Sabino Cassese: “La pandemia non è una guerra. I pieni poteri al governo non sono legittimi”

Intervista di Paolo Armaroli a Sabino Cassese

Intervista al giudice emerito della Corte Costituzionale: “Da palazzo Chigi continuano ad arrivare norme incomprensibili, scritte male, contraddittorie, piene di rinvii ad altre norme”.

Sabino Cassese: "Di Maio e Salvini ancora insieme solo per amore ...

Colloquio con piacere con il professor Sabino Cassese. Ma più che una intervista è un dialogo su tematiche molto delicate che l’emergenza Coronavirus ha evidenziato.

Caro Sabino, se siamo in guerra, sia pure anomala, allora vale quanto meno per analogia l’articolo 78 della Costituzione: le Camere conferiscono al governo i poteri necessari. E non, si badi, i pieni poteri. È così?

“Nell’interpretazione della Costituzione non si può giocare con le parole. Una pandemia non è una guerra. Non si può quindi ricorrere all’articolo 78. La Costituzione è chiara. La profilassi internazionale spetta esclusivamente allo Stato ( art. 117, II comma, lettera q).

Lo Stato agisce con leggi, che possono delegare al governo compiti e definirne i poteri. La Corte costituzionale, con un’abbondante giurisprudenza, ha definito i modi di esercizio del potere di ordinanza “contingibile e urgente”, cioè per eventi non prevedibili e che richiedono interventi immediati. Le definizioni della Corte sono state rispettate a metà.

Il primo Decreto legge era ‘fuori legge’. Poi è stato corretto il tiro, con il secondo Decreto legge, che smentiva il primo, abrogandolo quasi interamente. Questa non è responsabilità della politica, ma di chi è incaricato degli affari giuridici e legislativi. C’è chi ha persino dubitato che abbiano fatto studi di giurisprudenza.

Bene. Il Parlamento ha conferito quei poteri al Governo con un Decreto legge. Ma è sufficiente quel tipo di provvedimento? Senza contare che quel Decreto legge è andato oltre. Ha consentito che le predette autorità possano adottare misure ulteriori rispetto a quelle dell’articolo 1. Ma, in punto di diritto, è legittimo tutto questo? Non si tratta di una sorta di delega in bianco?

Il primo Decreto legge era illegittimo: non fissava un termine; non tipizzava poteri, perché conteneva una elencazione esemplificativa, così consentendo l’adozione di atti innominati; non stabiliva le modalità di esercizio dei poteri.

A palazzo Chigi c’è un professore di diritto: avrebbe dovuto bocciare chi gli portava alla firma un provvedimento di quel tipo. Poi si è rimediato. Ma continua la serie di norme incomprensibili, scritte male, contraddittorie, piene di rinvii ad altre norme. Non c’è fretta che spieghi questo pessimo andamento, tutto imputabile agli uffici di palazzo Chigi incaricati dell’attività normativa”.

Andiamo avanti. Sui Dpcm il capo dello Stato non ha voce in capitolo. A suo avviso, quell’oggetto misterioso che è il Consiglio supremo di difesa potrebbe avere una qualche voce in capitolo? O questo vale solo per il caso di guerra?

“Mi chiedo: perché evocare il Consiglio supremo di difesa, se non c’è un evento bellico, e specialmente se c’è lo strumento per far intervenire uno dei tre organi di garanzia, il presidente della repubblica? Bastava, invece di abusare dei decreti del presidente del Consiglio dei ministri, ricorrere, almeno per quelli più importanti, a decreti presidenziali.

Aggiungo che, per la legge del 1978 sul Servizio Sanitario Nazionale, competente a emanare più della metà di quegli atti era il ministro della Salute. Abbiamo, quindi, assistito, da un lato, alla centralizzazione di un potere che era del ministro, nelle mani del presidente del Consiglio. Dall’altro, a una sottrazione di un potere che sarebbe stato ben più autorevole, se esercitato con atti presidenziali. È forse eccessivo parlare di usurpazione dei poteri, ma ci si è avvicinati”.

Sabino, si può dire che Dpcm a gogò in qualche misura rappresentano un correttivo della forma di governo parlamentare per i poteri che acquista il presidente del Consiglio nei confronti degli altri ministri? Per non parlare del presidente della Repubblica e, soprattutto, del Parlamento, che non tocca palla. E la funzione di indirizzo e di controllo è andata a farsi benedire.

Coronavirus, firmato il Dpcm 8 marzo 2020 | www.governo.it

Gli organi di garanzia più diretti sono il presidente della Repubblica, il Parlamento e la Corte costituzionale. Quest’ultima, salvo casi eccezionali, interviene necessariamente ex post. Parlamento e Presidente della Repubblica, invece, collaborano nella funzione normativa, in modi diversi. Ma ne sono sembrati esclusi, per ragioni e con modalità diverse, senza neppure il motivo dell’urgenza, perché l’uno e l’altro organo hanno corsie preferenziali o di emergenza”.

Tu non sei pregiudizialmente contrario a che per qualche tempo limitato il Parlamento lavori da remoto. Ma ci sono attività informali che solo a Montecitorio e a Palazzo Madama funzionano a dovere. Come i contatti tra leader di partito, tra capigruppo, tra parlamentari dei vari partiti eccetera.

Senza dubbio. Tanto che ho ritenuto errata l’espressione votazione telematica. Infatti, il lavoro a distanza è possibile a due condizioni. La prima che le Camere siano attrezzate (e pare che non lo fossero). La seconda che in via telematica si possa ascoltare, intervenire, discutere, dibattere, replicare, e solo alla fine votare”.

Per finire. Si può capire che i Costituenti ebbero orrore a parlare di stato di emergenza. Ma con il senno di poi, alla luce della guerra contro il virus, non fu un errore questa omissione? E come colmare, a tuo avviso, questa lacuna?

Non la ritengo una lacuna. E chi abbia letto gli articoli 48 e seguenti della Costituzione ungherese sa quali pericoli si annidino in norme costituzionali di quel tipo. C’è poi l’esperienza negativa della Costituzione di Weimar. L’unica positiva mi pare quella dell’articolo 16 della Costituzione della V Repubblica francese. La Costituzione non ha peraltro ignorato la questione, solo che ha considerato la possibilità di disporre limiti dettati dalla urgenza e dal pericolo caso per caso, per singole libertà”.

Intervista di Paolo Armaroli a Sabino Cassese – Giudice emerito della Corte Costituzionale

Fonte: https://www.ildubbio.news/2020/04/14/cassese-la-pandemia-non-e-una-guerra-pieni-poteri-al-governo-sono-illegittimi/

IL DIZIONARIO DELL'ANIMA
Le 25 parole per riscoprire se stessi e tornare ad essere felici
di Nicolò Govoni, Riccardo Geminiani

Il Dizionario dell'Anima

Le 25 parole per riscoprire se stessi e tornare ad essere felici

di Nicolò Govoni, Riccardo Geminiani

"Il Dizionario dell'Anima" è il nuovo libro di Nicolò Govoni, Nominato al Premio Nobel per la Pace 2020, l'autore di "Bianco come Dio" e "Se fosse tuo figlio"

Un viaggio all'interno dell'anima umana, un libro per chi vuole scoprire tesori dietro, o dentro, le parole e servirsi di esse per tornare a essere felice.

Da amicizia, bellezza, consapevolezza, creatività, passando per destino, intuizione, gentilezza, libertà, sogno, perdono, resilienza, fino ad arrivare alla parola chiave: amore.

Un viaggio ricco di spunti, suggestioni e testimonianze, in cui saremo accompagnati da una guida speciale: Nicolò Govoni, nominato al premio Nobel per la Pace 2020.

Parola dopo parola, i lettori si troveranno di fronte ad alcuni dei temi più importanti della propria esistenza, ricevendo stimoli per nuove chiavi di lettura e comprensione.

Con questo libro contribuisci alla realizzazione di una scuola per ragazzi profughi in Kenya.

"Conversare con Nicolò è come partecipare a un corso accelerato di educazione sentimentale. Riesce a parlare di sentimenti in modo così partecipe e coinvolgente che tracce di quegli stessi sentimenti finiscono inevitabilmente per ravvivarsi anche in chi lo ascolta. Le parole di Nicolò sono un concentrato d'amore, e penetrano nelle persone semplicemente perché sono parole che riguardano un sentimento di cui lui stesso è piena espressione, e che sublima incessantemente nella quotidianità." - Riccardo Geminiani

REGALO ESCLUSIVO
Lo puoi avere solo se acquisti "Il Dizionario dell'Anima"
sul Giardino dei Libri

Still I Rise
Braccialetto "Still I Rise"
Formato: 200 x 12 x 2 mm

Braccialetto in silicone personalizzato in serigrafia con due colori, logo in bassorilievo di Still I Rise. Questo è il braccialetto ufficiale di Still I Rise, che contribuisce a sostenere la sua missione e le sue scuole per bambini profughi. Still I Rise è un'organizzazione non profit internazionale, fondata nel 2018. L'obiettivo è offrire educazione, sicurezza e protezione ai minori profughi, svantaggiati, orfani e dimenticati nei luoghi più caldi della migrazione globale. Milioni di bambini rifugiati non hanno accesso all'istruzione. Still I Rise interviene lì dove ce n'è più bisogno, rispondendo alle necessità basilari, fornendo istruzione, cibo, un luogo sicuro dove cercare riparo e crescere serenamente. Creando opportunità di sviluppo, coesione e inclusione sociale, Still I Rise contribuisce a ricostruire il futuro. Still I Rise è completamente indipendente grazie alle donazioni private e non riceve finanziamenti da parte di governi, Unione Europea e organismi sovranazionali.

Solo fino ad esaurimento scorte

OMAGGIO

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *