Come il cervello compone le idee complesse

La capacità di creare e di comprendere idee di elevata complessità, a partire da un numero finito di concetti semplici, è gestita a livello cerebrale da alcune sottoregioni della corteccia temporale superiore dell’emisfero sinistro.

Labirinto Complessità

E’ in una parte della corteccia temporale superiore dell’emisfero sinistro (lmSTC) che il nostro cervello costruisce ed elabora significati complessi a partire da concetti semplici. A mostrarlo è una ricerca condotta da Steven M. Frankland e Joshua D. Greene della Harvard University.

Nel XVIII secolo il filosofo e naturalista Wilhelm von Humbolt osservò che il linguaggio naturale fa un “uso infinito di mezzi finiti”: a partire da un insieme finito di parole è in grado di esprimere efficacemente un’infinità di idee complesse. Per esempio, da idee semplici come quelle “donna, serenata ed elefante” possiamo capire il significato di una frase complessa e bizzarra come “Ieri, 30 elefanti rosa hanno fatto una serenata alla donna più alta del mondo”.

Come il cervello riesca in questa impresa non è ancora chiaro, ma è probabile che usi un sistema flessibile che gli permette di combinare gli stessi significati in modi diversi, così da produrre molti significati complessi distinti.

Per testare questa ipotesi Frankland e Greene hanno sottoposto a risonanza magnetica funzionale 40 soggetti mentre leggevano semplici frasi costruite con la stesse parole, ma di significato differente, come “il nonno ha dato un calcio al bambino” e “il bambino ha dato un calcio al nonno”.

Dall’analisi dei risultati è emerso che frasi speculari come queste attivavano in modo differente i circuiti della lmSTC secondo uno schema particolare: alcune sottoaree “rispondono” alla domanda: “Chi fa qualcosa?”, altre alla domanda “A chi viene fatto?”. In pratica, queste aree sono dedicate alla codifica di variabili semantiche differenti che permettono di costruire significati complessi distinti. Sono cioè “spazi” per variabili coinvolte in differenti operazioni, che vengono occupati di volta in volta da significati differenti.

Per confermare la capacità dei circuiti dell’area lmSTC di distinguere tra frasi dai significati speculari, i ricercatori hanno anche confrontato i modelli di attività di questa regione con quelli dell’amigdala, che gestisce il valore emotivo dei diversi stimoli.

Infatti, se sono le sottoaree della lmSTC a comporre i diversi significati, la risposta dell’amigdala allo schema di attivazione legato a frasi come “il bambino ha dato un calcio al nonno” dovrebbe essere moderata, dato che la frase esprime un comportamento deprecabile, ma in qualche misura normale. La risposta agli schemi di attivazione legati alla frase speculare “il nonno ha dato un calcio al bambino” – un atto che turba maggiormente – dovrebbe invece essere molto più sostenuta. I dati rilevati da Frankland e Greene hanno confermato esattamente questi modelli differenziali di attivazione.

Fonte: http://www.lescienze.it/news/2015/08/26/news/cervello_produzione_idee_complesse-2736835/

Libri sull'argomento
Oltre la Particella di Dio di Leon M. Lederman, Christopher T. Hill
Le Mie Invenzioni di Nikola Tesla
Accedi al Codice del tuo Cervello - Volume 3 di Riccardo Tristano Tuis
La Grande Storia del Tempo di Leonard Mlodinow, Stephen Hawking
Tesla - Lo Scienziato Contro di Edoardo Segato
Il Codice Ermetico del Dna di Michael Hayes
COWSPIRACY - IL SEGRETO DELLA SOSTENIBILITà
Ripensare la nostra dieta per trasformare il mondo
di Kip Andersen, Keegan Kuhn

Cowspiracy - Il Segreto della Sostenibilità

Ripensare la nostra dieta per trasformare il mondo

di Kip Andersen, Keegan Kuhn

Dai creatori di Cowspiracy, il docufilm che ha sconvolto l'America, tutta la verità sull'allevamento intensivo animale.

Cowspiracy è considerato l'erede spirituale di film come Fast Food Nation e Food, Inc., che hanno puntato i riflettori sul business delle industrie della carne, delle uova e dei latticini. Vincitore di numerosi premi, è diventato fonte di ispirazione per un vasto pubblico su cui ha lasciato il segno.

Kip Andersen e Keegan Khun partono da una domanda molto semplice: se ogni anno la zootecnia produce più emissioni di gas serra di tutti i trasporti messi insieme, inquinando o distruggendo gli habitat, per non parlare della crudeltà che infligge a 70 miliardi di esseri senzienti, perché le principali associazioni ambientaliste di tutto il mondo (da Greenpeace a Oceana) non ne parlano?

In questo libro, i due registi hanno raccolto tutto ciò che non sono riusciti a catturare con le videocamere o hanno lasciato fuori dal montaggio finale:

  • le testimonianze complete dei personaggi intervistati (come Lisa Agabian, di Sea Shepherd; gli scrittori Michael Pollan e Will Tuttle);
  • dati aggiornati; tutto ciò che si nasconde dietro al business dell'allevamento animale e dell'industria della carne e di quella casearia;
  • consigli per adottare uno stile di vita realmente sostenibile e per ridurre la propria impronta ecologica sul pianeta.

La Terra ci mette a disposizione i suoi frutti da moltissimo tempo. È venuto il momento di restituirle tutto, con gli interessi.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *