C’era una volta la Rai…

di Giuseppe Giannini

La Rai festeggia i 70 anni, ed è tutto un susseguirsi di (auto) celebrazioni.

Siamo passati dalla “rivoluzione culturale” del mezzo televisivo, che come tutti i grandi media, seppur uniformante e propagandistico svolgeva comunque la sua funzione pubblica (per il quale i cittadini pagano il canone ricordiamolo) e pedagogica, all’attuale stato pietoso dell’informazione generalista.

Una volta la tv di Stato, raggiungendo tutte le case, univa il centro e la periferia, la vita delle città con la desolazione delle zone interne. Così anche gli analfabeti avevano modo di scolarizzarzi, grazie a programmi educativi, ma anche a sceneggiati tratti dai classici della letteratura.

Pure l’intrattenimento, gli spettacoli con cantanti e ballerine, oltre ad interpretare il cambiamento dei costumi avevano qualcosa di serio. I presentatori ostentavano una certa sobrietà, e nei quiz chi vi partecipava veniva scelto per delle competenze da mettere in gioco, in cui si sollecitavano intelligenze e spirito critico e non si buttavano via soldi in base alla scelta fortunosa di un pacco piuttosto che un altro. L’azzardo è diventato la regola.

I programmi di approfondimento e le tribune politiche conservavano ancora un barlume di dignità rispetto alle urla sbraitanti degli attuali e onnipresenti talk show. E si facevano Teatro e Cinema.

L’involuzione è iniziata negli anni’80, quando l’avvento delle tv commerciali, con  allettanti proposte e succinte trasmissioni, ha spinto più in là l’offerta. Berlusconi si è comprato a suon di milioni le star della tv pubblica e i gestori della Rai per reggere il confronto hanno pensato bene di imitarne il modello.

La pubblicità da semplice parentesi si è imposta in pianta stabile invadendo ogni spazio, tagliando con la mannaia filmati e programmazioni. Per filmati si intendono le fiction, con i loro eroi perfetti – il carabiniere, il medico, il prete – per il popolino, mentre la speranza di poter vedere un film che sia tale è rimandata, ahimè, alla dipartita di qualche regista o attore, dei quali ci si ricorda solo quando muiono.

A partire dagli anni ’90, in particolare Rai 1 e Rai 2 si sono messi in concorrenza nel trash con le reti Mediaset: gli stessi action movie di serie z, programmi volgari, e poi i reality. Successivamente l’offerta tv è aumentata a causa delle tv via cavo. Peccato che i giovani nati negli anni duemila, immersi nella tecnologia vedono la tv come qualcosa di anacronistico. Malgrado la tv pubblica cerchi di accalappiarseli per mezzo di influencer o con il bombardamento mediatico relativo alle gesta dei cantanti per teenagers, la sostanza è quella di una deprivazione culturale.

Un uniformismo verso il basso come specchio dei tempi. Un arretramento sociale e civile, di cui queste tv con i Bruno Vespa, Carlo Conti, e Fiorello, le Mara Venier e Milly Carlucci, e gli onnipresenti matusa della canzonetta rappresentno il culmine dell’involuzione culturale.

Ma se c’è un luogo specifico in cui è evidente il decadimento è dato dai tg. Una volta le tre reti, sebbene appannaggio dei vecchi partiti (DC-PSI-PCI), cercavano di rispettare formalmente il mestiere di giornalista. Dopo il crollo della c.d. Prima Repubblica, oltre ad essere lottizzati dai vincitori politici di turno, i tg sono diventati, a tutti gli effetti, simili a testate di gossip. Unica eccezione il canale di rai 3 diretto da Angelo Guglielmi. Ma anche quella parentesi rappresenta un ricordo lontano.

Infatti, non vi è giorno in cui non si parli delle vicende private dei reali inglesi, o di quello che succede a qualcuno dello star system. D’altronde, scopo di questo brain washing è quello di descrivere una realtà perfetta, ma altra, lontana dalla materialità delle esistenze.

Queste notizie riempitive sono funzionali alla propaganda liberal-capitalistica, incentivanti la società consumistica e sostitutive degli eventi reali. L’apice del nonsense viene raggiunto dal tg1 quando questi, una sera, tra le tante news, ha ricordato agli spettatori che quel dato giorno era il compleanno del fidanzato di Barbie.

Il nuovo fascismo profetizzato da Pasolini vent’anni dopo la nascita della tv (allora solo pubblica) è giunto a compimento. Il trash ha vinto.

Viva la Rai! A morte la Rai!

Articolo di Giuseppe Giannini

Fonte: https://www.lafionda.org/2024/01/05/cera-una-volta-la-rai/

LE VIE DELLA LIBERTà
Come uscire dal sistema che ci opprime
di Davide Rossi

Le Vie della Libertà

Come uscire dal sistema che ci opprime

di Davide Rossi

Questa di Davide Rossi, già autore de "La Fabian Society e la Pandemia" e "L'Economia delle Emergenze: dalle Pandemie alle Guerre" è un'opera sulla libertà il cui obiettivo è quello di riuscire a far percepire scorci di un mondo diverso rispetto a quello cui siamo abituati e che diamo per scontato.

Il potere fa leva su continue emergenze (pandemie, guerre, riscaldamento globale, ecc.) per alimentare le insicurezze dell'uomo medio al fine di proporgli sempre la stessa soluzione: un'alluvione di leggi oppressive, insensate, liberticide che costituiscono il fondamento dell'apparato repressivo che ci governa.

"Le Vie della Libertà" è una carrellata sui temi essenziali per una nuova valorizzazione e assegnazione di significato alla parola libertà. Sì, ma serve a qualcosa? Ha senso scrivere e lavorare sulla libertà in Italia? A quanti interessa davvero?

Dopotutto, l'Italia è una Repubblica fondata sulle "strette": sulle regole, sui divieti, sugli obblighi e sulle sanzioni. Non passa giorno senza che governi, giornali e televisioni non ci avvertano che sono in arrivo nuove "strette".

Tuttavia, esiste un modo per rompere le catene del sistema e incarnare la libertà che tanto desideriamo, e si trova tra le pagine di questo prezioso volume.

Davide Rossi offre una prospettiva non convenzionale, presentando alcuni modelli organizzativi nei quali lo Stato non è così forte e pervasivo.

Mostra luoghi dove il "pubblico" non è un totem, dove i denari guadagnati possono essere spesi, alleggeriti grandemente dal prelievo fiscale, nelle direzioni che ci sembrano più opportune, quali, ad esempio, la scelta di come curarci e di come e dove educare i nostri figli.

Utopia? Solo se ci lasciamo convincere che lo sia. In realtà, tutto questo è lì a portata di mano. Serve solo desiderarlo e smettere di avere paura.

All'interno del libro sono presenti i contributi di:

  • Carlo Lottieri, filosofo libertario e docente di filosofia del diritto, sul concetto di libertà e proprietà e sulla metamorfosi del potere.
  • Francesco Carbone, studioso di criptovalute e Scuola austriaca di economia, sul Bitcoin e la moneta fiat.
  • Francesco Simoncelli, studioso di economia ed esperto di Bitcoin, sul mutamento del denaro nel corso dei secoli.
  • Cecilia Fazioli, pedagogista, counselor e consulente di scuole parentali, su educazione e libertà.
  • E un'intervista a Francesco Angelo Rosso, fondatore della Fattoria dell'Autosufficienza.
...

Un commento

  1. RICCARDO CORTALE

    Esilarante ed esaustivo. Complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *