• Se cerchi un libro o un prodotto BIO, prova ad entrare nel sito di un nostro partner, Macrolibrarsi, il Giardino dei Libri, sosterrai così il nostro progetto di divulgazione. Grazie, Beatrice e Mauro
    Canale Telegram

I Fatti sono ormai Evidenti…

di Claudio Martinotti Doria

I fatti sono ormai evidenti: contestualmente alla demilitarizzazione dell’Ucraina sta avvenendo quella dell’Alleanza Atlantica. Il resto è propaganda.

La Russia deve solo proseguire imperterrita nella sua strategia bellica, indebolire sempre più le forze armate ucraine e NATO fino alla loro implosione, che a sua volta potrebbe far collassare l’UE e la NATO. Non deve mai credere a eventuali negoziati, essendo gli interlocutori totalmente inaffidabili, falsi e traditori, ma deve proseguire fino al conseguimento finale dell’obiettivo, la totale demilitarizzazione dell’Ucraina e di conseguenza della NATO all’interno del paese.

Se per disgrazia e scelta demenziale dovessero scendere in campo direttamente anche i polacchi e paesi baltici e altri folli russofobi, verranno trattati allo stesso modo degli ucraini, finiranno nel tritacarne e tritatutto. I confini alla fine saranno quelli naturali, forniti dal grande fiume Dnepr a ovest e dalle Regioni di Odessa e Mykolaïv (incorporate alla Russia) a sud. Che è quanto riportai già in un mio articolo di fine febbraio 2022, quando valutai i probabili obiettivi dell’offensiva russa in Ucraina, e siccome il tempo lavora a favore della Russia, quest’ultima non ha alcun interesse ad accelerare i tempi provocando un maggior numero di vittime che sarebbe assurdo sacrificare.

Gli avanzamenti sul terreno la Russia li eseguirà non tramite classiche offensive che richiederebbero troppe perdite umane, ma quando le forze armate ucraine e NATO avranno dei cedimenti strutturali talmente gravi da non poter più difendere quei territori e doverli abbandonare, è solo questione di tempo, quando si è senza mezzi e munizioni non ti rimane molto altro da fare se non ritirarti.

La NATO se esisterà ancora a quel punto si dovrà rassegnare a non poter mai più valicare quei confini, e semmai se vorrà continuare a giocare a Risiko per sentirsi ancora vitale, potrà spostare le sue forse in Scandinavia e cercare di punzecchiare la Russia nel Circolo Polare Artico, presso l’enclave russo di Kaliningrad e al confine con la Carelia, in fondo il coinvolgimento della Finlandia nella NATO aveva prevalentemente questo scopo.

Sarebbero solo giochi di guerra simulata, perché per quanto siano pazzi guerrafondai i neocons angloamericani, nessuno di loro è veramente disposto a provare sulla propria pelle il vero arsenale russo che finora è stato usato col contagocce e in modalità ridotta e convenzionale, mi riferisco ad esempio ai missili ipersonici Kinzhal – Iskander – Zircon – Avangard – Sarmat – Burevestnik e ai droni sottomarini ultraveloci Poseidon, di cui la NATO può solo sognare di intercettare o imitare, dotati di una tale potenza distruttiva se impiegati a pieno regime che se si sapesse provocherebbe un panico dilagante in tutto il mondo occidentale.

Quando si è in evidenti condizioni di inferiorità bellica e strategica si può solo bluffare ed esagerare con la propaganda, che è quello che la NATO sta facendo da mesi in maniera ormai patetica e francamente noiosa.

Uno spettacolo veicolato dai media asserviti e riservato agli stolti e stupidi, la maggioranza dei quali è domiciliata purtroppo in Occidente, mentre le migliori  intelligenze sono in Russia, anzi azzarderei a dire che sono nel BRICS+ (che presto conterà una quarantina di paesi) e il tempo rivelerà quanto avessi ragione. Speriamo che riservino qualche posto anche per i paesi occidentali che dovessero pentirsi della loro stupidità.

Articolo del Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria – Email: claudio@gc-colibri.com

Fonte: http://www.cavalieredimonferrato.it/

CERVELLO INTESTINO - UN LEGAME INDISSOLUBILE
Il ruolo del microbiota intestinale nelle nostre relazioni fisiche, mentali e psicoemozionali
di Stefano Manera

Cervello Intestino - Un Legame Indissolubile

Il ruolo del microbiota intestinale nelle nostre relazioni fisiche, mentali e psicoemozionali

di Stefano Manera

Una guida eccellente per le scelte alimentari.

Questo libro è fondamentale per capire come la salute del microbiota intestinale influisce sull’asse cervello-intestino e può aiutarti a prevenire e risolvere tantissime patologie.

Microbiota: un benefico amico. È assolutamente chiaro che il mondo in cui viviamo sia dominato dai batteri. I microbi abitano questo pianeta da centinaia di milioni di anni e quindi, da molto più tempo rispetto agli esseri umani. Non è mai esistito un tempo in cui il nostro corpo non sia stato abitato dai microbi e non ne sia stato influenzato.

Poiché ci siamo evoluti insieme al microbiota, sappiamo che esso svolge un ruolo chiave nella programmazione anche epigenetica di tutti gli altri sistemi corporei.

È molto interessante considerare che il nostro genoma ereditato è sostanzialmente stabile per tutta la vita dell’ospite, mentre il microbioma può essere molto dinamico e reattivo in relazione agli stimoli esterni e avere immense variazioni nel corso della nostra vita.

Tutto questo, naturalmente, può avere anche importantissime implicazioni terapeutiche.

Questo libro è fondamentale per capire come la salute del microbiota intestinale influisce sull’asse cervello-intestino e può aiutarti a prevenire e risolvere tantissime patologie.

“La chiave per un microbiota sano è una dieta che non dovrebbe includere i cibi altamente trasformati. Il libro fornisce un’eccellente guida per quanti sono interessati al benessere.” -(Ted Dinan)

Un’analisi completa e documentata sulle ultime scoperte relative al microbiota intestinale e al suo ruolo fondamentale sul sistema immunitario: ne emerge anche in pieno la sua azione di condizionatore e scambiatore di informazioni tra intestino e cervello.

La comunicazione tra i due è bidirezionale: cambiando la composizione del microbiota si possono ottenere effetti sulle malattie dell’organismo ma anche del cervello.

L’autore analizza la natura del microbiota fornendo informazioni, tra le altre, su:

  • l’essere umano come ecosistema ampio che include molti altri esseri viventi
  • interazioni tra microbiota e nervo vago e Sistema Nervoso Centrale
  • interazioni tra microbiota e sistema immunitario
  • il ruolo di cibo, movimento, inquinamento, stress ecc. sul microbiota e la sua comunicazione con il cervello
  • l’importanza del microbiota per la socialità, il superamento delle paure e il comportamento
  • malattie su cui si può intervenire con l’implementazione equilibrata del microbiota: (intestino irritabile, depressione, ansia, disturbo bipolare, dipendenze, obesità, dolore cronico, fibromialgia, Parkinson, Alzheimer, sclerosi multipla ecc...)

Completano l’opera un capitolo sui cibi fermentati a cura di Marco Fortunato e una sezione di ricette elaborate dalla chef Valentina Ferri.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *