Truffa al Fisco Italiano per 1,2 miliardi: la Guardia di Finanza indaga Pfizer

Una verifica fiscale condotta da Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate è ancora in corso nei confronti della multinazionale del farmaco Pfizer.

L’accusa, secondo quanto riportato in anteprima dal media finanziario americano Bloomberg, sarebbe quella di aver evaso 1,2 miliardi di euro di tasse in Italia, distraendo i fondi a capo della divisione italiana della multinazionale, la Pfizer Italia Srl, verso altre divisioni estere negli Stati Uniti e nei Paesi Bassi.

Il periodo sotto indagine sarebbe quello relativo agli anni 2017, 2018 e 2019. In questi tre anni di esercizio – quindi antecedenti agli incassi ottenuti dal vaccino anti Covid – la multinazionale farmaceutica che ha il proprio quartier generale a Manhattan, New York, avrebbe sistematicamente trasferito i ricavi generati dal mercato italiano, e fatturati dalla Pfizer Italia Srl, verso le controllate Pfizer Production LLC e Pfizer Manifacturing LLC con sede nel Delaware (USA) e nei Paesi Bassi, per evitare di pagare allo stato italiano le tasse sui profitti.

La notizia al momento non è stata commentata ufficialmente né dal colosso farmaceutico, né dalle autorità italiane. Tuttavia una portavoce della multinazionale ha confermato le indagini in corso a Bloomberg, provando – come prevedibile – a derubricarle a questioni di routine. “Le autorità fiscali italiane controllano e indagano regolarmente sulle tasse Pfizer e Pfizer collabora con tali controlli e indagini – ha affermato la portavoce Pam Eisele – Pfizer è conforme alle leggi e ai requisiti fiscali italiani”.

Naturalmente il fatto che una indagine sia stata avviata non significa automaticamente che sarà riscontrato un illecito, ma evidentemente Guardia di Finanzia e Agenzia delle Entrate intendono vederci chiaro.

La divisione italiana di Pfizer impiega circa 2.000 persone. L’azienda dispone di uno stabilimento nelle Marche centrali, dove produce pillole per il cancro e per i disturbi del sistema nervoso, e uno a Catania che produce farmaci iniettabili sterili come gli antibiotici.

Fonte: https://www.lindipendente.online/2022/10/27/truffa-al-fisco-italiano-per-12-miliardi-la-guardia-di-finanza-indaga-pfizer/

DOLCI BUONI E SANI
Felicemente golosi senza dipendenza
di Dealma Franceschetti

Dolci Buoni e Sani

Felicemente golosi senza dipendenza

di Dealma Franceschetti

Tantissime ricette per scoprire il piacere di un dolce leggero ma goloso!

Torte, crostate, biscotti, mousse e budini a base di agar agar, gelati, panna cotta, muffin, dolci senza glutine. Solo il pensiero ci fa venire l’acquolina in bocca!

Perché leggere questo libro:

  • Per scoprire che “zucchero” non è sinonimo di “dolce”.
  • Per imparare tanti segreti di pasticceria dalla chef macrobiotica Dealma Franceschetti.
  • Per soddisfare la tua voglia di dolce mangiando cibi sani.

Dalla quarta di copertina

Gustarsi un dolce è come fare un tuffo nel passato quando eravamo piccoli e abbiamo assaporato per la prima volta quel sapore attraverso il latte della mamma. Grazie a questo libro possiamo ritrovare il piacere di goderci ogni tanto dei dolci serenamente, con la consapevolezza di scegliere ingredienti sani.

L’esperta di cucina macrobiotica Dealma Franceschetti ci spiega come cucinare dolci leggeri, senza derivati animali, ingredienti chimici, zuccheri e farine raffinati, per non appesantire il corpo e non cadere nella spirale della dipendenza indotta soprattutto dallo zucchero raffinato.

Un ricettario che risponde a tanti dubbi:

  • Un dolce sano è anche buono?
  • Cosa usare al posto dello zucchero bianco?
  • Quali farine utilizzare evitando quelle raffinate?
  • Come sostituire il latte con le bevande vegetali?
  • Quali addensanti scegliere?
  • Come sostituire le uova, il burro e la colla di pesce?
  • Come liberarsi dalla dipendenza dei dolci e goderseli serenamente?

I contenuti extra

  • Video presentazione dell'autrice
  • Video-ricette
  • Documenti di approfondimento
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.