Svendita Italia

di Weltanschauung Italia

In questi mesi abbiamo assistito, con un governo autodefinito “sovranista”, al proseguimento di quelle politiche iniziate nei primi anni novanta.

Mentre all’ormai tradizionale summit prostitutivo politico economico di Davos discutono di una “nuova fiducia”, nello stivale italico proseguono la svendita (d’altronde siamo in periodo di saldi) e lo smantellamento delle eccellenze nostrane. In questi mesi abbiamo assistito, con un governo autodefinito “sovranista”, al proseguimento di quelle politiche iniziate nei primi anni novanta. C’è stata una innegabile accelerazione in questa direzione, mancano pochi anni al compimento delle agende globali e quindi il treno, partito tanto tempo fa, prosegue la sua corsa per arrivare alla stazione 2030.

Ma entriamo nel dettaglio degli ultimi tempi: il settore industriale è ormai in mano ai colossi della delocalizzazione, il settore delle telecomunicazioni è stato svenduto a fondi di investimento (KKR), il settore energetico ceduto in percentuale (moderno piano Mattei per sanare il debito pubblico con la vendita del 4% di Eni), il settore agricolo subisce incentivi alla non coltivazione e/o vendita dei terreni (addirittura con eventuale esproprio) per il foto/agrovoltaico, oltre allo stop alle monoculture per tutto il 2024 e abbiamo anche il settore nazionale delle poste sulla stessa via dei già citati.

Che dire inoltre del settore ittico? Sono anni che lo si vede in difficoltà con le strambe politiche dei cravattari di Bruxelles. Dopo aver lasciato proliferare il granchio blu che dalla Puglia è risalito in tutto l’adriatico facendo tabula rasa di gran parte dei molluschi (e non solo) che tutto il mondo ci invidia senza fare assolutamente nulla, il ministro del settore competente ha messo altra carne al fuoco:

1) l’inserimento del granchio blu nelle specie ittiche commercializzabili in Italia per aiutare gli operatori di settore a fronteggiare l’invasione di questa specie, tutto sotto il nome di sostenibilità economica per i pescatori (della serie: non abbiamo intenzione di risolvere il problema, cambiate prodotto se volete lavorare).

2) dopo che per anni la Ue ha imposto limitazioni di ogni sorta (vedi le giornate di pesca decise fuori confine), gli esecutori stanziano 74 milioni di soldi pubblici per la demolizione dei pescherecci datati sotto il nome “protezione ambientale”.

Per un paese bagnato per quasi 8000 km di coste, con relative flotte di pescherecci, compiere una manovra del genere è davvero indicativo.

Detto questo… i problemi in Italia rimangono il ritorno al fascismo, l’omotransfobia, l’antisemitismo, il razzismo, la poca vaccinazione, il patriarcato e il pandoro della Ferragni… ce lo dice l’Europa!

Articolo di Weltanschauung Italia

Fonte: https://www.weltanschauung.info/2024/01/svendita-italia.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *