Il presidente del Madagascar Andry Rajoelina: “L’Oms ha offerto 20 milioni di dollari per avvelenare la nostra cura naturale contro il Covid 19”

di Cesare Sacchetti

Il presidente del Madagascar Andry Rajoelina, avvisa gli africani di non sottoporsi al prossimo vaccino contro il coronavirus, perchè in grado di uccidere chi lo riceve.

Andry Rajoelina è il nuovo Presidente del Madagascar. L ...

Il presidente del Madagascar Andry Rajoelina: “L’Oms mi ha offerto 20 milioni di dollari per avvelenare la nostra cura naturale a base di Artemisia, controil Covid 19”. In un paese a informazione libera, la denuncia di Rajoelina sarebbe sulle prime pagine dei quotidiani. In un Paese con regime, è proibito parlare dell’enorme giro di corruttele e affari illeciti che ruotano attorno all’OMS. Dopo il siluro lanciato da Trump contro l’OMS, per le omissioni sul Covid-19 e contiguità con la Cina, ne arriva un altro ancora più esplosivo. A sganciarlo è il presidente del Madagascar, Andry Rajoelina, che ha accusato l’OMS di aver cercato di corromperlo con una tangente da 20 milioni di dollari.

A riportare le parole del politico malgascio è stato il quotidiano africano Tanzania Perspective – edizione del 14 maggio (https://greatgameindia.com/who-offered-20m-bribe-to-poison-covid-19-cure-madagascar-president/). Secondo la versione di Rajoelina, l’OMS lo avrebbe raggiunto per offrirgli questa enorme somma di denaro in cambio della manipolazione di una cura contro l’agente patogeno a base di artemisia. L’artemisia è una pianta e viene utilizzata come rimedio naturale contro la malaria con discreti risultati. I medici del Madagascar avrebbero scoperto che la sua somministrazione è effettivamente efficace contro il Covid-19, la cui sintomatologia scomparirebbe nel giro di 10 giorni dalla sua assunzione.

Libri e varie...

Nessun media italiano né internazionale ha riportato le durissime accuse del presidente del Madagascar. “Il mio Paese ha trovato una cura per il coronavirus, ma gli europei mi hanno offerto 20 milioni di dollari per mettere delle tossine in questo rimedio per uccidere i miei amici africani che lo useranno”.

Secondo la versione di Rajoelina, dei rappresentati europei dell’OMS quindi lo avrebbero avvicinato per corromperlo e inquinare la somministrazione naturale dell’artemisia. Ma le accuse del presidente già gravissime non si fermano qui. Il politico malgascio mette anche in guardia gli africani dal non sottoporsi al prossimo vaccino contro il coronavirus perchè in grado di uccidere chi lo riceve.

“Io chiedo a tutti gli africani di non usare il vaccino contro il coronavirus perchè uccide. Venite in Madagascar voi che siete malati. Il mio Paese è pronto a ricevervi con entusiasmo. Il nostro rimedio a base di Artemisia è di colore giallo, non comprate quello di colore verde, perchè questo viene dall’Europa. Gli europei hanno inquinato il nostro rimedio, hanno messo del veleno per uccidere gli africani così come volevano fare con i vaccini ai quali noi ci opponiamo“.

Quando il leader del Madagascar usa l’espressione “europei” si riferisce sempre all’OMS che ha la sua sede a Ginevra, in Svizzera. Il presidente accusa esplicitamente l’organizzazione sanitaria di aver in qualche modo manipolato il rimedio naturale all’artemisia contro il Covid-19 nel tentativo di peggiorare la salute degli africani.

L’OMS ha manifestato fin dal primo momento un esplicito interesse a sviluppare un vaccino contro il coronavirus, piuttosto che raccomandare cure o rimedi naturali. A gennaio, quando ancora non c’era nessuna crisi da Covid, aveva già stipulato accordi con importanti case farmaceutiche, impegnate nella ricerca immunologica contro questo agente virale.

Coronavirus, l'allarme dell'Oms: “Potrebbe non scomparire mai ...

Una cura naturale, tra l’altro piuttosto economica, di fatto comprometterebbe l’enorme giro di affari che ruota attorno al business dei vaccini. L’artemisia sostanzialmente manderebbe in fumo i piani delle grandi multinazionali del farmaco riguardo al coronavirus.

L’Africa è da molto tempo usata come laboratorio per gli esperimenti sui vaccini. Ma Rajoelina parla anche esplicitamente dei danni che i Vaccini hanno procurato agli africani negli anni passati e le sue parole evocano una recente notizia su cui ancora non si è fatta pienamente luce. In un ospedale del Senegal sarebbero stati somministrati vaccini sperimentali contro il Covid-19 a sette bambini del posto (https://lacrunadellago.net/2020/04/12/7-bambini-senegalesi-sono-morti-per-i-vaccini-sperimentali-contro-il-coronavirus/). Gli esiti della sperimentazione sarebbero stati disastrosi, dal momento che i sette bambini sarebbero deceduti in seguito all’inoculazione.

La notizia è stata poi fatta sparire dal sito ghanese che l’aveva originalmente pubblicata, e l’agenzia di stampa francese Agence France-Press, ha sostenuto che non fosse vera, commentando un fatto però che non aveva nulla a che fare con il caso dei bambini morti in Senegal. Nonostante le domande su quanto effettivamente accaduto in Senegal restino senza risposta, non è certamente la prima volta che l’Africa viene utilizzata come laboratorio per esperimenti di immunologia.

Robert F. Kennedy, figlio di Robert Kennedy e nipote del presidente John Kennedy, in un suo articolo pubblicato su Instagram, ha accusato apertamente la casa farmaceutica GlaxoSmithKline, finanziata da Bill Gates, di aver procurato la morte di 151 bambini africani deceduti in seguito alla somministrazione di un vaccino sperimentale contro la malaria. (https://www.fort-russ.com/2020/04/robert-f-kennedy-jr-exposes-bill-gates-vaccine-dictatorship-plan-cites-gates-twisted-messiah-complex/). Gli altri bambini invece che non sono morti hanno riportato gravissimi effetti collaterali tra i quali paralisi e convulsioni febbrili.

La denuncia di Rajoelina sembra quindi prendere spunto dagli esperimenti condotti in Africa dall’OMS e dalle multinazionali del farmaco che hanno compromesso la salute di moltissimi africani.

Il presidente ha rilasciato un’altra intervista a France24, alla quale ha confermato l’efficacia della cura all’artemisia e allo stesso tempo denuncia il pregiudizio contro il suo Paese per la sua mancata somministrazione. (https://www.youtube.com/watch?v=Qp7KB-rY1Aw). “Credo che il problema è che il rimedio viene dall’Africa e non possono ammettere che un Paese come il Madagascar ha ideato questa formula per salvare il mondo. Qual è realmente il problema con Covid-organics? Potrebbe essere che non sta bene che un Paese come il Madagascar, il sessantatreesimo Paese più povero al mondo, abbia ideato questa formula che può aiutare a salvare il mondo? Se non fosse il Madagascar, e se fosse un Paese europeo che avesse realmente scoperto questo rimedio, ci sarebbero tanti dubbi? Non lo credo”.

Dopo queste parole, sono trapelate indiscrezioni dai servizi di Paesi africani su un piano per uccidere il presidente del Madagascar, divenuto troppo scomodo per le lobby delle case farmaceutiche, intenzionate solamente a produrre un vaccino contro il Covid. (https://www.thenigerianvoice.com/news/288081/plot-to-assassinate-president-andry-rajoelina-of-madagascar.html)

In un Paese con un’informazione libera, la denuncia di Rajoelina sarebbe sulle prime pagine dei quotidiani. In un Paese con un’informazione di regime, è invece proibito parlare dell’enorme giro di corruttele e affari illeciti che ruotano attorno all’OMS.

Articolo di Cesare Sacchetti

Riferimenti:

  • https://lacrunadellago.net/2020/05/20/il-presidente-del-madagascarloms-mi-ha-offerto-20-milioni-di-dollari-per-avvelenare-la-cura-contro-il-covid/
  • https://greatgameindia.com/who-offered-20m-bribe-to-poison-covid-19-cure-madagascar-president/
  • https://www.ambientebio.it/coronavirus/cura-del-madagascar-ci-sono-stati-offerti-20-milioni-di-dollari-per-corrompere-il-covid-organics-presidente-rajoelina-video/
  • https://www.paeseroma.it/2020/05/18/madagascar-tangente-di-20-milioni-di-dollari-per-avvelenare-i-farmaci-anti-covid/
  • https://www.youtube.com/watch?v=W5OYwdn_gh8

Fonte: https://laviadiuscita.net/il-presidente-del-madagascar-andry-rajoelina-loms-mi-ha-offerto-20-milioni-di-dollari-per-avvelenare-la-nostra-cura-naturale-contro-covid19/

Libri e varie...
CYBERUOMO
Dall'intelligenza artificiale all'ibrido uomo-macchina
di Enrica Perucchietti

CyberUomo

Dall'intelligenza artificiale all'ibrido uomo-macchina

di Enrica Perucchietti

Scopri il lato nascosto e oscuro del progresso e della tecnologia e impara a difenderti dalle nuove armi di controllo e manipolazione totale con il nuovo libro di Enrica Perucchetti "Cyberuomo".

Questo libro affronta argomenti che sembrerebbero fantascienza, ma sono invece le innovazioni più moderne e avanzate nel campo della scienza e della tecnologia.

Intelligenza artificiale, chip dermali, nanorobotica, crionica, mind uploading, progetti filogovernativi per resuscitare i morti, creazione di chimere per xenotrapianti, clonazione, tecnosesso, uteri artificiali, super soldati... Qual è lo scopo di tutto ciò?

Potenziare la natura umana, ibridare l'uomo con le macchine e creare un individuo geneticamente modificato che abbia continuato la propria evoluzione emancipandosi dalle leggi biologiche.

Ma è davvero questo il futuro che vogliamo?

Hai mai provato a riflettere su quale sia la meta ultima verso cui il mito del progresso illimitato ci sta traghettando?

Come ti spiega questo libro, dietro la parola "progresso" si nascondono ricerche che fino a qualche anno fa sarebbero state bollate come incubi distopici e che oggi vengono offerte all'opinione pubblica come un traguardo per l'evoluzione collettiva. 

Ma l'entusiasmo e l'esaltazione acritica del progresso stanno oscurando il lato nascosto di queste ricerche: si vuole realizzare una tecno-utopia, una società "perfetta" e altamente tecnologica, in cui non ci sia spazio per la violenza, le emozioni incontrollate o il pensiero autonomo.

Siamo sull'orlo di una rivoluzione antropologica che intende snaturare l'Uomo della pro­pria umanità, per renderlo sempre simile a una "macchina" e al contempo più manipolabile e controllabile.

È in gioco la nostra sopravvivenza: conoscere le ricerche e gli obiettivi nel campo del post-u­mano può aiutarci a fermare questa deriva prima che siano le macchine a ribellarsi ai propri inventori, come nei peggiori incubi.

Leggi "Cyberuomo" di Enrica Perrucchetti e trova le tue risposte a domande come:

  • Dove finisce la libertà auspicata da transumanisti e postumanisti e dove inizia la manipolazione?
  • Siamo davvero liberi di scegliere e creare il nostro futuro, oppure siamo sottoposti a una forma di conversione graduale a un'ideologia imposta dal potere?
  • Ci sono dei limiti etici alle ricerche nel campo del post-umano o tutto quello che è e sarà tecnologicamente possibile è da abbracciare come positivo e auspicabile per la collettività?

I contenuti extra

Questo è un Libro 4D e contiene una serie di contenuti extra per approfondire la lettura. All'interno del libro ci sono semplici istruzioni che ti spiegano come puoi accedere a questi contenuti da qualsiasi dispositivo: pc, tablet, smartphone e smart-tv.

VIDEO DI APPROFONDIMENTO CON L'AUTRICE

  • Perché un saggio sul transumanesimo
  • Come Hollywood ci sta abituando alle ricerche nel campo del post-umano
  • I microchip sono realtà e vanno di moda
  • Gemelline cinesi con DNA modificato come i superumani di Hawking

DOCUMENTI PDF

  • Stiamo vivendo in una simulazione computerizzata?
  • Il cibo del futuro: insetti e carne artificiale
  • La ricerca della longevità: dall'alchimia al mind uploading
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *