E se Dio fosse un matematico?

L’introduzione del linguaggio matematico nella ricerca del significato della realtà, ha spinto molti filosofi e matematici ad ipotizzare che ci troviamo a vivere in un “Universo Matematico”, nel quale tutte le strutture che esistono matematicamente esistono anche fisicamente.
Ciò solleva una questione di grande interesse: ma Dio ha la mente di un matematico?

Sin dai tempi più antichi, ha suscitato sempre una grande meraviglia l’esistenza della “Sezione Aurea”, o anche detta “Proporzione Divina”, espressione coniata da Frà Luca Pacioli, frate e matematico del XV secolo, con la quale si esprime un rapporto proporzionale esistente in natura e sulla quale sembrano essere modellate tutte le cose.
Dalla geometria all’architettura, dalla pittura alla musica, fino alla natura del creato possiamo osservare come tale rappresentazione corrisponda ad un rapporto che è stato definito pari a 1,618 (numero d’oro).
La Proporzione Divina viene intesa come chiave universale per penetrare i segreti della bellezza ma anche della natura ed al centro è collocato l’uomo, misura di ogni cosa.

L’uomo vitruviano acquistò popolarità grazie al disegno che ne fece Leonardo Da Vinci che fu amico di Frà Luca Pacioli, nel quale l’uomo è rappresentato come sospeso tra un quadrato ed un cerchio, volendo indicare che è possibile riscontrare la “Proporzione Divina” anche nel corpo umano.Infatti, se moltiplichiamo per 1,618 la distanza che in una persona adulta e proporzionata, va dai piedi all’ombelico, otteniamo la sua statura.Così la distanza dal gomito alla mano, moltiplicata per 1,618, dà la lunghezza totale del braccio.La distanza che va dal ginocchio all’anca, moltiplicata per il numero d’oro, dà la lunghezza della gamba, dall’anca al malleolo.Anche nella mano i rapporti tra le falangi delle dita medio e anulare sono aurei, così il volto umano è tutto scomponibile in una griglia i cui rettangoli hanno i lati in rapporto aureo.

Ma il corpo umano non è l’unica realtà naturale ad essere sviluppata sulla base della Proporzione Divina.Cosa hanno in comune una galassia, l’accrescimento biologico di alcune specie animali, la spaziatura tra le foglie lungo uno stelo e la disposizione dei petali e dei semi di girasole?Tutti questi presentano schemi riconducibili a quello della sezione aurea e alla “spirale logaritmica” detta anche “spirale aurea”.
Infine, numerose opere architettoniche, di un passato più o meno remoto, presentano proporzioni riconducibili alla Sezione Aurea.
Nei megaliti di Stonehenge, le superfici dei due cerchi concentrici di pietre stanno tra loro nel rapporto di 1,6; la piramide egizia di Cheope ha una base di 230 metri ed una altezza di 145: il rapporto base/altezza corrisponde a 1,58 molto vicino a 1,6; anche nella progettazione della Cattedrale di Notre Dame a Parigi e del Palazzo dell’ONU a New York sono state utilizzate le proporzioni del rettangolo aureo.

Filosofia e Matematica

Molti pensatori si sono chiesti se la matematica è un sistema che la mente dell’uomo ha inventato, o se invece sia di origine cosmica, una sorta di sapere divino che portiamo dentro di noi.Il primo a riflettere sull’origine divina della matematica è stato il pensatore greco del VI secolo a.C. Pitagora, autore del famoso teorema che tutti abbiamo studiato a scuola.
Secondo il filosofo di Samo, mediante i Numeri, è possibile spiegare ogni cosa: dal mondo che ci circonda al moto degli astri, al succedersi delle stagioni, dalle armonie della Musica al ciclo della vegetazione.

Per Pitagora il Numero è tutto, è l’elemento di cui tutte le cose sono costituite. Ma rispondere alla domanda se la matematica sia una invenzione umana o una scoperta di qualcosa che esiste di per sé in natura non è una cosa semplice.
Nel corso dei secoli, numerosi filosofi, matematici, fisici e psicologi hanno tentato di dare una risposta a questo dubbio amletico: invenzione o scoperta?Il neurobiologo Jean Pierre Changeux (1936) si interroga sulla questione: “Come può uno stato fisico, interno al nostro cervello, rappresentare un altro stato fisico esterno ad esso?” Bella domanda! Kurt Gödel, un famoso logico e matematico, era talmente convinto del fatto che la matematica fosse intessuta nella struttura della realtà, da formulare una dimostrazione matematica di Dio!

Nel suo libro “La prova matematica dell’esistenza di Dio”, il matematico si cimenta in una dimostrazione logica dell’esistenza di Dio: impresa che oggi potrà anche sembrare anacronistica, ma che si situa nella scia di una tradizione millenaria.

Ugualmente convinto della “oggettività matematica” del reale è l’astronomo del MIT, Max Tegmark che afferma: “Se crediamo che esista una realtà indipendente esterna alla nostra osservazione, allora si deve credere in quella ipotesi che io chiamo “Universo Matematico”.
Il nostro universo non è soltanto descritto dalla matematica: è la matematica”. (La mente di Dio, Paul Davies).

Per citare uno scienziato più vicino ai nostri giorni, è interessante l’opinione di Michio Kaku, fisico e noto divulgatore scientifico, secondo il quale Dio potrebbe in effetti essere un matematico: “La mente di Dio crea la musica cosmica, cioè le vibrazioni delle stringhe che compongono lo spazio a undici dimensioni. Questa è la mente di Dio”.

Fonte: http://gustodelproibito.blogspot.it/2014/09/e-se-dio-fosse-un-matematico.html

Libri sull'argomento
The Bond - Il Legame Quantico di Lynne McTaggart
Il Miracolo dell'Acqua di Masaru Emoto
Le Mie Invenzioni di Nikola Tesla
Matrix Energetics di Richard Bartlett
Scoperte Scientifiche non Autorizzate di Marco Pizzuti
Bohm - La Fisica dell'Infinito di Massimo Teodorani
HCE. LA SCIENZA DELLE INTERAZIONI UMANE
Comunicare meglio, sfruttando 5 tipi diversi di intelligenza
di Paolo Borzacchiello, Luca Mazzilli

HCE. La Scienza delle Interazioni Umane

Comunicare meglio, sfruttando 5 tipi diversi di intelligenza

di Paolo Borzacchiello, Luca Mazzilli

Dopo l'incredibile successo di "La Parola Magica" e "Il Super Senso", Paolo Borzacchiello, uno dei massimi esperti di intelligenza linguistica, esce con "HCE La Scienza delle interazioni umane", il suo nuovo libro.

Questo libro è uno strumento potentissimo.

Le persone non comunicano. Le persone interagiscono.

Per la prima volta a livello internazionale questo libro rivela le scoperte e le tecniche innovative di HCE, la scienza che studia le variabili coinvolte in ogni interazione umana.

Un libro ricchissimo di contenuti ed esempi pratici, per portare le tue interazioni a un livello straordinario: con chiunque, ovunque, sempre.

Dopo aver letto il libro:

  • saprai riconoscere le variabili presenti in ogni interazione
  • svilupperai abilità di profiling
  • gestirai con efficacia qualsiasi interazione.

Se vogliamo interagire in modo efficace con noi stessi e con qualsiasi interlocutore, dobbiamo superare le vecchie regole della comunicazione e affidarci allo studio scientifico di variabili come ambiente, stati d'animo, cocktail ormonali, neurosemantica, look, paradigmi cognitivi e così via.

Cosa imparerai?

Human Connections Engineering HCE, la scienza che studia le interazioni umane: decodifica la realtà, in ogni suo aspetto.

  • Decode: identificare tutte le variabili coinvolte in ogni interazione umana, attraverso l'analisi precisa di ogni dettaglio.
  • Profile: elaborare profili efficaci di contesti e interlocutori grazie alla conoscenza del modo in cui le variabili si influenzano vicendevolmente.
  • Influence: utilizzare gli strumenti più efficaci in relazione a interlocutore e contesto per ottenere sempre il massimo risultato.

Paolo Borzacchiello è l'ideatore del metodo HCE, che spiega come rapportarsi con la realtà che ci circonda sfruttando cinque tipi di intelligenza:

  1. Intelligenza strategica
    Usare al meglio le architetture mentali del cervello, elaborare strategie di azione, prevedere risultati.
  2. Intelligenza comportamentale
    Adottare sempre i comportamenti più funzionali, sfruttare il potere della comunicazione non verbale, sviluppare nuove abitudini.
  3. Intelligenza ambientale
    Operare in modo funzionale in qualsiasi ambiente, sfruttare gli effetti del contesto sul cervello, gestire colori, forme e materiali
  4. Intelligenza linguistica
    Scegliere sempre i pattern linguistici più appropriati, utilizzare il linguaggio per ispirare chiunque, realizzare testi sempre perfetti
  5. Intelligenza emotiva
    Gestire al meglio la chimica delle emozioni, conoscere i propri paradigmi mentali, sfruttare al meglio qualsiasi interazione.

Nasce così un libro ambizioso, destinato a cambiare l'approccio alla comunicazione negli ambiti più diversi: in famiglia, al lavoro, nella dinamica di coppia.

La prima parte del testo è teorica: spiega per esempio le bias e le euristiche (cioè quei "pregiudizi" con cui spesso fraintendiamo persone e situazioni) e come possiamo migliorare la nostra percezione.

La seconda parte analizza casi reali e mostra alcune tecniche di immediato utilizzo.

La terza parte, infine, è "in azione": grazie a test ed esercitazioni, il lettore potrà toccare con mano le potenzialità di questo metodo innovativo.

 

Dicono del libro

"Davanti a un caffè io e Paolo abbiamo condiviso semplicità, il desiderio di attualità e una visione comune sul futuro. Ho percepito quella sintonia necessaria per stimolare altre 200 menti della mia squadra, ogni mente diversa ma tutte bisognose di una crescita interiore. Così è nato un percorso veramente innovativo e produttivo per ognuno di noi di Starbucks."
Giampaolo Grossi, General Manager Starbucks Italy

"Applicare HCE alla formazione del mio team è stato davvero incredibile: un approccio completamente diverso dal solito, scientifico e rigoroso, che ha prodotto risultati evidenti e immediati."
Ilaria Ceneda, Retail Manager Hard Rock Cafe International

 


REGALO ESCLUSIVO
Lo puoi avere solo se acquisti
"HCE" sul Giardino dei Libri

Il file PDF di Paolo Borzacchiello
"5 Strategie HCE per imparare
di più in meno tempo"

File PDF che potrai scaricare subito dopo aver acquistato il libro.

Se stai leggendo queste parole, il tuo cervello sta per prendere una decisione. Per il viaggio che ti aspetta, hai due strade a disposizione.

La prima strada è quella in discesa: puoi continuare a fare le cose come hai sempre fatto, ottenendo gli stessi risultati di sempre. La strada più facile, sicuramente.

La seconda strada è in salita: puoi scegliere di accedere al mondo della conoscenza vera, la conoscenza che ti rende libero. Si sa, le strade in salita sono più impegnative, ma sono proprio quelle che ti permettono di arrivare in alto. E dall'alto, tutto diventa molto più chiaro.

Se desideri scoprire come funzionano le interazioni umane, allora la strada che ti porta in alto è l'unica scelta possibile. Per te, abbiamo ideato un manuale ad hoc, con 5 strategie HCE per rendere il tuo viaggio ancora più soddisfacente. Buon viaggio!

 

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *