Gli Ultimi Giorni del “Culto Covid”

di C. J. Hopkins

La narrativa ufficiale del Covid sta finalmente andando in pezzi, o viene frettolosamente smontata, o storicamente rivista, proprio davanti ai nostri occhi.

Non sarà carino, gente. Raramente accade la caduta di un culto della morte. Si udiranno lamenti e stridore di denti, chiacchiere fanatiche incoerenti e tentativi di cancellazione di massa di tweet imbarazzanti.

Ci sarà un vero e proprio tsunami di disperate razionalizzazioni, faticose negazioni, spudorati tentativi di modificare le responsabilità e altre forme di paraculaggine, mentre improvvisamente gli ex membri della setta Covidiana proveranno una fuga dell’ultimo minuto nella giungla.

Sì, è vero, come sono sicuro che avrai notato, la narrativa ufficiale del Covid sta finalmente andando in pezzi, o viene frettolosamente smontata, o storicamente rivista, proprio davanti ai nostri occhi. Gli “esperti” e le “autorità” stanno finalmente riconoscendo che le statistiche “decessi Covid” e “ricoveri in ospedale” sono stati gonfiati artificialmente e totalmente inaffidabili, e stanno ammettendo che i loro “vaccini” miracolosi non funzionano (a meno che non si cambi la definizione della parola “vaccino”), e che hanno ucciso alcune persone, o forse più di alcune persone, e che i blocchi sono stati probabilmente “un grave errore”.

Non mi occuperò di ulteriori citazioni. Puoi navigare in Internet e rendertene conto da solo. Il punto è che la PSYOP “Pandemia apocalittica” ha raggiunto la sua data di scadenza. Dopo quasi due anni di isteria di massa per un virus che causa sintomi di raffreddore o influenza da lieve a moderata (o assolutamente nessun sintomo di sorta) in circa il 95% degli infetti e il cui tasso di mortalità generale per infezione è di circa tra lo 0,1 % e lo 0,5%, i nervi delle persone sono a pezzi.

Libri e varie...

Siamo tutti esausti. Anche i cultisti covidiani sono esausti. E stanno iniziando ad abbandonare il culto in massa. Era sempre per lo più solo una questione di tempo. Come ha detto Klaus Schwab: “la pandemia ha rappresentato una finestra di opportunità rara ma ristretta per riflettere, reimmaginare e ripristinare il nostro mondo“. Non è finita, ma quella finestra si sta chiudendo e il nostro mondo non è stato “reimmaginato” e “reimpostato”… non irrevocabilmente, non ancora. Chiaramente, il Capitalismo globale ha sottovalutato la potenziale resistenza al Great Reset e il tempo necessario per schiacciare quella resistenza.

E ora il tempo stringe, e la resistenza non è schiacciata… anzi, sta crescendo. E non c’è niente che GloboCap possa fare per fermarlo, a parte mostrarsi apertamente totalitario, cosa che non può, poiché sarebbe un suicidio. Come ho notato in un recente articolo: Il totalitarismo New Normal – e qualsiasi forma di totalitarismo capitalista globale – non può mostrarsi come totalitarismo, o addirittura autoritarismo. Non può riconoscere la sua natura politica. Per esistere, non deve esistere. Soprattutto, deve cancellare la sua violenza (la violenza a cui alla fine si riduce tutta la politica) e ci appare come una risposta essenzialmente benefica a una legittima ‘crisi sanitaria globale’…”

La “crisi sanitaria globale” simulata è, a tutti gli effetti, finita. Il fatto è che, se hai intenzione di mantenere le masse in balia di una frenesia insensata di paranoia per una “pandemia globale apocalittica”, a un certo punto, devi produrre una vera pandemia globale apocalittica. Statistiche e propaganda false ti trasporteranno emotivamente per un po’, ma alla fine le persone avranno bisogno di sperimentare qualcosa che almeno assomigli a una vera piaga mondiale devastante.

Inoltre, GloboCap ha seriamente esagerato con i “vaccini” miracolosi. I cultisti Covid credevano davvero che i “vaccini” li avrebbero protetti dalle infezioni. E ora guardano a un futuro in cui dovranno sottoporsi a “vaccinazioni” e “richiami” ogni tre o quattro mesi per mantenere aggiornati i loro “certificati di conformità”, per poter svolgere un lavoro, frequentare una scuola, o mangiare in un ristorante, che, va bene, ai cultisti più accaniti sta bene, ma ci sono milioni di persone che si sono conformate, non perché sono fanatici deliranti che avvolgerebbero la testa dei loro figli nel cellophan se Anthony Fauci glielo ordinasse, ma puramente per “solidarietà”, o convenienza, o istinto di gregge, o… codardia.

Molte di queste persone (cioè i non fanatici) stanno iniziando a sospettare che forse quello che noi – “estremisti con il cappello di carta stagnola, negazionisti del Covid, anti-vax, teorici della cospirazione” – abbiamo detto loro negli ultimi 22 mesi, potrebbero non essere così folli come pensavano inizialmente.

Stanno facendo marcia indietro, razionalizzando, rivedendo la storia e inventando ogni tipo di stronzata egoistica, come siamo ora in “un mondo post-vaccino” o come “la scienza è cambiata” o come “Omicron è diverso”, per evitare di essere costretti ad ammettere di essere vittime di una PSYOP e dell’isteria di massa mondiale che ha generato.

Il che… da una parte è un bene, lascia che dicano tutto ciò di cui hanno bisogno per il bene della loro vanità, o della loro reputazione di giornalisti investigativi, celebrità di sinistra o rivoluzionari di Twitter. Se pensi che questi membri della setta Covidiana riconosceranno mai pubblicamente tutti i danni che hanno fatto alla società, alle persone e alle loro famiglie, da marzo 2020, tanto meno scusarsi per tutti gli abusi che hanno riversato su quelli di noi che hanno riportato i fatti… beh, ti sbagli. Non lo faranno.

Ci gireranno intorno, equivocheranno, razionalizzeranno e mentiranno a denti stretti, qualunque cosa serva per convincere sé stessi e il loro pubblico sarà fatta. Manda queste persone all’inferno se ne hai bisogno… Mi sento arrabbiato e tradito come te. Ma non perdiamo di vista la posta in gioco finale. Sì, la narrativa ufficiale si sta finalmente sgretolando e il Culto Covid sta iniziando a implodere, ma ciò non significa che questa lotta sia finita.

GloboCap e i suoi burattini al governo non annulleranno l’intero programma “New Normal”, faranno finta che gli ultimi due anni non siano mai accaduti e si ritireranno con grazia nei loro sontuosi bunker in Nuova Zelanda e nei loro mega yacht. I movimenti totalitari e i culti della morte in genere non finiscono con grazia. Di solito cadono in un’orgia gratuita di violenza sfrenata e nichilista, mentre il culto o il movimento tenta disperatamente di mantenere la presa sui suoi membri vacillanti e di difendersi dall’invasione della realtà. Ed è qui che siamo in questo momento… o dove saremo molto presto.

Città, stati e paesi di tutto il mondo stanno portando avanti l’attuazione della società di biosicurezza New Normal, nonostante non ci sia più alcuna giustificazione plausibile per essa. Non so cosa accadrà. Non sono un oracolo. Ma ci stiamo avvicinando pericolosamente al punto in cui GloboCap dovrà mostrarsi per il fascista in piena regola che è, se vuole finire ciò che ha iniziato. E se ciò accade, le cose potrebbero diventare molto brutte.

Lo so… le cose sono già brutte, ma sto parlando di un tipo completamente diverso di brutto. E’ ciò che accade ai movimenti totalitari e ai culti della morte una volta che l’incantesimo è rotto e le loro narrazioni ufficiali vanno in pezzi. Quando cadono, cercano di portare con sé il mondo intero.

Non so… ma spero che saremo in grado di evitarlo. In ogni caso da quello che ho sentito e letto, non ci sarà da divertirsi.

Articolo di C. J. Hopkins – pluripremiato drammaturgo, romanziere e scrittore satirico politico americano ma residente a Berlino. (cjhopkins.com o consentfactory.org)

Fonte originale: https://consentfactory.org/2022/01/18/the-last-days-of-the-covidian-cult/

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.databaseitalia.it/gli-ultimi-giorni-del-culto-covid/

Libri e varie...
PHANTOM SELF - SCHIAVI DI UN Sé FANTASMA
Dopo 5 anni di attesa ritorna David Icke con un Seminario in DVD
di David Icke

Phantom Self - Schiavi di un Sé Fantasma

Dopo 5 anni di attesa ritorna David Icke con un Seminario in DVD

di David Icke

Dopo 5 anni di attesa ritorna David Icke, per spiegarci come siamo Schiavi di un Sé fantasma!

Sempre più persone sentono che la direzione che la nostra società sta prendendo non è quella giusta, ma non sanno il perché. David Icke, ancora una volta, ci svela cosa sta accadendo nel mondo e come le nostre menti e le nostre vite vengono manipolate.

Questo nuovo DVD ci conduce nella profondità delle ombre che si celano dietro le quinte, per rivelare la portata di ciò che si sta realizzando mentre la gente è impegnata nella propria vita quotidiana.

Chi o cosa sta dettando la natura della nostra vita? Chi o cosa sta portando la società globale su una strada oscura di controllo, sorveglianza e tirannia ininterrotti? Cosa sta accadendo nel mondo?

Phantom Self è un viaggio per conoscere la verità e riscoprire noi stessi.

In questo seminario David ci rivela società e gruppi segreti che dettano le regole e manipolano la nostra società con l’aiuto di politici marionette e personaggi che ai nostri occhi sembrano avere potere ma che in realtà non ne hanno.

Secondo l’autore per riuscire a capire la realtà delle cose bisogna capovolgere tutte le nostre certezze e ogni cosa che pensavamo di sapere e che fosse vera.

Icke spiega come avviene il controllo dell’umanità. Tiranni che ci nascondono la verità, che la manipolano e manipolano anche noi controllando tutto: media, scoperte scientifiche, religioni e anche l’educazione impartita dalle scuole, descritte come luoghi in cui le giovani menti vengono modellate per sostenere questo sistema corrotto. 

Dalla quarta del DVD

Siate l'anomalia. L'aberrazione. L'errore. L'inconveniente. La diversità. Il dato indecifrabile.

Lasciate che guardandovi scuotano le loro teste uniformate. Lasciate che si vergognino di voi. Che si imbarazzino. Che si incazzino.

Vi insulteranno. Voi lasciateli fare. Lasciate che si prendano gioco di voi. Che vi additino. Che ridano. Resistete al loro scherno. Siate la loro vittima, il loro zimbello. Siate ai loro occhi un clamoroso fallimento. Una tigre non perde il sonno curandosi di ciò che pensano le pecore. Andate avanti. Siate la cicatrice sul loro modo di vedere le cose e sulla loro normalità. Vi detesteranno. Vi temeranno.

Desidereranno essere come voi.

Spesso acquistati insieme

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.