Avete presente il “Sogno americano”? Lasciate perdere…

di Fabrizio Fratus
Avete presente il cosiddetto “Sogno americano”? Lasciate perdere… e immaginate il viaggio di Edoardo Cigolini – autore del libro “America profonda” – nell’America profonda, che va dalla Virginia al Tennessee, dall’Alabama alla Giorgia, passando per la Carolina del Nord e del Sud sino all’Illinois.
Un viaggio unico e denso di emozioni, provando a conoscere il popolo del Nord America senza la narrazione raccontata dai film di Hollywood, lontano dalla luce dei riflettori e dei media e soprattutto, lontani e in antitesi, ai salotti “buoni” delle grandi metropoli U.S.A.
Ecco allora una nazione lontana da quanto ci viene raccontato. Il viaggio è stato occasione di un reportage per la rubrica Gli Occhi della Guerra, che su il Giornale racconta retroscena complicati e inediti sui diversi quotidiani nazionali.
Un reportage che oggi è un libro (America profonda. Alt-Right, tensioni razziali, disagio sociale. Racconto di un Paese diviso, Eclettica, collana Lavorincorso, 2018), un testo in cui l’autore spiega come ha toccato con mano la realtà degli Stati Uniti, intervistando esponenti della cosiddetta Alt-Right, la nuova destra “alternativa” a stelle e strisce, passando poi a minatori, professionisti e studenti, come a figure di primo piano della comunità Italo americana…

Vai all’articolo

Senzatetto e tossicodipendenti: in California si infrange il “sogno americano”

di Alice Battaglia
Nell’immaginario collettivo occidentale (e non solo), la California corrisponde ancora a un’immagine patinata di feste sulle spiagge, surf, bella gente e bella vita.
Una specie di summa opulenta dell’America felice che ha realizzato il proprio celeberrimo “sogno” in una perenne estate hollywoodiana. Ma a che punto sta il sogno americano oggi, proprio nella sua patria per antonomasia?
È interessante chiederselo proprio perché, mentre sul web circolano sempre più video a testimonianza dell’emergenza che lo Stato in questione sta vivendo, iniziano a fare capolino i primi segni di sconforto anche da parte dei media e del governo locale: in un editoriale di qualche giorno fa persino il Los Angeles Times si è chiesto “come può funzionare una città con 58.000 senzatetto?”. Il paese infatti, nonostante un lieve miglioramento nei propri bilanci, marcia ancora sul cratere del crack finanziario, e le fila di chi è stato colpito pesantemente dalla crisi degli anni recentemente…

Vai all’articolo