La Delazione funziona!

di Moravagine

Qualche giorno fa un ristoratore di Milano ha violato la quarantena recandosi nel suo ristorante, ma un “eroico” cittadino ha spifferato tutto ai carabinieri (prontamente intervenuti)… salvandoci tutti!

Feste private, l'assurdo divieto di Speranza. Ora non trasformiamoci in un esercito di spioni | Il Primato Nazionale

Lo scorso sabato sera, a Milano, è accaduto un misfatto di cui le diverse testate hanno dato notizia solo nelle ultime ore: un ristoratore di origine peruviana si è recato nel suo locale, nonostante si trovasse in “isolamento domiciliare fiduciario” poiché positivo (asintomatico) al coronavirus.

I carabinieri sono riusciti a bloccare il lestofante prima che si allontanasse, dopo aver servito ai tavoli, inzaccherato le cucine e sputacchiato qualche pericoloso droplet. Ad allertarli era stato un eroico ma anonimo cittadino (a lui va, naturalmente, tutta la nostra gratitudine).

L’esercente ora rischia una pena dai 3 ai 18 mesi di carcere, oltre ad una sanzione da 500 a 5000 euro (speriamo 5000!), per aver disobbedito ad un ordine legalmente dato per impedire la diffusione di una malattia infettiva dell’uomo.

Il suo ristorante resterà ora chiuso per cinque giorni, il tempo necessario alle opportune sanificazioni. Tutti i malcapitati che si sono trovati a respirare, loro malgrado, il suo fiato contaminato, verranno presto contattati dalle autorità sanitarie per essere tamponati e quarantenati: fra questi, anche alcuni clienti, che si sono precipitati a scrivere recensioni avvelenate su “Tripadvisor”.

Questa notizia dimostra che la delazione funziona: senza la segnalazione del solerte cittadino, infatti, si sarebbe originato un letale focolaio, ancor più pericoloso poiché di dimensioni (potenzialmente) internazionali.

A coloro i quali van dunque blaterando sui vari social media di analogie con l’OVRA dell’Italia fascista, con la Cina della Rivoluzione Culturale o con i sistemi di controllo della DDR, ricordiamo una laconica verità: quelli là erano brutti e cattivi, questi qua lo fanno per il nostro bene e ci salvano la vita!

Nel video il ministro Speranza che incita alla delazione:

Articolo di Moravagine

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://comedonchisciotte.org/la-delazione-funziona/

CYBERUOMO
L'alba del transumanesimo e il tramonto dell'umanità - Dall'Intelligenza Artificiale all'ibrido Uomo-Macchina
di Enrica Perucchietti

Cyberuomo

L'alba del transumanesimo e il tramonto dell'umanità - Dall'Intelligenza Artificiale all'ibrido Uomo-Macchina

di Enrica Perucchietti

Un libro per difendersi dalle nuove armi di controllo e manipolazione totale.

Intelligenza artificiale, chip sottocutanei, nanorobotica, clonazione, tecnosesso, trasferimento della mente, supersoldati.

Sembrerebbe fantascienza, eppure si tratta delle più moderne innovazioni nel campo della scienza e della tecnologia.

Lo scopo?

Potenziare la natura umana, ibridare l’uomo con le macchine e creare un individuo geneticamente modificato totalmente artificiale e privo di legami con il mondo naturale.

Ma qual è il vero scopo di queste ricerche? Cosa comporta, per l’uomo, questa rivoluzione antropologica? La tecnologia è diventata uno strumentoper traghettare l’umanità verso un orizzonte distopico?

Conoscere le ricerche e gli obiettivi nel campo del post-umano può aiutarci a fermare questa deriva prima che siano le macchine a ribellarsi ai propri inventori.

I contenuti extra del libro 4d

Video di approfondimento con l’autrice:

  • Perché un saggio sul transumanesimo
  • Come Hollywood ci sta abituando alle ricerche nel campo del post-umano
  • I microchip sono realtà e vanno di moda
  • Gemelline cinesi con DNA modificato come i superumani di Hawking

Documenti pdf

  • Stiamo vivendo in una simulazione computerizzata?
  • Il cibo del futuro: insetti e carne artificiale
  • La ricerca della longevità: dall’alchimia al mind uploading

... e tanto altro ancora!

...

Un commento

  1. Riccardo Cantamessa

    ….. che schifo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *