Carne rossa: a causare il cancro è lo zucchero Neu5Gc

Nei carnivori questo zucchero non causa danni, ma nell’uomo, in presenza di consumi eccessivi di carne rossa, attiva una risposta immunitaria che causa infiammazioni.

Sono noti da tempo gli effetti negativi di una dieta eccessivamente caratterizzata dal consumo di carne rossa. Causa di malattie cardiovascolari, di cancro e di ischemia, quello che ancora non appariva chiaro era cosa, della carne rossa, facesse davvero male.

Secondo uno studio pubblicato dal Proceedings of the National Academy of Sciences, ciò che della carne rossa causa il cancro sarebbe uno zucchero, il Neu5Gc. L’uomo, peraltro, sarebbe l’unico carnivoro al mondo nel quale aumentano le possibilità di contrarre il cancro se mangia carne rossa (forse perché in realtà non è carnivoro?).

Il Neu5Gc, infatti, innesca una risposta immunitaria dell’organismo che, nell’essere umano, causa infiammazioni. Mentre in condizioni normali l’organismo degli altri carnivori riesce a trasformare questo particolare zucchero e a renderlo innocuo, nell’essere umano ciò non avviene. Ma è sempre il consumo eccessivo ad essere nel mirino dei ricercatori, perché è in questi casi che il sistema immunitario dell’uomo produce un eccesso di anticorpi contro il Neu5Gc, causando dunque infiammazioni e favorendo la crescita di tumori.

Le sperimentazioni del caso sono state condotte sui ratti, ma, avverte Ajit Varki, coordinatore del team di ricerca e professore presso il Moores Cancer Center dell’Università della California, “sarà più difficile procurarsi la prova finale negli uomini; in generale, questo lavoro potrebbe anche spiegare potenziali connessioni tra il consumo di carne rossa e altre malattie aggravate dalle infiammazioni croniche, come il diabete di tipo 2 e l’arteriosclerosi“.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://scienze.fanpage.it/carne-rossa-a-causare-il-cancro-e-lo-zucchero-neu5gc/

Libri e varie...
IL GRANDE LIBRO DELLE PROTEINE VEGETALI
Proprietà, virtù e ricette
di Anne Dufour, Carole Garnier, Marie Borrel

Il Grande Libro delle Proteine Vegetali

Proprietà, virtù e ricette

di Anne Dufour, Carole Garnier, Marie Borrel

Già saprai che il consumo di proteine è fondamentale per condurre una vita sana e in salute. Forse, tuttavia, quando senti parlare di "proteine" tendi subito a pensare a quelle di origine animale.

"Il Grande Libro delle Proteine Vegetali" di Anne Dufour, Carole Garnier e Marie Borrel ti farà scoprire che la natura è in grado di offrirti tante proteine vegetali sane, gustose e nutrienti. Se sei alla ricerca di un ottimo manuale dal quale trarre spunti utili e originali sull'alimentazione naturale, questo è il libro che fa per te!

Come dimostrato da recenti studi scientifici, il consumo di proteine vegetali è molto salutare per l'organismo. Queste proteine infatti, a differenza di quelle animali, riducono il rischio di ammalarsi di certe tipologie di cancro, combattono l'invecchiamento precoce sia fisico che mentale, contrastano innumerevoli patologie e favoriscono la longevità. Cosa chiedere di più?

Tofu, seitan, latte vegetale, alghe, frutta secca a guscio, fagioli, lenticchie, ceci, piselli, cereali germogliati, soia, quinoa e molto altro ancora: "Il Grande Libro delle Proteine Vegetali" ti fa conoscere tutti gli alimenti di origine vegetale ricchi di proteine e ti insegna come utilizzarli con gusto nelle tue sane ricette veg. Non sei curioso di sperimentarle subito? 

All'interno del libro potrai trovare:

  • 25 buone ragioni per preferire le proteine vegetali: da una maggiore energia fisica e mentale a un equilibrio acido-base ottimale;
  • Gli effetti benefici sui problemi di salute: gonfiore, bruciore di stomaco, candidosi, colesterolo alto, colon irritabile, diabete, stipsi, cistite, dolori articolari e molti altri;
  • Le proteine vegetali e il senso di sazietà: un valido aiuto per ritrovare il proprio peso ottimale;
  • 25 super alimenti proteici vegetali: dai carciofi all'avocado, dalle lenticchie al grano saraceno;
  • Più di 100 gustosissime ricette per sperimentare in cucina.
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *