Alzheimer – Confermato il legame tra benzodiazepine e la malattia

Uno studio francese pubblicato nell’ultimo numero del British Medical Journal lo conferma: l’uso regolare di benzodiazepine per un periodo superiore a tre mesi aumenta notevolmente il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer.

Morbo di AlzheimerCosa sono le benzodiazepine?

Le benzodiazepine sono una classe di farmaci psicotropi, vale a dire, che agiscono sul sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale), modificando alcuni processi chimici naturali (fisiologici). Porta a cambiamenti di coscienza, umore,  percezione e comportamento.

Provoca un effetto ansiolitico (contro l’ansia), miorilassante (rilassante muscolare), ipnotico (induce il sonno), antiepilettico (contro l’epilessia) e amnesico (causando problemi di memoria).Tra i principi attivi e i nomi commerciali citiamo: Alprazolam, Bromazepam , Bromiden, Diazepam, Valium e Xanax.

Questi farmaci sono comunemente utilizzati per il trattamento di disturbi come ansia, spasmi, insonnia, convulsioni, o agitazione durante l’astinenza da alcol.

L’uso a lungo termine di benzodiazepine è pericoloso?

E’ noto da molti anni che l’uso di benzodiazepine per oltre un mese porta ad assuefazione (necessità di dosi maggiori per ottenere lo stesso effetto), dipendenza (difficoltà o impossibilità di interromperne l’assunzione), e la sospensione può causare sintomi di astinenza (recidiva dei sintomi, più tipicamente la potenziale caduta della pressione arteriosa, allucinazioni, psicosi, convulsioni, malessere).

Lo studio di Sophie Billioti Gage e colleghi dell’istituto INSERM, dimostra come le benzodiazepine aumentino significativamente il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer – la più nota malattia neurodegenerativa, che in Italia colpisce centinaia di migliaia di persone ogni anno.

Lo studio Inserm

Lo studio ha preso in considerazione quasi 9.000 persone di età superiore a 66 anni, seguiti per 6-10 anni, dimostrando come l’assunzione giornaliera di psicofarmaci per diversi mesi aumenti il rischio di sviluppare una malattia neurodegenerativa:

  • una volta al giorno per 3- 6 mesi aumenta il rischio di malattia di Alzheimer del 30%;
  • una volta al giorno per più di sei mesi aumenta il rischio di Alzheimer del 60-80%.

Preoccupazione in Francia

La Francia detiene il triste record di campione del mondo nel consumo di sostanze psicotrope (nel 2012, quasi 12 milioni di transalpini ne avrebbero fatto uso almeno una volta). In particolare, le benzodiazepine sono spesso prescritte per trattare stress, ansia e disturbi del sonno: tutti sintomi che possono essere curati con metodi alternativi (fitoterapia, omeopatia, agopuntura).

Inoltre, l’approccio farmacologico “cancella” i sintomi ma non risolve il problema, sicché questi sintomi tendono a ripresentarsi dopo l’interruzione del trattamento. Questo porta spesso a prolungare la cura oltre le raccomandazioni delle autorità sanitarie (non più di 12 settimane): molti pazienti continuano ad assumerne per anni.

I pazienti, però, dovrebbero essere consapevoli dei rischi connessi con tali trattamenti prolungati e cercare metodi di cura alternativi. Il “Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani” raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili diagnosi psichiatriche, sia per se stessi che per i propri figli, ma richiedere accurate analisi mediche.

Qui lo studio pubblicato dal British Medical Journal: http://www.bmj.com/content/349/bmj.g5205

Qui lo studio pubblicato dall’Istitut National del la Santé et de la Recherche Medical: http://presse.inserm.fr/en/benzodiazepines-and-alzheimers-disease-the-risk-increases-with-duration-of-exposure/15346/

Fonte: http://www.informazionelibera.net/alzheimer-confermato-legame-benzodiazepine-la-malattia/

Libri e varie...

Vivere 120 Anni

La verità che nessuno vuole raccontarti

di Adriano Panzironi

VIVERE 120 ANNI  - LIBRO
La verità che nessuno vuole raccontarti
di Adriano Panzironi

L'uomo può vivere fino a 120 anni trascorrendo la sua vita senza malattie.
 L'aspettativa attuale di vita e di 80 anni e già a 40 subiamo i sintomi delle malattie degenerative.
 La medicina tradizionale è focalizzata a curare i sintomi delle malattie, ma è ben lontana dal risolverne le cause.
 La nostra diete e lo stile di vita sono la causa principale della più grande catastrofe sanitaria di tutti i tempi.
 In questo libro scoprirete perché l'essere più evoluto del pianeta è in realtà anche il più malato.
 Questo libro vi insegnerà a invertire la rotta verso una vita più longeva ed in salute....

Fiori di Bach e Psicoterapia

Alla scoperta degli psicofarmaci naturali

di Giuseppe Rescaldina

FIORI DI BACH E PSICOTERAPIA
Alla scoperta degli psicofarmaci naturali
di Giuseppe Rescaldina

L’autore di questo libro trae la logica conseguenza di questo principio, applicando i Fiori di Bach in modo specifico al campo della psicoterapia, in cui essi vanno rivelando un prezioso e spesso risolutivo ausilio alla guarigione.
 La floriterapia di Bach è sorta dalla constatazione che tutte le condizioni patologiche hanno alla loro base un disagio psicologico.
 Egli mette in parallelo i Fiori di Bach con altrettanti tipi umani affetti da problematiche psicologiche, blocchi della personalità, disturbi psicosomatici, ciò che aiuta a comprendere come la floriterapia agisca in profondità, con l’incisiva delicatezza che è propria di questi fiori, anche là dove la medicina convenzionale è costretta a riconoscere il proprio fallimento.
 Affiancata al lavoro psicoterapeutico, la fiori-terapia rimuove i traumi, l’instabilità, il senso di rifiuto, la timidezza, l’agitazione, che spesso sono all’origine di molte patologie di natura psicosomatica....

Musicoterapia e Alzheimer

Miglioramento della qualità e delle aspettative di vita del paziente anziano affetto da Demenza trattato con la Musicoterapia

di Stefano Centonze

EBOOK - MUSICOTERAPIA E ALZHEIMER
Miglioramento della qualità e delle aspettative di vita del paziente anziano affetto da Demenza trattato con la Musicoterapia
di Stefano Centonze

Perdere il contatto con se stessi e con la propria storia personale è senza dubbio l'aspetto più grave di una patologia.
 Attraverso questo lavoro l'autore, Stefano Centonze, Musicoterapista, propone una panoramica delle varie forme di demenza, nonchè un significativo ed efficace approccio attraverso le tecniche musicoterapiche. L'opera contiene la sezione esperienziale dedicate alla descrizione delle sedute con i pazienti.
 Informazioni Aggiuntive Dimensione: 138 Pagine
 Download File: Documento PDF (0,6 Mb)
 N.B. : Riceverai una mail per lo scarico dell'ebook, una volta verificato il pagamento con carta di credito o circuito paypal. Non è possibile acquistare gli ebook pagando in contrassegno...

Prevenire e Curare l'Alzheimer

I Sintomi, le cure attuali e future, la comunicazione con il malato

di Mireille Peyronnet

PREVENIRE E CURARE L'ALZHEIMER
I Sintomi, le cure attuali e future, la comunicazione con il malato
di Mireille Peyronnet

In attesa che la scienza trovi una risposta definitiva all'Alzheimer, tutte le strade devono essere esplorate per frenarne il decorso, a cominciare dalla corretta individuazione dei sintomi e quindi da una diagnosi precoce. Solo così, infatti, i farmaci potranno ritardare sensibilmente l'evolversi della malattia.
 Alla luce dei più recenti studi scientifici, il libro prende in esame tutti gli elementi di una prevenzione efficace: l'allenamento quotidiano della memoria, il ruolo chiave dei grassi essenziali omega 3 e della vitamina B9, e quindi di un'alimentazione sana e mirata, i benefici dell'attività fisica e quelli delle terapie non farmacologiche.
 Una parte importante del volume è inoltre dedicata alla relazione con il malato, a come salvaguardare il più possibile la qualità della sua vita e quella dei familiari che se ne prendono cura....

La Fabbrica delle Malattie

Bambini e psicofarmaci. Ecco come le multinazionali cercano di ammalare i nostri figli

di Rita Dalla Rosa

LA FABBRICA DELLE MALATTIE
Bambini e psicofarmaci. Ecco come le multinazionali cercano di ammalare i nostri figli
di Rita Dalla Rosa

In Italia sono sempre di più i bambini e gli adolescenti che fanno uso di psicofarmaci: tranquillanti, antidepressivi e antipsicotici che vengono prescritti anche quando non sarebbero necessari. E in alcuni casi si tratta di prodotti non testati sui più piccoli, con effetti collaterali pesantissimi e pericolosi.
 Per le multinazionali che li producono è un business miliardario, ma qual è il vero prezzo che pagano i nostri figli? ...

Come Impedire al Vostro Medico di Nuocervi

Quando la medicina fa più male che bene

di Vernon Coleman

COME IMPEDIRE AL VOSTRO MEDICO DI NUOCERVI
Quando la medicina fa più male che bene
di Vernon Coleman

La persona che ha maggiori probabilità statistiche di ucciderti non è un ladro, un rapinatore o un ubriaco alla guida della sua auto. Questa persona è semplicemente il tuo medico.
 Esistono importanti prove scientifiche che lo dimostrano:
 
 - soltanto il 15% dei trattamenti medici è supportato da solide prove scientifiche;
 - diversi esperti indipendenti che hanno studiato l’uso degli antibiotici dichiarano che tra il 50% e il 90% delle prescrizioni fatte non sono necessarie;
 - vengono uccise molte più persone dai farmaci prescritti che dalle droghe illegali come l’eroina o la cocaina;
 - uno studio condotto su 131 pazienti psichiatrici scelti a caso ha dimostrato che per circa tre quarti dei pazienti la diagnosi probabilmente era sbagliata.
  Come puoi allora difenderti dal tuo dottore? Il medico e divulgatore scientifico Vernon Coleman risponde a questa domanda fornendo una serie di consigli pratici e suggerimenti per vivere più a lungo in maniera sana e naturale, per tutelarsi dalla superficialità, dall’incompetenza e talvolta dall’arroganza del sistema sanitario ufficiale.
 Leggendo queste pagine puoi:
 
 - diventare un paziente più consapevole e capace di controllare la tua vita;
 - sapere che domande porre al tuo medico;
 - imparare ad ascoltare il tuo corpo;
 - sopravvivere in ospedale;
 - usare la medicina alternativa quando possibile;
 - controllare il dolore senza l’aiuto del medico;
 - evitare di farti prescrivere farmaci inutili;
 - vincere i problemi cardiaci senza farmaci o chirurgia;
 - essere in grado di affrontare una diagnosi di cancro;
 - stare meglio cambiando dieta;
 - e molto altro!...
COME IMPEDIRE AL VOSTRO MEDICO DI NUOCERVI
Quando la medicina fa più male che bene
di Vernon Coleman

La persona che ha maggiori probabilità statistiche di ucciderti non è un ladro, un rapinatore o un ubriaco alla guida della sua auto. Questa persona è semplicemente il tuo medico.
 Esistono importanti prove scientifiche che lo dimostrano:
 
 - soltanto il 15% dei trattamenti medici è supportato da solide prove scientifiche;
 - diversi esperti indipendenti che hanno studiato l’uso degli antibiotici dichiarano che tra il 50% e il 90% delle prescrizioni fatte non sono necessarie;
 - vengono uccise molte più persone dai farmaci prescritti che dalle droghe illegali come l’eroina o la cocaina;
 - uno studio condotto su 131 pazienti psichiatrici scelti a caso ha dimostrato che per circa tre quarti dei pazienti la diagnosi probabilmente era sbagliata.
  Come puoi allora difenderti dal tuo dottore? Il medico e divulgatore scientifico Vernon Coleman risponde a questa domanda fornendo una serie di consigli pratici e suggerimenti per vivere più a lungo in maniera sana e naturale, per tutelarsi dalla superficialità, dall’incompetenza e talvolta dall’arroganza del sistema sanitario ufficiale.
 Leggendo queste pagine puoi:
 
 - diventare un paziente più consapevole e capace di controllare la tua vita;
 - sapere che domande porre al tuo medico;
 - imparare ad ascoltare il tuo corpo;
 - sopravvivere in ospedale;
 - usare la medicina alternativa quando possibile;
 - controllare il dolore senza l’aiuto del medico;
 - evitare di farti prescrivere farmaci inutili;
 - vincere i problemi cardiaci senza farmaci o chirurgia;
 - essere in grado di affrontare una diagnosi di cancro;
 - stare meglio cambiando dieta;
 - e molto altro!...

Come Impedire al Vostro Medico di Nuocervi

Quando la medicina fa più male che bene

di Vernon Coleman

La persona che ha maggiori probabilità statistiche di ucciderti non è un ladro, un rapinatore o un ubriaco alla guida della sua auto. Questa persona è semplicemente il tuo medico.

Esistono importanti prove scientifiche che lo dimostrano:

  • soltanto il 15% dei trattamenti medici è supportato da solide prove scientifiche;
  • diversi esperti indipendenti che hanno studiato l’uso degli antibiotici dichiarano che tra il 50% e il 90% delle prescrizioni fatte non sono necessarie;
  • vengono uccise molte più persone dai farmaci prescritti che dalle droghe illegali come l’eroina o la cocaina;
  • uno studio condotto su 131 pazienti psichiatrici scelti a caso ha dimostrato che per circa tre quarti dei pazienti la diagnosi probabilmente era sbagliata.

Come puoi allora difenderti dal tuo dottore? Il medico e divulgatore scientifico Vernon Coleman risponde a questa domanda fornendo una serie di consigli pratici e suggerimenti per vivere più a lungo in maniera sana e naturale, per tutelarsi dalla superficialità, dall’incompetenza e talvolta dall’arroganza del sistema sanitario ufficiale.

Leggendo queste pagine puoi:

  • diventare un paziente più consapevole e capace di controllare la tua vita;
  • sapere che domande porre al tuo medico;
  • imparare ad ascoltare il tuo corpo;
  • sopravvivere in ospedale;
  • usare la medicina alternativa quando possibile;
  • controllare il dolore senza l’aiuto del medico;
  • evitare di farti prescrivere farmaci inutili;
  • vincere i problemi cardiaci senza farmaci o chirurgia;
  • essere in grado di affrontare una diagnosi di cancro;
  • stare meglio cambiando dieta;
  • e molto altro!
...

Un commento

  1. L’Italia con il Giappone è il paese più vecchio del mondo…la vita media si è allungata del 20% negli ultimi 40 anni…nonostante l’inquinamento e le varie sindromi metaboliche… i tumori e gli incidenti stradali…stress etc etc…voi cosa dite..,colpa dei medici?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*