Bombardamento climatico sull’Italia. Un avvertimento al governo?

Come ben vediamo gli eventi meteorologici sono sempre più estremi e devastanti. Tutto ampiamente preannunciato dall’attivismo mondiale.

Eppure la massa dei beoti continua a non porsi ancora alcuna domanda. Il 29 ottobre scorso, l’Italia è stata BOMBARDATA CLIMATICAMENTE. Diverse le regioni devastate con danni da vera e propria guerra. Se andiamo a guardare le immagini satellitari, facilmente reperibili in rete, possiamo notare quanto sosteniamo. Non ci vogliono lauree o chissà quali conoscenze per evidenziare le fortissime anomali climatiche.

Teniamo a precisare che nei giorni precedenti al disastro, ci sono state fortissime operazioni di aviodispersione a bassa quota.

Di seguito le immagini satellitari dal sito della NASA, dal 22 al 31 ottobre 2018. Da notare l’irraggiamento di onde elettromagnetiche.

EOS 2018-10-22

EOS 2018-10-24

EOS 2018-10-26

EOS 2018-10-28EOS 2018-10-29

Quindi, con intense operazioni di aerosol associate all’irraggiamento elettromagnetico, ecco cosa sono riusciti ad ottenere il 29 ottobre:

sat24 canale 29102018severe weather

Fulminazioni concentrate quasi esclusivamente sull’Italia. Guardiamo più e più volte i seguenti montaggi pubblicati dal canale youtube di sat24, relativi alle fulminazioni del 28 e del 29 ottobre scorsi.

Trattasi di evento meteorologico estremo voluto sull’Italia.

45023276_2187598064585368_343855292171157504_n

Di seguito un altro montaggio pubblicato su facebook da Severe Weather Europe:

An incredible amount of lightning activity across Mediterranean

An incredible amount of lightning activity associated with a powerful forcing along the cold front moving across Italy and Tyrrhenian sea! Widespread severe storms are ongoing with threat for tornadoes, severe damaging winds, torrential rainfall and large hail. Activity will be gradually spreading towards E-NE this afternoon and evening time – extreme weather threat remains in place for large part of Adriatic, Italy and WNW Balkan peninsula. Stay alert for dangerous weather and feel free to report if you encounter any events associated with these storms!Source: Blitzortung.org

Pubblicato da Severe Weather Europe su Lunedì 29 ottobre 2018

A seguire alcune immagini provenienti dalle varie zone colpite, in diverse parti d’Italia. Se non è guerra questa…

Da notare l’ultima immagine qui sopra che si riferisce agli incendi avvenuti nel porto di Savona, dove sono rimasti distrutti oltre mille veicoli, che si sono “inspiegabilmente” incendiati nel bel mezzo della mareggiata. Potrebbero forse aver usato armi ad energia diretta, come già in Grecia e in California?

Noi siamo convinti che tutto questo non sia un caso e che non è la natura che si ribella all’uomo, come tanti coglioni continuano instancabilmente a ripetere a pappagallo. Qui, come in altri disastri, la mano dell’uomo è sin troppo visibile.

Non escludiamo neppure che possa essersi trattato anche di un avvertimento al governo italiano, che non si vuole piegare totalmente ai voleri mondialisti. Guarda caso, ciò è accaduto dopo le durissime critiche da parte dell’UE alla nuova finanziaria!

La cosa triste è che la gente continua a dormire sonni profondissimi e se cerchi di svegliarli diventano violenti!!

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://disquisendo.wordpress.com/2018/10/31/3457800/

Libri e varie...

10 commenti

  1. Riccardo Ludovico Fico

    Ad essere perfettamente onesti, bisogna avere un QI molto alto per capire la formazione e diffusione delle scie chimiche. La loro creazione è estremamente sofisticata e, senza una solida conoscenza della fisica meteorologica, la maggior parte delle spiegazioni passerà sopra la tipica testa di un italiano medio. C’è anche la collaborazione di media e politici che è abilmente intessuta nella comunicazione giornaliera – i loro mezzi di repressione dei dialoghi si ispirano pesantemente alla letteratura di Narodnaya Volya, per esempio. Noi capiamo questa roba; abbiamo la capacità intellettuale di apprezzare veramente le immagini della NASA, di renderci conto che non sono solo previsioni e nuvole – rivelano qualcosa di profondo su cosa sta davvero succedendo. Di conseguenza, le persone che ignorano sono davvero degli idioti – ovviamente non capirebbero, ad esempio, le conseguenze di tutto quello che sta accadendo sopratutto qui in Italia, che personalmente mi ricorda l’epopea russa di Turgenev Fathers and Sons . Sto sorridendo in questo momento solo immaginando uno di quei pidioti addizionati che grattano la testa confusi mentre il genio di Dan Harmon si dipana sui loro feed di Facebook. Che pazzi … come li compatisco.

    E sì, a proposito, ho dei contenitori di polveri sottili trovate da me medesimo. E no, non potete vederlo. È solo per gli occhi degli esperti – e anche loro devono dimostrare di essere entro 5 punti del mio QI (preferibilmente inferiori). Niente di personale

  2. Anche io non credo ci voglia o lauree per capire certe cose, ma non credo assolutamente nel complotto: se qualcuno volesse riportare il Governo Italiano in riga avrebbe minacciato esplicitamente una “guerra metereologica”, se non si sa chi è perché attacca non si può nemmeno fare ciò che chiede… Se non chiede….
    Al di là dei complotti la spiegazione mi sembra più semplice: quando fa bel tempo per mesi senza piogge, caldo assurdo poi si sfoga così… Già capitato niente di nuovo

  3. Giuseppe Torri

    Buongiorno a tutti, mi chiamo Giuseppe e mi occupo di fisica delle nuvole. Un amico mi ha segnalato il vostro post e ho pensato di lasciare qualche considerazione che magari potesse servire a instaurare un dialogo.

    Temo di essere in disaccordo su quanto sia avvenuto in Italia il 28 e il 29 Ottobre scorsi. Da quanto vedo guardando la carta sinottica, il maltempo è stato semplicemente dovuto a quello che in gergo viene chiamato “ciclone extratropicale”. Questi fenomeni sono caratterizzati da un fronte freddo tipicamente associato con fenomeni di precipitazione molto intensi e venti abbastanza sostenuti (e condizioni di burrasca in mare). Il ciclone si vede abbastanza bene dal movimento in senso anti-orario delle nuvole attorno a quello che appare essere un centro di bassa pressione.

    Non so in base a cosa affermiate che ci sia stata aviodispersione di aerosol–non vedo prove in questo post e non sono a conoscenza di archivi in cui si possa vedere questo fenomeno in qualche modo–ma, anche nell’ipotesi che questa massiccia aviodispersione sia avvenuta, gli studi che conosco in materia suggerirebbero che questa avrebbe dovuto avere un effetto contrario: pare infatti che l’aerosol riduca l’intensità del ciclone stesso. Si veda ad esempio Lu and Deng (2016). Con questo non voglio affermare che l’Uomo non abbia influenza su questi fenomeni meteorologici, tutt’altro. Il riscaldamento globale sta molto probabilmente cambiando le dinamiche su larga scala che influenzano il meteo delle medie latitudini (penso alle correnti a getto, ad esempio). Queste potrebbero avere un ruolo molto più diretto nel controllare questi cicloni extratropicali. Tuttavia il sistema è talmente complesso che non credo sia possibile “controllarlo” in nessun modo come sostenete voi.

    Per quanto riguarda l’irraggiamento di onde elettromagnetiche, io non vedo nessuna evidenza. Quelle che indicate con le frecce sono note come onde di gravità (o inerzia) e sono comunissime sia nell’atmosfera che nell’oceano. Sostanzialmente avvengono in ogni fluido caratterizzato da forte stratificazione (ad es., quando una massa d’aria calda passa sopra una massa d’aria molto fredda). Sono abbastanza comuni nelle ore precedenti l’arrivo di grosse masse di aria fredda come nel caso del ciclone del 28/29 Ottobre.

    Questi sono giusto un paio di pensieri a caldo. Sono d’accordo che non servano lauree per rendersi conto delle anomalie climatiche che stanno accadendo. Allo stesso tempo, però, credo che il sistema clima sia molto complesso e, più che le lauree, possano aiutare molti anni di studio e di ricerca. Purché ci sia rispetto, io metto i miei a vostra completa disposizione per chiarimenti.

    Referenze:
    Lu, Y. and Y. Deng, 2016: Impact of Environmental Aerosols on a Developing Extratropical Cyclone in the Superparameterized Community Atmosphere Model. J. Climate, 29, 5533–5546, https://doi.org/10.1175/JCLI-D-16-0157.1

  4. Anche in Austria, Carinzia e altre zone limitrofe vi sono stati danni e forti tempesta, la stessa settimana. Non escludo, ma alcune immagini non credo sia realistiche

  5. Benedetto Sottile

    Non credo alle favole ma sono molto curioso sui dati di fatto detto questo e presupponendo ché quanto riportato sia reale sì sta parlando dì cause , ma non di cura chi sì innalza a giudice dei comportamenti dèi singoli individui e li si raffigura come vigliacchi o quantomeno indifferenti alla mala politica mondiale dovrebbe anche diffondere la cura del cancro che sta distruggendo la terra non solo L’Italia

  6. Il popolo italiano è troppo ignorante e condizionato…se il governo parlasse apertamente di scie chimiche…come già fece in passato lo stesso Carlo Sibilla e altri del movimento…succederebbe che il governo cadrebbe perché ci accuserebbero di essere pazzi e la gente ci crederebbe… Una cosa alla volta… E la presa di posizione contro le politiche di austerità dell’ue sono solo l’inizio

  7. Agli italiani non importa nulla l’importante è che non devono mai toccare il calcio. Io vivo in Thailandia da 8 anni e vi posso garantire che qua il celo e di un azzurro pazzesco senza nemmeno una scia lasciata da un Aereo, eppure qua di Aerei ne passando a centinaia ma nessun Aereo rilascia fumo. L’Italia è un paese che dovrà scomparire. Vogliono far diventare l’Italia un paese del 3° mondo, povero e sottomesso altrimenti tutto questo non sarebbe successo. Ponti, temporali assurdi, africani che sbarcano a migliaia al giorno, terremoti, neve che sembra plastica. Be tutto questo non è sicuramente causato dalla Natura ma da qualche pezzo di merda ovviamente anche I vostri nuovi presidenti e compagnia bella lo sanno ma tutto tace.

  8. li mortacci loro e di chi ignora le scie chimiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*