Vaccini: un punto di vista spirituale

di Tiziano Bellucci

Care Amiche ed Amici, condividiamo le riflessioni di ordine spirituale sul significato delle malattie dei bambini, proposte dallo studioso ed insegnante di Antroposofia, Tiziano Bellucci.

BambiniRiportiamo quanto espresso dall’autore e lasciamo a voi le dovute riflessioni… Infatti, senza entrare in discussioni che non ci competono e che abbiamo scelto fin da principio di non trattare nel blog, (nel quale abbiamo deciso di promuovere solo ed esclusivamente contenuti positivi ed evolutivi), in questo caso, vista la rilevanza della questione che coinvolge tutti i nostri figli, abbiamo scelto di proporvi questa visione anni luci alternativa al dibattito che si è creato sui media e non solo. 

È comunque il nostro modo di porci di fronte alla questione, quindi, innanzitutto, quello di vedere l’uomo non come una macchina organica ma qualcosa di molto più complesso! Inoltre, purtroppo, è da sottolineare che in linea generale,  le logiche del profitto dei pochi mal si sposano con gli interessi alla Salute di tutti.

Ecco le riflessioni di Tiziano Bellucci:

La medicina non conosce la causa delle malattie infantili. Nel primo settennio, agiscono da un lato le forze eteriche insite nello stampo dato dai genitori che tendono a consolidare il modello, dall’altro le forze insite nell’essere umano che vuole esprimere le facoltà e le determinazioni che ha portato con sé dal mondo spirituale.

Accade quindi una sorta di lotta nei primi sette anni di vita: una guerra fra le forze dello stampo e le forze “individuanti” dell’io; tale lotta si rivela come la causa delle malattie infantili. Le malattie infantili sono l’espressione di quella lotta interiore fra l’io del bimbo e le forze ereditarie dei genitori.

Ecco i parallelismi fra le malattie esantematiche e i corrispondenti “superamenti o lotte”:

VARICELLA – TERRA: emancipazione dalle forze del corpo fisico dei genitori, smettere di assomigliare nei tratti somatici dei familiari;

MORBILLO – ACQUA: emancipazione dalle forze del corpo eterico dei genitori, cessare di assomigliare ai temperamenti dei genitori;

PERTOSSE – ARIA: emancipazione dalle forze del corpo astrale dei genitori, interrompere di nutrire passioni e istinti dei genitori;

SCARLATTINA – FUOCO: emancipazione dalle forze dell’io di gruppo dei genitori, cambiare indirizzo di pensieri, di ideali, di religione, di politica rispetto i genitori.

Le vaccinazioni limitano quindi l’espressione dell’io: impediscono che la “lotta all’individuazione” possa esservi.

Video:

Autore: Tiziano Bellucci

Ha trovato la sua sintesi fra scienza, arte e religione, dopo il suo incontro con l’antroposofia o Scienza dello Spirito. Docente del testo Scienza occulta presso la scuola di arte terapia Stella Maris. Insegnante di musica, a Bologna, è ricercatore e divulgatore scientifico spirituale dal 1990: ingegnere del suono, scrittore, conferenziere, consulente, autore e compositore musicale. Scrive libri, saggi.

Blog: https://unicornos.com/

Corsi on line: https://unicornoscorsi.com/

Accordatura planetaria: https://accordaturaplanetaria.wordpress.com

Scuola Arteterapia Stella Maris: http://www.associazionestellamaris.it

Diario esoterico: http://unicornos.forumattivo.com/

Curriculum e lavori tenuti pdf: https://unicornos.files.wordpress.com

Fonte: https://www.naturagiusta.it/benessere/vaccini-un-punto-di-vista-spirituale/

Libri e varie...
LA CADUTA DEGLI SPIRITI DELLE TENEBRE
I retroscena spirituali del mondo - Nuova edizione
di Rudolf Steiner

La Caduta degli Spiriti delle Tenebre

I retroscena spirituali del mondo - Nuova edizione

di Rudolf Steiner

Intelletto e moralità. Gli spiriti arimanici, nel secolo scorso cacciati da Michele dal Cielo, tendono sulla terra a impadronirsi dell'intelletto.

14 conf.: Dornach, 29 settembre - 28 ottobre 1917

INDICE:
Prima conferenza Dornach, 29 settembre 1917
Comprensione degli eventi in Russia con la scienza dello spirito. L'attività del mondo spirituale in quello temporale. Suchomlinov. La nota papale per la pace. Il nesso fra l'atteggiamento materialistico degli uomini e le forze distruttive.

Seconda conferenza Dornach, 30 settembre 1917
La discrepanza fra lo sviluppo intellettuale e quello morale dell'umanità. L'organizzazione umana nel sonno e nella veglia. L'inserimento di impulsi di saggezza senza moralità dal sonno nella vita terrena. L'impulso sociale-spirituale nelle opere di Johann Valentin Andreae. Il ringiovanire dell'umanità. Lloyd George, caratteristico rappresentante del nostro tempo.

Terza conferenza Dornach, 1° ottobre 1917
Le attuali abitudini di pensiero lontane dalla realtà. Il detto del Cristo: "Il mio regno non è di questo mondo". L'aspirazione alla perfezione terrena è illusione materialistica. Woodrow Wilson "salvatore del mondo". La giusta posizione di fronte all'annuncio di verità della scienza dello spirito. Errori in tale posizione. Due necessarie misure in merito a comunicazioni esoteriche private.

Quarta conferenza Dornach, 6 ottobre 1917
Gli spiriti elementari di nascita e morte. La loro azione al servizio degli dèi e il passaggio di tale azione da essi agli uomini nell'epoca atlantica. La necessaria trasformazione di virtù in difetti, da forze costruttive a forze distruttive. La sensazione istintiva di tale fatto in Ricarda Huch. Una tendenza del presente: avere un'opinione invece di lottare per conoscere la verità.

Quinta conferenza Dornach, 7 ottobre 1917
Diversa sperimentazione del mondo in Grecia e nel presente. Il morire della terra e il logorarsi dei corpi. Riflessi di questi fatti nell'opera geologica di Eduard Sueß e nella psicologia di Franz Brentano. La separazione della nostra interiorità dal corpo. La predestinazione in Agostino e in Calvino. L'eugenetica, riflesso di abitudini atlantiche. La psicopatologia. L'eliminazione dello spirito con medicamenti.

Sesta conferenza Dornach, 8 ottobre 1917
Il vivente mondo dei pensieri, e i pensieri morti in noi. La testa, eredità di antiche incarnazioni. Il restante corpo, manifestazione di gerarchie cosmiche, consolidato a seguito della tentazione luciferica. Legami spirituali col mondo circostante. Sogni nel periodo greco-romano. Pensieri ispirati in campo sociale, e relativa coscienza in Jakob Böhme e in Saint-Martin. L'importanza di capacità intuitive per gli insegnanti.

Settima conferenza Dornach, 12 ottobre 1917
Scarsa rilevanza dei racconti storici. Lutero, appartenente al quarto periodo, all'inizio del quinto. Il risveglio della coscienza nel passato attraverso l'illusione. Necessario superamento dell'illusione in avvenire. La prova del fuoco interiorizzata nel cammino iniziatico attuale. L'importanza del pensiero del karma per l'educazione. Il giusto comportamento di fronte a chi pensa in modo diverso da noi. L'interiorizzazione del rapporto fra educatore e alunno.

Ottava conferenza Dornach, 13 ottobre 1917
La tendenza attuale alla semplificazione dei concetti, inadeguati di fronte alla realtà. L'errato confronto fra organismo e Stato in Rudolf Kjellén e Albert Schäffle. La vita sociale di tutta la terra è un organismo. La confutazione di teorie astratte da parte della realtà. L'Occidente guarda al passato. Il wilsonismo. La rottura col passato in Oriente. L'astrazione degli ideali teosofici e la necessità di concrete conoscenze.

Nona conferenza Dornach, 14 ottobre 1917
La lotta di Michele con gli spiriti arimanici dal 1841 al 1879. La cacciata degli spiriti delle tenebre, legata agli impulsi materialistici negli uomini. Henri Lichtenberger. Malattie da bacilli e influssi lunari in epoche passate. Il modo di pensare arimanico nella scienza attuale. L'influsso del mondo spirituale sulle azioni umane. Il riflesso di eventi spirituali su quelli terrestri. Soloviev e la conoscenza dello spirito russo.

Decima conferenza Dornach, 20 ottobre 1917
La mancanza di realtà in molti ideali. La diffusione di alcuni ideali nel secolo XVIII e gli effetti successivi. Dreizehnlinden di Wilhelm Weber. Pregiudizio, ignoranza e paura favoriscono le potenze arimaniche. Conoscenza del passato e dell'avvenire. L'esempio in James Dewar. Gli esseri arimanici nelle teorie monistiche. Necessità del pensare spirituale nella scienza materialistica. Necessaria trasformazione dell'educazione. L'importanza dei ricordi giovanili nell'età avanzata.

Undicesima conferenza Dornach, 21 ottobre 1917
Interiorizzazione della natura umana ed esteriorizzazione della scienza. Nuovi impulsi educativi contro l'arimanizzazione della vita interiore. Correnti solari e lunari rispetto ad animale e uomo. Racconti di animali nella pedagogia. La vita degli animali in Brehm. I concetti semplificati degli specialisti. Il libro sui contratti di lavoro di Roman Boos. Vuoto gioco di concetti in un articolo di Adolf Keller.

Dodicesima conferenza Dornach, 26 ottobre 1917
La cacciata degli spiriti delle tenebre, causa degli avvenimenti attuali. Il compito degli spiriti della luce in epoche precedenti: favorire i legami di sangue, e degli spiriti delle tenebre: liberazione dagli stessi legami. Inversione di tali impulsi nel secolo XIX. L'evoluzionismo di Darwin rispecchia il passato, la metamorfosi di Goethe il futuro. Liberazione dai legami con la terra con la spiritualizzazione. L'indianizzazione degli Europei in America.

Tredicesima conferenza 27 ottobre 1917
Gli spiriti delle tenebre vogliono lo sviluppo dell'intelletto e limitare i rapporti col mondo spirituale allo spiritismo. La vittoria di Michele permette il diretto rapporto dell'uomo con lo spirito. L'azione contraria degli spiriti delle tenebre. Gli eventi del secolo XIX derivano dalla lotta nel mondo spirituale. Le lezioni di Oswald Marbach. Una poesia di Marbach per Goethe massone.

Quattordicesima conferenza Dornach, 28 ottobre 1917
L'azione di Angeli e Arcangeli nella storia e nell'organismo umano. La cessazione della riproduzione umana nel 6° o 7° millennio. Gli spiriti delle tenebre e il ringiovanimento dell'umanità. Fritz Mauthner e darwinismo. Vita dei pensieri e vita della volontà, anche nella socialdemocrazia. La storia è giovane e va fecondata dalla scienza dello spirito. Il libro sulle api di Maeterlinck. Le illusioni della democrazia. I libri di Francis Delaisi sulle irrealtà della democrazia: Alexander Millerand e Raymond Poincarè.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *