Lo Studio scientifico che ribalta tutto: “gli Asintomatici non contagiano nessuno”

di Cesare Sacchetti

Uno studio scientifico fondamentale che cambia l’intera narrazione sugli asintomatici Covid è stato recentemente pubblicato da Elsevier, la casa editrice più importante al mondo nel campo medico e scientifico.

VOCI DALLA STRADA

La ricerca è stata realizzata da otto scienziati cinesi che hanno esaminato il caso di una 22enne donna risultata asintomatica positiva all’ospedale di Guangdong. I medici per ricostruire tutte le persone che sono entrate in contatto con la donna hanno condotto la classica indagine epidemiologica. Ad avere contatti con la asintomatica in questione, sono state ben 455 persone tra personale ospedaliero, membri famigliari e pazienti ospedalieri.

I risultati della ricerca sono clamorosi. Nessuno di loro ha contratto l’infezione da Covid-19 e pertanto le conclusioni di questa indagine di fatto confermerebbero la completa inutilità delle misure precauzionali adoperate dal governo Conte e dalle regioni in merito al distanziamento sociale e all’uso delle mascherine.

La storia del contagio

La donna oggetto dello studio si è presentata al pronto soccorso di Guangdong lo scorso 13 gennaio in seguito ad una sintomatologia che si è manifestata con un affaticamento respiratorio e febbre. I medici dell’ospedale in seguito ad esami e analisi della paziente hanno ascritto questi sintomi ad una patologia cardiaca congenita che la donna aveva già da molti anni.

Nonostante questo, in seguito alla diffusione dell’epidemia da Covid-19, la 22enne è stata sottoposta ai protocolli di rito prescritti dal Centro per il controllo e la diffusione delle malattie cinese, ed è stata conseguentemente sottoposta al test del tampone. l test hanno confermato la sua positività al virus, ma i medici hanno rilevato che la donna non manifestava nessun sintomo da Covid e pertanto rientrava nella numerosa categoria degli asintomatici.

A quel punto, è stato deciso di ricostruire il percorso a ritroso di tutti i luoghi frequentati dalla donna fino a quel momento per stabilire chi potenzialmente potesse avere contratto il virus. L’indagine ha interessato, come accennato, 455 persone, suddivise tra 35 pazienti dell’ospedale dove si trovava il paziente zero, 224 operatori sanitari della stessa struttura e 135 membri della famiglie delle due categorie in questione.

Tutte le persone sono state sottoposte al test per individuare la loro positività al Covid anche più di una volta, ma nessuna di queste ha manifestato il contagio al virus. In altre parole, la trasmissibilità della 22enne asintomatica è stata pari a zero. Nel corso della loro ricerca i medici hanno scoperto anche che una 37enne aveva manifestato sintomi come febbre e tosse.

Ma la sua sintomatologia non era in alcun modo legata ad una sua positività al Covid, in quanto la donna da tempo lamentava una tonsillite e i suoi problemi di salute erano riconducibili a questa patologia. Sono gli stessi scienziati a spiegare che la ragione per la quale alcune persone oggetto dell’indagine hanno manifestato problemi respiratori durante il periodo preso in considerazione, è senza dubbio ascrivibile al precedente quadro clinico dei pazienti.

“Abbiamo analizzato dati clinici ed epidemiologici dei 455 pazienti che sono stati esposti al paziente asintomatico. Tutti i 455 contatti sono stati esclusi dal contagio del SARS-CoV-2. Delle 231 persone sottoposte alla quarantena (196 membri delle famiglie e 35 pazienti) 229 sono state rimosse con esito positivo dall’osservazione medica e due sono morte per attacco cardiaco. Sintomi respiratori nuovi o già presenti sono emersi nei pazienti che vanno considerati come una conseguenza della loro originale malattia e delle complicazioni di questa”.

Nessuno quindi ha contratto il coronavirus e le persone che hanno avuto problemi respiratori, li hanno avuti per le loro patologie pregresse. L’indagine ha un’affidabilità statistica notevole se si considera che nessuno dei 455 contatti ha preso il virus e che il tempo medio di esposizione delle persone alla 22enne asintomatica positiva non è stato di poche ore, ma di ben quattro giorni.

I medici fanno notare anche un altro aspetto non trascurabile. Tra i 455 interessati non erano pochi quelli che indossavano protezioni particolari come il personale ospedaliero o altre che portavano le mascherine. Ma le mascherine sono state comunque tolte per mangiare e bere e nonostante questo il virus non si è diffuso in alcun modo. In pratica, portare o no le mascherine se si è a contatto con un asintomatico non farebbe alcuna differenza. Il virus non si trasmette in ogni caso.

Le conclusioni degli scienziati a questo punto ribaltano tutto quanto è stato affermato fino ad ora. Gli asintomatici praticamente non sono in grado di diffondere il contagio. Concludiamo che l’infettività di alcuni portatori asintomatici SARS-CoV-2 sia debole. Questa scoperta implica che non c’è bisogno di preoccuparsi indebitamente per i pazienti asintomatici durante la pandemia in corso di COVID-19. Inoltre, gli eccessivi test agli asintomatici non sono necessari e questo può essere utile ad allentare la pressione al sistema sanitario pubblico. Nello sviluppo delle circostanze dell’epidemia, si nascondono crescenti preoccupazioni su pazienti asintomatici nella comunità. Ad ogni modo, la combinazione della nostra ricerca e le misure di difesa attualmente prese, ci portano a sperare che queste preoccupazioni siano malriposte e crediamo che il mondo vincerà questa battaglia certamente”.

L’antiscientificità del Distanziamento sociale e delle Mascherine

Il distanziamento? Non è «sociale» ma solo «fisico». Teniamolo a mente

L’asintomatico quindi non è un mostro o un nemico da temere. Se i risultati di questo studio scientifico sono corretti, si smonterebbe completamente tutta la strategia intrapresa dal governo Conte riguardo la fase 2 e la stessa fase 1.

I test al tampone fatti su molti asintomatici sarebbero quindi un enorme spreco di denaro pubblico. La campagna martellante e terroristica che invita al distanziamento sociale a sua volta è inutile ed enormemente dannosa perchè volta a criminalizzare la socialità delle persone e il loro contatto fisico.

Non ci sarebbe pertanto alcun bisogno di distanziare i tavoli al ristorante o di fare file per entrare in un qualunque esercizio commerciale. Allo stesso modo, le mascherine, come già spiegato da altri scienziati, si confermerebbero totalmente inutili e persino dannose per la corretta respirazione delle persone. Lo stesso vale sulle intenzioni espresse dal governatore dell’Emilia Romagna, Bonaccini, di “scovare casa per casa i positivi e isolarli”.

L’asintomatico positivo a questo punto sarebbe completamente innocuo e allontanarlo dalla sua famiglia, persino senza il suo consenso come auspicato dal presidente della provincia di Trento, Fugatti, sarebbe una enorme violazione dei diritti umani oltre che completamente ingiustificato dal punto di vista scientifico.

Studi scientifici autorevoli stanno dimostrando come tutta la strategia intrapresa dal governo Conte e dal suo comitato tecnico-scientifico, non abbiano nulla a che vedere con la tutela della salute pubblica. Sta emergendo una chiara volontà di disgregare la socialità e reprimere le occasioni di incontro delle persone. Sta emergendo una volontà che sotto il falso pretesto della sicurezza sanitaria, mira a privare i cittadini dei loro diritti costituzionali. Perché tutto questo, cosa c’è realmente dietro?

Il distanziamento sociale è l’arma attraverso la quale si sta creando una società dove la piccola e media impresa è destinata a sparire per queste assurde regole, sostituite da grandi gruppi privati stranieri che prendono possesso delle eccellenze del Paese. Il virus che sta mettendo a rischio la vita delle persone non è il coronavirus. Il virus che sta mettendo a rischio la vita e i diritti delle persone, è questo regime totalitario che ha preso in ostaggio un intero popolo e sta provocando un’ondata di odio e disperazione senza precedenti nella storia d’Italia.

Articolo di Cesare Sacchetti

Fonte: https://lacrunadellago.net/2020/05/25/lo-studio-scientifico-che-ribalta-tuttogli-asintomatici-non-contagiano-nessuno/

ALLA RICERCA DELL'ANIMA
21 giorni per ritrovare se stessi e la gioia di vivere
di Gabriella Tuninetti

Alla Ricerca dell'Anima

21 giorni per ritrovare se stessi e la gioia di vivere

di Gabriella Tuninetti

"Alla Ricerca dell'Anima" è un libro che può donarti un vero "risveglio", un'espansione della tua percezione della realtà; e risvegliare così il suo grande potere creativo.

Fin dalle prime pagine ti sentirai avvolto dalle energie del racconto, ne sarai anche tu protagonista, come trasportato magicamente nella storia di "LAAV Boat": un vascello di Luce in viaggio nei mari della vita. Scoprirai, insieme ai due personaggi chiave - Luigi a rappresentare la mente, Leila emblema delle emozioni - una visione diversa: un nuovo livello di realtà.

"Alla ricerca dell'Anima: 21 giorni per ritrovare se stessi e la gioia di vivere" è un libro avvincente e "magnetico". Uno stargate che, pagina dopo pagina, attraverso frequenze di Luce, simboli e archetipi, ti immette nel campo vibrazionale delle infinite possibilità - il Campo del Cuore - dove automaticamente e naturalmente sperimenterai l'innalzarsi delle tue energie.

Il Viaggio è un vero e proprio percorso iniziatico di 21 giorni per riportare alla luce i talenti sopiti della tua Anima e risvegliare il potere della Mente del Cuore.

Una guida completa per iniziare da subito e con risultati ad effetto immediato, a praticare il metodo LAAV® per trasmutare sofferenza, paura, conflitti e approdare così anche tu nella Nuova Terra: il regno della pace, il regno della gioia.

Questo libro è molto più di meri fogli di carta e può realmente portarti oltre una condizione di staticità e di limitazione.

Sii creativo e intuitivo. Se lo ascolti il libro ti saprà parlare e ispirare!

All'interno del libro troverai le indicazioni per accedere all'area web riservata in cui ascoltare 50 tracce audio dell'autrice:

  1. Anteprima: La ricerca inizia
  2. Esercizio: Me lo merito
  3. Mantra per la mente n°1
  4. Mantra per la mente n°2
  5. Esercizio: I tre punti
  6. Mantra di Connessione
  7. Esercizio: Io posso
  8. Meditazione: Il viaggio nel Cuore
  9. Esercizio: Pulizia delle memorie
  10. Esci dal dolore
  11. Mantra: Vieni Spirito d'Amore
  12. Pensiero del giorno: Ci sono giorni che...
  13. Mantra: Va tutto bene!
  14. Meditazione: Il radar
  15. Mantra di trasmutazione
  16. Pensiero del giorno: Siamo calamite
  17. Approdo a Itaca: l'isola del perduto amore
  18. Destinazione Eden: la riconciliazione
  19. Esercizio: Sette per tre
  20. Pensiero del 12° giorno
  21. Mantra: Io sono pura Coscienza
  22. Messaggio dei Maestri: La notte buia dell'anima
  23. Esercizio: Il bacio della rugiada
  24. Meditazione Doccia di Luce
  25. Messaggio dei Maestri: Ricordate chi siete?
  26. Mantra: L'Amore può tutto!
  27. Esercizio: I tre respiri dedicati
  28. Esercizio : L'arco del coraggio
  29. Mantra: Nulla può contro l'Amore
  30. Decreto LAAV dell'Amore
  31. Mantra L'Amore esiste
  32. Esercizio: Liberi dai sensi di colpa
  33. Rituale del perdono
  34. Messaggio dell'Arcangelo Gabriele
  35. Esercizio: Liberi dalle ombre
  36. Mantra del perdono
  37. Esercizio: Sciogliere i legami con il giudizio
  38. Esercizio: La via di mezzo
  39. Rituale di riconciliazione
  40. Esercizio: Unione Mente e Cuore
  41. Mantra: Scendi Luce
  42. Mantra della gratitudine
  43. Messaggio dei Maestri: Il Regno dei cieli è qui!
  44. Mantra di protezione
  45. Mantra di guarigione
  46. Messaggio dei Maestri: La porta verso Casa
  47. Messaggio Arcangelo Michele: Oggi è il giorno
  48. Arrivo a Eden: il Giardino della vita
  49. Approdo di Luigi: la pace della mente
  50. Approdo di Leila: la rinascita a nuova vita
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *