Instagram cancella l’Account di Robert F. Kennedy Jr con oltre 800.000 iscritti

Facebook ha rimosso la pagina Instagram del nipote dell’ex presidente John F. Kennedy, un noto critico dei vaccini con 800.000 abbonati. Il gigante della tecnologia ha recentemente intensificato la sua offensiva su quella che giudica disinformazione sul Covid-19.

Risultato immagini per Robert F.Kennedy Jr

L’account Instagram di Kennedy con il suo enorme seguito è stato cancellato mercoledì. “Abbiamo rimosso questo account per aver condiviso ripetutamente affermazioni smentite sul coronavirus o sui vaccini” ha detto Facebook, confermando la cancellazione della sua popolarissima pagina.

L’account è stato eliminato poco dopo che il Washington Post ha riferito di aver avvisato il social network di proprietà di Facebook del post di Kennedy, con la clip virale presa da “Planet Lockdown” (un film documentario sulla libertà, che parla della situazione in cui siamo finiti con lockdown, restrizioni varie e “modello cinese”; uscito a fine gennaio 2021)

Il video è un’intervista con protagonista l’alleata di Kennedy, Catherine Austin Fitts, che ha lavorato come assistente segretaria per l’edilizia nell’amministrazione George H.W. Bush. Nella clip, che da allora è stata rimossa da YouTube, Facebook e altri social media affermati, Fitts sostiene che la campagna di vaccinazione contro Covid-19 è un sinistro complotto ideato da una cabala globale e che i vaccini possono cambiare il DNA delle persone e renderle sterili.

Kennedy, noto per essersi già espresso scetticamente sui vaccini molto prima della pandemia, ha ripubblicato il video il 29 dicembre. E secondo quanto riferito, aveva raccolto circa 900.000 visualizzazioni prima che fosse rimosso. Vanta anche un considerevole seguito di 214.000 persone su Twitter, tuttavia il suo account lì sembra non essere stato toccato.

Kennedy Jr. si è attirato aspre critiche per la sua posizione anti-vaccino da parte dei media mainstream, con Jake Tapper della CNN che lo ha etichettato come una “minaccia” per aver definito il dottor Anthony Fauci un “personaggio molto sinistro che ha consegnato l’America a Big Pharma”.

La rimozione dell’account di Kennedy è collegata all’inasprimento da parte di Facebook della censura sulle affermazioni relative al coronavirus, che non sono in linea con le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e di altre autorità sanitarie di livello superiore.

A partire da lunedì scorso, Facebook ha promesso di cancellare tutti i post secondo cui il Covid-19 è stato creato dall’uomo o prodotto artificialmente e che i vaccini possono essere pericolosi, inefficaci o causare autismo. Il colosso dei social media ha notato che anche se i post non sono in conflitto con la sua politica, i “fact-checker di terze parti” possono comunque etichettare e retrocedere il contenuto che ritengono fuorviante. Allo stesso tempo, la società si è impegnata a “condurre la più grande campagna mondiale” per promuovere informazioni “autorevoli” sulla campagna di vaccinazione.

Fonte originale https://www.rt.com/usa/515216-vaccine-skeptic-kennedy-instagram-removed/

Fonte: https://liberopensare.com/instagram-cancella-laccount-di-robert-f-kennedy-jr-con-oltre-800-000-iscritti/

Libri e varie...
SPYCHIPS (EBOOK)
Le multinazionali e i governi progettano di sorvegliare ogni nostra mossa. Ecco come.
di Katherine Albrecht, Liz McIntyre

SpyChips (eBook)

Le multinazionali e i governi progettano di sorvegliare ogni nostra mossa. Ecco come.

di Katherine Albrecht, Liz McIntyre

Cosa si nasconde dietro la tessera sanitaria elettronica che ha da poco fatto capolino nel portafoglio di tutti gli italiani? Oltre al nobile intento di salvaguardare la salute nazionale attraverso un capillare monitoraggio, non potrebbe celarsi l'ennesima incursione del sistema nella privacy dei cittadini? E, scavando più a fondo, quanto è fitta la rete che controlla le nostre vite?

Secondo l'inquietante scenario descritto dalle due autrici, il Grande Fratello è ovunque: carte di credito, tessere di fedeltà, telepass, confezioni dei prodotti e simili, altro non sono che minuscole spie tecnologiche che hanno il compito di tracciare e registrare i nostri spostamenti, i nostri acquisti, le nostre tendenze sociali, alimentari e culturali.

Quest'occhio indiscreto agisce per conto dell'insaziabile società di mercato, che per sopravvivere ha bisogno di sempre più dettagliate informazioni sulle nostre abitudini di consumatori. Il risultato è che siamo continuamente osservati attraverso particolari microchip chiamati RFID (Radio Frequency IDentification), una tecnologia semplice e di basso costo, della quale però non sono stati ancora sufficientemente indagati i pericoli per la salute umana.

Come salvarsi dal perverso intreccio tra marketing e tecnologia? 
Un'informazione completa, aggiornata e oggettiva come quella offerta dalle due autrici di questo saggio rappresenta uno strumento potente a tua disposizione. 

Non lasciartelo sfuggire. Il testo è arricchito da un'esauriente appendice che inquadra il problema nel contesto della società italiana ed europea e delle relative legislazioni in materia.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *