Siamo nati per essere pigri e non disperdere le energie

di Cristina Monaco

L’attività fisica costa uno sforzo cognitivo che il nostro cervello vuole proprio evitare. Lo dice uno studio dell’Università della British Columbia.

Quante volte i nostri buoni propositi di fare sport (soprattutto in vista delle feste natalizie!) sono finiti nel dimenticatoio? Quante volte abbiamo preferito starcene in casa davanti ad un film piuttosto che uscire a fare una corsetta? Siamo perfettamente consapevoli dei benefici di una vita attiva e sportiva, ma qualcosa ci fa restare incollati al divano.

Uno studio dell’Università della British Columbia ha voluto dare una spiegazione scientifica alla pigrizia che inesorabilmente ci assale nel momento in cui decidiamo di dedicarci all’attività fisica. Da oggi in poi possiamo sentirci un po’ meno in colpa: la risposta risiede nel fatto che il nostro cervello è un pigrone di natura. È programmato per scegliere l’alternativa più facile che non faccia dispendere energie e vede l’attività fisica come uno sforzo aggiuntivo, che, se può, evita.

La conservazione dell’energia è stata essenziale per la sopravvivenza degli esseri umani, poiché ci ha permesso di essere più efficienti nella ricerca di cibo, nel competere per i partner sessuali e nell’evitare i predatori” ha spiegato Matthieu Boisgontier, uno degli autori dello studio.

Di conseguenza, questo potrebbe spiegare il paradosso dell’esercizio, ossia il fatto che nonostante la società incoraggi verso uno stile di vita più attivo e sano, la popolazione stia diventando sempre più pigra e sedentaria.

È comprovato, d’altro canto, che l’attività fisica è essenziale per il nostro benessere psico-fisico. Basta avere un po’ di buona volontà per immolarci per un bene più grande. Ma almeno abbiamo una scusa se nelle giornate buie e troppo fredde proprio non ci va di uscire!

Articolo di Cristina Monaco

Fonte: http://www.nuove-proposte.com/2018/12/12/nati-pigri-non-disperdere-le-energie/

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *