Lʼasteroide sigaro è una Sonda Aliena? Lʼipotesi di Harvard su “Oumuamua” accende la polemica

Il misterioso oggetto celeste avvistato nel 2017 durante la traversata del sistema solare, per due astronomi, potrebbe essere artificiale ed essere stato inviato da extraterrestri per studiare la Terra.

L asteroide Oumuamua è stato inviato dagli alieni: pioggia di critiche sull ipotesi di due astronomi di Harvard

È questa l’ipotesi di due astronomi di Harvard che ha provocato una pioggia di critiche nel mondo scientifico e sui social network.

Le ipotesi in circolazione sul misterioso asteroide

Oumuamua fu avvistato per la prima volta dal telescopio Pan-STARRS1 alle Hawaii (da qui il nome che significa “messaggero” in hawaiano). È lungo circa 400 metri e largo 40 ed è stato seguito da diversi telescopi. Si tratta del primo oggetto proveniente da un altro sistema stellare. Per questo inizialmente è stato classificato come “oggetto interstellare”.

Una squadra dell’Agenzia spaziale europea, a giugno affermò che si trattava probabilmente di una cometa con ghiaccio che si trasforma in gas vicino al Sole. Per i due ricercatori di Harward, invece, potrebbe essere che “Oumuamua sia una sonda pienamente operativa, inviata volontariamente nei dintorni della Terra da una civiltà extraterrestre”. E l’ipotesi è stata messa nero su bianco, in un articolo che uscirà il 12 novembre, sulla rivista “Astrophysical Journal Letters”.

La comunità scientifica contro la teoria dei due astronomi di Harvard

La teoria dei due astronomi di Harvard è fondata sull’ “accelerazione eccessiva” di Oumuamua, che si muove a un ritmo più veloce del previsto. Questo sarebbe possibile solo per i corpi celesti “che hanno una grande superficie e sono molto sottili, ma che non esistono in natura”. Da qui il ricorso a un’altra spiegazione: è una sonda a propulsione.

Ma gli scienziati hanno respinto questa teoria poco dopo la sua formulazione. Nessun segnale artificiale, infatti, è stato rilevato proveniente dal corpo celeste. L’idea dei due studiosi ha rapidamente infiammato i social network e la comunità scientifica. “Come molti ricercatori, mi piacerebbe molto che ci fossero prove convincenti della vita extraterrestre, ma non è questo il caso”, ha commentato all’Afp, Alan Fitzsimmons, un astronomo della Queens University di Belfast.

“E’ già stato dimostrato che le caratteristiche osservate nell’oggetto, sono coerenti con quelle di un corpo celeste simile a una cometa, espulso da un altro sistema stellare”, ha sottolineato, aggiungendo: “Alcuni degli argomenti nel loro studio sono basati su numeri che contengono molte incertezze”. Anche Katie Mack, un’astrofisica della North Carolina State University, è molto critica. “Bisogna capire che per gli scienziati l’idea più pazza è sempre pubblicabile, a patto che ci sia una minima possibilità che non sia sbagliata”, ha scritto su Twitter. “Persino gli stessi autori probabilmente non ci credono”.

La difesa

Interpellato dall’Afp sull’argomento, uno dei due ricercatori, Shmul Bialy, ha risposto: “Non direi che ‘credo’ che sia stato inviato dagli extraterrestri. Poiché sono uno scienziato, non un credente, mi baso su prove, per trovare possibili spiegazioni fisiche per i fenomeni osservati”.

L’altro autore, Avi Loeb, capo del Dipartimento di Astronomia di Harvard, ha detto invece alla Nbc, che l’umanità potrebbe non sapere mai perché Oumuamua si stia allontanando dalla Terra e non tornerà indietro. “E’ impossibile indovinare lo scopo di Oumuamua senza altri dati”, ha concluso.

Fonte: https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/l-asteroide-sigaro-e-una-sonda-aliena-l-ipotesi-di-harvard-su-oumuamua-accende-la-polemica_3173613-201802a.shtml

Libri e varie...
RAZZE ALIENE
Descrizioni, foto e identikit dei visitatori extraterrestri
di Pablo Ayo

Razze Aliene

Descrizioni, foto e identikit dei visitatori extraterrestri

di Pablo Ayo

 Il nuovo sconvolgente libro di Pablo Ayo su Alieni e UFO

In tutto il mondo sono migliaia le persone che affermano di aver avuto incontri ravvicinati del terzo tipo con creature non umane. L'esistenza degli alieni è stata confermata anche da militari in congedo e da ex agenti dei servizi segreti, che hanno inoltre rivelato il coinvolgimento di alcuni governi nella gestione e nell'insabbiamento del fenomeno UFO. Negli anni sono emersi anche diversi documenti Top Secret, contenenti autentiche inchieste governative classificate sull'esistenza di più razze aliene sul nostro pianeta.

Questo testo delinea con precisione le principali razze aliene presenti sul nostro pianeta, oggetto di frequenti incontri ravvicinati del terzo tipo. Anni di ricerca e indagine, hanno permesso all'autore a illustrare fattezze, caratteristiche fisiche, biologiche e psicologiche, nonché a fornire informazioni di natura tecnica, storica e sociologica delle diverse razze.

Corredato di foto e di immagini originali a colori, questo manuale intende essere un utile riferimento per chi studia o si interessa al fenomeno UFO, ma anche per le vittime di "abductions", ossia per coloro che hanno subito rapimenti da parte degli alieni.

La storia di ogni gruppo di razze extraterrestri viene descritta in una breve cronistoria, che delinea i principali casi dei quali si sono resi protagonisti. Nel testo è presente anche una sezione sui Men In Black (i famigerati uomini in nero) e da un capitolo originale sulla tecnologia aliena.

  • Descrizioni e illustrazioni a colori di 36 razze aliene diverse
  • Scheda completa sulla tecnologia extraterrestre
  • Incredibili foto di creature non umane 

Estratto del libro "Razze Aliene" di Pablo Ayo

Una volta mio padre, parlando a proposito delle barzellette, mi disse che ne esistevano di due tipi: quelle che non si possono raccontare perché danno scandalo e quelle che non vale la pena di raccontare perché troppo noiose.

Stranamente il paragone calza anche per quanto riguarda i racconti e le testimonianze su UFO e alieni.

Per continuare a leggere, clicca qui: > Estratto del libro "Razze Aliene" di Pablo Ayo

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*