Per quanto Tempo i Popoli Accetteranno ancora di Farsi Prendere in Giro?

di Silvio Dalla Torre

Una delle cose peggiori che possano capitare, come ricordava Brecht, è quando il nemico fa proprie le tue parole d’ordine e ne stravolge il significato.

Ho sempre pensato che fosse necessario adottare stili di vita più sobri, arrestare la cementificazione selvaggia, preservare ed incrementare le aree verdi (parchi pubblici e boschi), favorire il trasporto pubblico in luogo di quello privato, la bicicletta in luogo dell’automobile.

In passato queste posizioni erano spesso ridicolizzate, presentate come una chimera passatista di persone che non vogliono accettare la modernità.

Oggi l’ecologismo è diventato l’ideologia dell’elite dirigente. Con la scusa della tutela dell’ambiente, si cerca di imporre una perversa trasformazione antiumana.

L’obiettivo è chiaro. Sul piano socio economico: drastica riduzione della popolazione mondiale, distruzione della classe media nei paesi sviluppati, cancellazione della piccola impresa, amazonizzazione del commercio, lavoro a distanza generalizzato, digitalizzazione dell’istruzione, controllo capillare sulla popolazione, creazione di una plebe sussidiata, dipendente dal telefonino, dalla televisione e dalle droghe. Sul piano geopolitico: separazione della Russia dall’Europa e riaffermazione dell’egemonia globale degli Stati Uniti usando il braccio militare della NATO.

Questo mostruoso progetto contro l’uomo (e contro la natura) richiede la creazione di sempre nuove emergenze, le quali rendano accettabile ciò che in condizioni normali sarebbe inaccettabile.

Ecco quindi che prima abbiamo avuto l’emergenza pandemica, ora quella climatica. Il fatto che l’aumento della temperatura media dipenda dall’azione umana viene presentato come una verità inconfutabile. A chi esprime dei dubbi viene affibbiato l’epiteto insultante di negazionista.

La cosa è andata talmente avanti che ogni pretesto è buono per scatenare la propaganda. Due giorni di caldo in un’estate sostanzialmente fredda (almeno nella pianura padana) ed ecco che pennivendoli, influencer, nani e ballerine del mondo dello spettacolo, politicanti al servizio permanente dell’oligarchia perdono ogni ritegno e si abbandonano a tirate apocalittiche.

Per quanto tempo i popoli accetteranno di farsi prendere in giro? Capiranno i giovani, i primi bersagli di questo lavaggio del cervello, che questa retorica non ha nulla a che vedere con la tutela dell’ambiente?

Articolo di Silvio Dalla Torre

Fonte: https://t.me/solitudinemfaciuntpacemappellant

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *