogni anno, da chi adotta una dieta vegana, cioé priva di prodotti di origine animale (compresi uova e latticini).

Questo libro, dal punto di vista editoriale, è un azzardo: costoso da produrre in quanto interamente a colori, tratta un argomento che non lo rende un probabile best seller. Eppure, ho voluto scommetterci lo stesso. Perché è un libro unico. È un libro fatto con il cuore e che parla al cuore.

Non è il solito libro che racconta le atrocità cui sono sottoposti gli animali di allevamento per cercare di convincerci a diventare vegani. Gli autori di questo libro si pongono lo stesso obiettivo, ma ricorrono a uno strumento diverso dall'orrore, il ribrezzo, il senso di colpa di fronte allo strazio dei loro corpi e del ricorso al raziocinio di fronte all'insensatezza ecologica ed etica della produzione industriale di carne, uova e latticini.

Il loro strumento è l'amore intelligente. Le immagini e le parole che compongono questo libro sono immagini e parole che provengono da persone che hanno conosciuto davvero gli animali di cui parlano. Che li hanno osservati in silenzio, che ci hanno vissuto insieme. Li hanno conosciuti in profondità. E li hanno amati... E vorrebbero tanto che anche voi poteste conoscerli e amarli, perché solo così nascerebbe nel vostro cuore l'impulso genuino a proteggerli e rispettarli, come proteggete e rispettate il vostro cane, il vostro gatto, il vostro canarino, il vostro criceto...... Perché nel profondo dei loro occhi avete visto la stessa anima. E non potete più fare finta di non averla vista.

Un libro per vegetariani e vegani e per tutti quelli che... "ci sto pensando" Da regalare a tutti quelli che "si è vero, hai ragione, vorrei anch'io ma non ci riesco" Ottimo anche da regalare ai ragazzi per informarli e sensibilizzarli e da leggere e sfogliare insieme ai bambini per mostrare loro qualche animale di fattoria che è veramente felice (spiegando loro il perché).

Ogni cosa ha una sua propria voce.

Tuoni e fulmini e stelle e pianeti,

fiori, uccelli, animali, alberi

– tutti hanno voci,

ed essi costituiscono una comunità

di esseri profondamente interconnessi

 Thomas Berry

Il libro tratta di galline, mucche, maiali, tacchini, capre, pecore, anattre, oche e conigli. Per ciascuna di queste specie vi è una carrelata di ritratti fotografici in apertura e due o tre monografie su un singolo individuo, con la sua storia, scritta dai volontari che se ne sono presi cura.

Nella sezione successiva, nel capitolo "ritratti", per ogni singolo animale ritratto nelle 136 foto del libro viene fornita una breve storia che offre lo spunto per illustrare concisamente le condizioni in cui questi animali vivono negli allevamenti. Un altro capitolo ci narra come vivono gli animali nei santuari che ora li ospitano e un breve capitolo ci ricorda che anche gli animali acquatici sono vittime dello sfruttamento. Non mancano una bibliografia e un elenco di siti dove il lettore potrà approfondire gli argomenti e un elenco dei santuari, sia negli Stati Uniti che in Italia.

"È davvero affascinante apprendere da questo libro quanto "belli" i polli, i tacchini, i maiali, le mucche e gli altri animali di fattoria possano essere. Questo è un libro raro, di quelli che ti cambiano la vita. Esso evoca un senso di meraviglia, goia e ammirazione, e il riconoscimento di quanto tutte le forme di vita siano interconnesse." John Robbins

"Uno dei libri più belli che abbia mai letto, da ogni punto di vista: le fotografie, le bellissime storie, la filosofia dietro alle storie, la vitale esuberanza degli animali e dei loro compagni umani: un libro perfetto! ... che cattura qualcosa che manca a tutti gli altri libri sugli animali di fattoria. In questo libro c'è tanto cuore, che risuona col cuore mostrato dagli animali stessi." Jeffrey Moussaieff Masson

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *