13 Nazioni Accettano di Distruggere l’Agricoltura per “Salvare il Pianeta”

di Leo Hohmann

Globalisti al lavoro per pianificare carestie globali…

Il culto globale del clima si sta preparando a scatenare la sua guerra contro il cibo con 13 nazioni – molte delle quali grandi produttori di bovini e cibo come Stati Uniti, Argentina, Brasile, Cile e Spagna – che stanno firmando un impegno a porre gli agricoltori sotto nuove restrizioni per ridurre le emissioni di gas metano.

ll Global Methane Hub ha annunciato in un comunicato stampa del 17 maggio che i ministri dell’agricoltura e dell’ambiente e gli ambasciatori di 13 paesi, inclusi gli Stati Uniti, hanno firmato un accordo con cui ci si impegna a ridurre le emissioni di metano in agricoltura. Gli Stati Uniti erano rappresentati dallo zar del clima di Biden, John Kerry.

Cosa Significa Questo e Perché Dovrebbe Interessare Tutti?

Nell’aprile 2023, il Global Methane Hub ha collaborato con i Ministeri dell’Agricoltura del Cile e della Spagna per convocare il primo “ministero globale sulle pratiche agricole per ridurre le emissioni di metano”. Il ministero ha riunito membri del governo di alto rango per condividere le prospettive globali sulla riduzione del metano e sui sistemi alimentari a basse emissioni.

I partecipanti alla conferenza includevano l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite, Climate & Clean Air Coalition, Inter-American Institute for Cooperation on Agriculture, la Banca Mondiale, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e la Banca interamericana di sviluppo.

La Banca Mondiale, un’altra creazione del secondo dopoguerra, ha parlato molto ultimamente, insieme alle Nazioni Unite, di una carestia in arrivo ed ha pubblicato un libro bianco il 22 maggio, intitolato Food Security Update: World Bank Response to Rising Food Insecurity.

Il direttore del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha anche lanciato, a partire da settembre dello scorso anno, terribili avvertimenti su una prossima carestia globale.

Quindi è strano che, proprio nel momento in cui i globalisti stanno mettendo in guardia sulla carenza di cibo e sulla carestia, i loro portavoce alla Banca mondiale, alle Nazioni Unite e all’interno delle amministrazioni degli Stati Uniti e dei loro alleati (si noti che Cina e Russia non si trovano da nessuna parte in queste assurde politiche anti-alimentari), stiano parlando di convertirsi a una nuova e non provata forma di agricoltura “sostenibile” che si concentra più sulla riduzione del metano che sulla produzione dei più alti rendimenti di cibo.

La moderna produzione alimentare è cattiva, ci dicono, perché produce metano che presumibilmente danneggia l’ambiente. “I sistemi alimentari sono responsabili del 60% delle emissioni di metano”, ha dichiarato Marcelo Mena, CEO di Global Methane Hub. Ci congratuliamo con i paesi disposti a prendere l’iniziativa nella mitigazione del metano dei sistemi alimentari e confermiamo il nostro impegno a sostenere questo tipo di iniziativa con programmi che esplorano promettenti tecnologie di mitigazione del metano e la ricerca alla base dei meccanismi di mitigazione del metano per creare nuove tecnologie.”

John Kerry è anche molto entusiasta di mettere fuori uso terreni agricoli preziosi e produttivi, ridurre le dimensioni delle mandrie di bestiame e consegnare i nostri sistemi di produzione alimentare a tecnocrati e globalisti che offrono vaghe promesse di “nuove tecnologie”.

Secondo l’Agenzia per la protezione ambientale USA, gli Stati Uniti sono impegnati a cercare di mitigare le emissioni di metano non solo in America ma in tutto il mondo. Sul suo sito web si legge: “Gli Stati Uniti forniscono leadership chiave, finanziamenti e competenze tecniche per gli sforzi internazionali di riduzione delle emissioni di metano, con il risultato di oltre 1.140 progetti di mitigazione del metano attraverso GMI a partire dal 2021.”

L’amministrazione Biden prevede di spendere 1,5 milioni di dollari in fondi dei contribuenti per un programma volto a “responsabilizzare” le attiviste del cambiamento climatico nella società “patriarcale” del Kenya settentrionale, documenti esaminati dal Washington Free Beacon.

John Kerry ha dichiarato: Mitigare il metano è il modo più veloce per ridurre il riscaldamento a breve termine. L’alimentazione e l’agricoltura possono contribuire a un futuro a basso contenuto di metano migliorando la produttività e la resilienza degli agricoltori. Accogliamo con favore i ministri dell’agricoltura che partecipano all’attuazione del Global Methane Pledge.”

Le nazioni che firmano questo impegno a ‘trasformare’ (eliminare, ndr) le loro politiche agricole sono Stati Uniti, Argentina, Australia, Brasile, Burkina Faso, Cile, Repubblica Ceca, Ecuador, Germania, Panama, Perù e Spagna.

Il governo spagnolo organizzerà una seconda conferenza nel 2024 per monitorare e far progredire gli sforzi di attuazione relativi alla dichiarazione e incoraggiare altri paesi ad aderire.

Per “salvare il pianeta” dalle emissioni che provengono dalle scoregge delle mucche, affermano che è necessario costringere gli agricoltori a cambiare il modo in cui coltivano, convertendo la loro terra e il loro bestiame a metodi più “innovativi” e “pratiche basate sulla scienza(h)”.Questi metodi dovranno essere implementati non solo nelle aziende agricole, ma in tutti i “sistemi alimentari.”

Non dicono mai quali sarebbero questi cambiamenti “innovativi”, ma solo che saranno basati su “nuove tecnologie” e “basati sulla scienza(h)”.

Possiamo presumere da questo linguaggio che le pratiche prese in considerazione mirano a sostituire una parte importante delle scorte di bovini da carne e da latte, maiale e pollo con l’alimentazione a base di larve, insetti, vermi da pasto, grilli, ecc.

Le Nazioni Unite, il World Economic Forum e altre ONG hanno promosso per anni diete senza carne e il consumo di proteine di insetti, ed i miliardari hanno investito in enormi fabbriche di insetti che ora sono in costruzione nello stato dell’Illinois, in Canada e nei Paesi Bassi, dove vermi da pasto, grilli e altri insetti saranno trattati come additivi da inserire nella fornitura di cibo, spesso senza etichette chiare che informino le persone esattamente su ciò che stanno mangiando.

Bill Gates sta anche collaborando con altri miliardari per investire nella produzione di carne coltivata in laboratorio, un processo che prevede l’utilizzo di cellule prelevate da mucche, polli e maiali per coltivare rapidamente carne artificiale.

Gli agricoltori saranno sempre più costretti a lasciare la loro terra, come sta già accadendo nei Paesi Bassi, che è il secondo esportatore netto di cibo al mondo dopo gli Stati Uniti.

Tutto ciò si aggiungerà ad una carestia imminente, a cui l’attuale generazione di persone sulla terra non ha mai assistito. Questo è il progetto. Globalisti come Dennis Meadows, autore del libro The Limits to Growth del Club di Roma del 1972, ci informò dei piani dei globalisti di spopolare drasticamente la terra.

Ho anche riportato ampiamente le previsioni di Deagel, che prevedevano una riduzione di quasi il 70% della popolazione americana entro il 2025, con un calo demografico altrettanto drastico per il Regno Unito, la Germania, il Canada, l’Australia e altri paesi allineati alla NATO.

Non c’è modo più efficace per spopolare che attraverso guerre, carestie e pestilenze (il covid è stata più che altro una monttura mediatica, ma non si sa mai che siano in grado di usare armi batteriologiche, queste sì pericolose – nota di conoscenzealconfine). Non è interessante che tutti e tre questi metodi di omicidio testati nel tempo siano in gioco in questo momento?

La guerra al cibo è molto simile a quello che sta succedendo nel settore energetico, dove i governi stanno colludendo con le grandi imprese per trasformare tutti i trasporti alimentati a gas e petrolio a elettrici, il che significa che molte meno persone saranno in grado di permettersi le auto elettriche, e anche se potranno permettersele, l’uso di quelle auto sarà molto più strettamente monitorato e controllato, a causa della necessità di continue ricariche presso le apposite stazioni e con una rete elettrica già sovraccaricata. Se non puoi ricaricare la tua auto quando vuoi, ma solo quando ti è permesso, hai già consegnato la tua libertà di movimento ai regolatori di quelle stazioni di ricarica.

Nell’industria alimentare, la grande agricoltura colluderà anche con i governi del mondo per produrre molta meno carne di manzo, pollo e maiale, sostituendo quelle proteine con quelle di insetti e carne sintetica coltivata in laboratorio, i cui effetti sulla salute sono in gran parte sconosciuti.

Questi cambiamenti sono già stati in piena evidenza nei Paesi Bassi, dove il governo ha generato intense polemiche lanciando un piano per ridurre le mandrie di bestiame fino al 50% e ridurre l’uso di fertilizzanti azotati del 30%. Non importa quanto parlano di “innovazione” e “nuove tecnologie”, non puoi ridurre le tue mandrie e ridurre l’uso di fertilizzanti e poi affermare che le tue fattorie saranno “più produttive”.” Questa è una bugia. Tutte le loro “innovazioni” si tradurranno direttamente in meno cibo sulle tavole di tutto il mondo.

Preparatevi ora alla carestia. Fare scorte è una soluzione facile a breve termine. Però dobbiamo anche pensare a lungo termine. Se non hai mai coltivato un giardino o allevato polli, è qualcosa a cui potresti voler pensare in termini di aumento delle tue abilità. Forse hai coltivato un giardino per diversi anni e hai una certa esperienza, e puoi condividerlo con un vicino che ha allevato polli ma ha poca o nessuna esperienza di giardinaggio. Fare rete e cooperare con le persone intorno a noi sarà la chiave per la sopravvivenza una volta che questa carestia globale si intensificherà.

Può darsi che la vera carestia non arrivi mai nei paesi più ricchi come l’America. Il cibo può continuare ad essere sugli scaffali, ma posso garantire che i prezzi continueranno a salire, sostanzialmente, su articoli di base come farina, pane, uova, carne e latticini.

Pregate per il meglio mentre vi preparate al peggio. Perché sappiamo che il piano dei globalisti è quello di ridurre la popolazione mondiale da 7,5 miliardi a 1 o 2 miliardi. Dennis Meadows è un insider globalista del Club di Roma il cui impegno su questo argomento risale ai primi anni ’70.

Rimani forte. Stai tranquillo, ma non sottostare mai ad alcuna legge incostituzionale o non etica. I tiranni hanno potere solo su coloro che accettano di essere governati da loro.

Articolo di Leo Hohmann

Fonte originale: https://libertysentinel.org/globalists-revving-up-plans-to-engineer-global-famine-and-starvation-13-nations-agree-to-convert-over-to-less-productive-green-farming-methods

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.imolaoggi.it/2023/08/01/13-nazioni-accettano-di-distruggere-lagricoltura-per-salvare-il-pianeta/

LA GRANDE VIA
Alimentazione, movimento, meditazione per una lunga vita felice, sana e creativa
di Franco Berrino

La Grande Via

Alimentazione, movimento, meditazione per una lunga vita felice, sana e creativa

di Franco Berrino

Partendo dal presupposto che non si deve mangiare troppo e si deve cercare di mangiare in modo corretto, questo libro ci offre degli utili suggerimenti.

C’è infatti un abuso del consumo del latte e del formaggio di mucca che stimola i fattori di crescita che, purtroppo, sono più alti nei malati di cancro.

Lo zucchero poi andrebbe molto limitato perché è solo un modo per far sembrare buone delle cose che buone non sono, ma in realtà, secondo Berrino, l’uomo nella sua storia non ha mai mangiato zucchero, ma oggi lo troviamo dappertutto: nei piselli in scatola, nel pane, nelle fette biscottate. Questo perché la qualità degli ingredienti di base è pessima. Lo zucchero fa male, soprattutto nella forma liquida: quindi le bevande zuccherate e gasate sono la principale causa di obesità nei bambini. La sua peculiarità è quella di essere ingerito volentieri anche quando si è sazi.

Allora qual è il miglior modo per dolcificare? La frutta. Un’ottima colazione, per esempio, è quella fatta col muesli, fatto con fiocchi d’avena, uva sultanina e frutta secca.

Allora cosa si deve mangiare, visto che anche l’uso delle proteine è essenziale, ma deve essere ridotto? La raccomandazione del mondo della ricerca scientifica è quella di basare l’alimentazione quotidiana su cibi di natura prevalentemente vegetale, non industrialmente raffinati: non la farina bianca, ma quella integrale; non il pane bianco, ma quello integrale e così per il riso. Quindi è bene scegliere su un’ampia varietà di cereali non raffinati industrialmente, di legumi, di verdure, di frutta.

Quali sono i segreti della longevità? Quali mezzi abbiamo a disposizione per mantenerci sani, creativi e felici? Come possiamo ridurre lo stress, migliorare la qualità del sonno e potenziare la nostra intelligenza emotiva, intuitiva e creativa?

Sono alcune delle domande a cui hanno cercato di rispondere Franco Berrino e Luigi Fontana, integrando i risultati delle loro ricerche con le conoscenze scientifiche più avanzate e la sapienza empirica di alcune delle più antiche tradizioni mediche e filosofiche.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *