La Crisi degli Approvigionamenti globali incontra il “Dark Winter”

Dr. Mathew Maavak

Si sta preparando una crisi della catena di approvvigionamento globale (ossia la nuova fase del Grande Reset del WEF), che porterà a una carenza a tutto campo di articoli essenziali. Questo è il risultato della centralizzazione di massa, dove le politiche sono dettate e sincronizzate dagli aristocratici della Nuova Normalità.

I prossimi anni saranno caratterizzati da un’estrema turbolenza socio-economica. Secondo quanto riferito, il mondo sta affrontando una “carenza di tutto” in cui i beni essenziali stanno diventando più difficili, più lontani e più dispendiosi in termini di tempo da trovare. Queste carenze colpiscono l’intera gamma della struttura della piramide sociale. Il tipico ciclo dalla produzione alla consegna è ripetutamente martellato da una macabra sedia musicale di guai, in sintonia con la legge di Murphy: ”Tutto ciò che può andare storto andrà storto“.

Se il problema non è un lockdown, allora è una carenza di materie prime. Se i porti sono pronti a scaricare materie prime e prodotti finiti, i camionisti non sono disponibili a ritirarli. Se sono disponibili camionisti, i porti non sono in grado di elaborare le merci. In alternativa, il problema potrebbe essere una forte carenza di energia o di carburante. Le restrizioni del coronavirus in tutto il mondo hanno anche portato a una carenza di manodopera essenziale, che va dai netturbini ai piloti. Sotto la gerarchia piramidale della Nuova Normalità, solo la pietra angolare che rappresenta lo 0,1% più alto è veramente distaccata e fiorente.

Il lungo inasprimento dello squilibrio tra domanda e offerta è entrato in un punto di non ritorno quando la pandemia di coronavirus è stata dichiarata nel marzo 2020. Una massa di navi mercantili che ondeggiano senza meta al largo delle coste cinesi, è ora affiancata da un’armata simile lungo le coste degli Stati Uniti. Un container che costava $ 2.500 prima della pandemia ora ne costa ben $ 25.000 per lo stesso carico. Immaginate i costi a valanga per il consumatore?

Tutto è ora convenientemente addossato al Covid-19, con cause e allarmismi che raggiungono proporzioni epicamente assurde. L’Australia ha bloccato l’intera città di Perth (oltre 2 milioni di abitanti) dopo aver scoperto un singolo nuovo caso di coronavirus alla fine di gennaio. Quasi otto mesi dopo, un altro singolo caso ha portato al blocco della capitale Canberra (popolazione oltre 400.000). Questa follia è solo la punta dell’iceberg del Covid-19.

Libri e varie...

L’Australia è probabilmente la nazione più bloccata sulla terra. Più minacciosamente, è anche uno dei principali cesti alimentari del mondo. Dopo 18 mesi di sconvolgimenti socio-economici, le sue esportazioni agricole sono destinate a un crollo. La situazione è peggiore altrove. L’inflazione alimentare è già ai massimi da 10 anni negli Stati Uniti, con i prezzi a settembre che hanno registrato un aumento del 32,8% su base annua.

La scarsità e l’inflazione annunciano una serie di problemi sociali. Un’ “epidemia” di taccheggio organizzato, ad esempio, è emersa come un’industria da 45 miliardi di dollari negli Stati Uniti. Ciò rappresenta un ulteriore smacco per il settore della vendita al dettaglio statunitense, che si sta ancora riprendendo dalle rivolte di George Floyd e dalle restrizioni sul coronavirus. Amazon, al contrario, sta andando molto bene. Qui è dove le merci rubate di giorno vengono rivendute di notte. Le politiche del risveglio lunatico negli Stati Uniti assicurano anche che i taccheggiatori seriali vengano regolarmente rilasciati, spesso lo stesso giorno, per presumibilmente accelerare il fallimento dei punti vendita al dettaglio consolidati, in particolare quelli di piccole e medie dimensioni.

Tutti i “Cigni Neri” (La teoria del cigno nero è una metafora che descrive un evento non previsto, che ha effetti rilevanti e che, a posteriori, viene inappropriatamente razionalizzato e giudicato prevedibile con il senno di poi – https://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_del_cigno_nero), allevati appositamente per il Grande Reset, stanno tornando al pettine. Gli effetti a catena della debacle immobiliare cinese di Evergrande, che ha comportato debiti per non meno di 305 miliardi di dollari, hanno avuto un impatto sul settore dei veicoli elettrici in Svezia. I nostri domini globali sono impostati per la cascata.

Un crollo della grandezza di Evergrande richiede una risposta ben eseguita dell’intero sistema. Tuttavia, la Cina sta affrontando interruzioni di corrente  dirompenti a causa della scarsa lungimiranza e della crisi globale del carbone. Le recenti inondazioni nella provincia dello Shanxi, ricca di carbone, probabilmente aggraveranno ulteriormente le cose. 

Una crisi energetica globale si sta già diffondendo dal Brasile all’India. Come la Germania potrebbe presto imparare a caro prezzo per le sue industrie e società, diventare ecologici senza mantenere una solida infrastruttura di combustibili fossili, è semplicemente miope. Con l’arrivo dell’inverno, la necessità di rendere operativo il “Nord Stream 2” diventa più urgente che mai. Dietro le quinte, tuttavia, i burocrati di Bruxelles rimangono all’oscuro.

Ci sono alcuni dettagli relativi all’energia su cui riflettere in questo contesto. Le autorità dell’UE daranno la priorità al riscaldamento elettrico invernale rispetto alle auto elettriche che sono presumibilmente verdi e rispettose del clima? I contatori intelligenti all’interno delle reti intelligenti dovrebbero risolvere queste scelte binarie a cascata, ma non così in un mondo ”progettato da pagliacci” e “sorvegliato da scimmie” – per parafrasare la rappresentazione di un ingegnere della Boeing sul recente fiasco del 737 Max. Infatti gli obblighi di vaccinazione stanno costringendo a terra un buon numero di personale qualificato, compresi i piloti. Il segretario stampa della Casa Bianca, Jen Psaki, ha persino giudicato questi obblighi ”buoni per l’economia“.

È abbastanza ironico che i piloti debbano farsi vaccinare per traghettare gli aristocratici della Nuova Normalità che sono esentati da tali banalità. Se nel settore aereo persiste una grave carenza di personale, accompagnata da uno o due disastri aerei, la catena di approvvigionamento globale potrebbe semplicemente piegarsi.

I guai su scala biblica, tuttavia, non finiscono qui. “Esperti e leader” stanno rigurgitando le prospettive di un “inverno molto buio” in arrivo. La “soluzione”, prevedibilmente, è la vaccinazione di massa e le vaccinazioni di richiamo… Ora, questo dovrebbe risolvere la nostra crisi globale del carbone, le inondazioni di massa, la fame crescente, le bolle immobiliari, le follie dei taccheggi e persino i cambiamenti climatici fino alla nausea!

Bill Gates, la principale “autorità” mondiale in materia di pandemie e vaccini, ritiene che il mondo non sia pronto per la ”prossima pandemia“. L’uomo ha profetizzato… quindi deve accadere! Secondo Gates, una preparazione adeguata dovrebbe includere la capacità di produrre un vaccino in “100 giorni” e di produrne abbastanza per il mondo intero nei “successivi 100 giorni”.

Viene da chiedersi se Gates sappia qualcosa sullo sviluppo di un qualsiasi prodotto. Creare e dispiegare una medicina universale per una nuova “malattia” in 100 giorni è semplicemente assurdo. Il corpo umano, con troppe incognite sconosciute, è molto più complesso di quanto lui immagini. Anche i sistemi operativi scadenti impiegano anni per svilupparsi… anche questo dopo aver fatto naufragare le prospettive di alternative più degne!

Se la “scienza” di Gates ha un disperato bisogno di alcune patch e aggiornamenti, i media complici possono aiutare trasformando le sciocchezze in fatti come al solito. La colpa per le crisi globali emergenti – dalla crisi del carburante in corso al cambiamento climatico – potrebbe essere attribuita direttamente ai non vaccinati. Chiamalo effetto corona-psicosi.

Ricchezza e potere sono oggi centralizzati nelle mani di pochi che quindi dettano e sincronizzano le politiche ovunque. La loro unica preoccupazione è salvaguardare la propria ricchezza e la conservazione della loro classe.

Preparatevi per la prossima fase del Grande Reset.

Articolo del Dr. Mathew Maavak – esperto di previsione e governance del rischio

Fonte: https://www.databaseitalia.it/la-crisi-degli-approvvigionamenti-globali-incontra-il-dark-winter-prepararsi-per-la-nuova-fase-del-grande-reset-del-wef/

Libri e varie...
FAKE NEWS
Come il potere controlla i media e censura l'informazione indipendente per ottenere il consenso
di Enrica Perucchietti

Fake News

Come il potere controlla i media e censura l'informazione indipendente per ottenere il consenso

di Enrica Perucchietti

Impoverire la lingua, distruggere la libertà, cancellare la Storia, manipolare l'informazione, distrarre l'opinione pubblica, abolire la verità, reprimere il pensiero critico: riprendendo e attualizzando le tematiche portanti del capolavoro di George Orwell, 1984, l'autrice mostra come l'attuale battaglia contro le fake news intenda censurare l'informazione alternativa, per orientare il consenso e garantire gli interessi delle élite.

L'emergenza sanitaria per il Covid-19 ha infatti permesso l'oscuramento di numerosi contenuti in Rete, legittimando la creazione di task force e l'approvazione di una Commissione parlamentare d’inchiesta sulle fake news che rievocano il Ministero della Verità orwelliano.

Che cosa è cambiato nei decenni e come si sono evolute le tecniche del controllo sociale?

In che modo il potere fabbrica il consenso e orienta le nostre scelte?

Si sta cercando di censurare l'informazione indipendente?

Come ci si può difendere dal tentativo degli spin doctors di manipolarci?

I contenuti extra del libro

VIDEO DI APPROFONDIMENTO CON L'AUTRICE

  • L'INFORMAZIONE AI TEMPI DEL COVID-19 E LA STRATEGIA DELLA PAURA
  • LA PROPAGANDA COME INGEGNERIA DEL CONSENSO
  • COME DIFENDERSI DALLA DISINFORMAZIONE
  • LE 10 REGOLE DELLA MANIPOLAZIONE SOCIALE
  • TEORIA DELLO SHOCK: LA STRUMENTALIZZAZIONE DELL'EMERGENZA SANITARIA E LA CENSURA DELLA RETE
  • COME FARE? IL RUOLO DEL GIORNALISMO OGGI

DOCUMENTI PDF

  • JACQUES ATTALI SOGNA UN MONDO NUOVO
  • ANALISI DEL LINGUAGGIO DI BARACK OBAMA

...E TANTO ALTRO!

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *