• Se cerchi un libro o un prodotto BIO, prova ad entrare nel sito di un nostro partner, Macrolibrarsi, il Giardino dei Libri, sosterrai così il nostro progetto di divulgazione. Grazie, Beatrice e Mauro
    Canale Telegram

Grafene nei Vaccini Covid e Antenne 5G

di Veronica Baker

Il 5G insieme al grafene causerà un vero e proprio massacro tra i “vaccinati”.

Gli effetti magnetici nelle vittime “vaccinate” diventano sempre più pronunciati ad ogni dose. Ed ormai non vengono più risparmiati dagli effetti nocivi di qualsiasi radiazione elettromagnetica. Il che è del tutto logico, dato che i loro corpi assorbono sempre più grafene.

Fra le altre cose, il corpo umano produce naturalmente elettricità, che a sua volta alimenta le particelle di grafene dissipate in tutto il corpo di coloro che sono stati “inoculati”. E sappiamo benissimo ormai come queste particelle diventeranno una sorta di antenne pronta a trasmettere e ricevere onde a bassa ed alta frequenza.

Questo è ciò che succede quando entrano in gioco le antenne 5G. Perchè è importante comprendere il ruolo fondamentale di queste ultime, che non sono altro che una tecnologia militare nascosta. La loro pericolosità è facilmente mostrata dal fatto che quando viene posta una antenna 5G su di un tetto, qualsiasi insetto (od uccello) nelle vicinanze è automaticamente condannato a morte, se non si allontana rapidamente dall’antenna in questione.

Il 5G insieme al grafene causerà un vero e proprio massacro tra i “vaccinati”. E se in Italia praticamente nessuno o quasi ha davvero il coraggio di parlare della pericolosità del 5G (ed anche della madre di tutti i problemi, cioè le famigerate chemtrails) dall’altra parte, invece, ci sono paesi come la Germania dove i cosiddetti negazionisti della pericolosità del 5G possono finire in carcere (od in alternativa pagare 250.000 euro di multa).

La gente infatti viene massicciamente intossicata con un agente che è radio-modulabile. Basta guardare quello che è successo nell’ultimo anno e mezzo. Come è iniziato infatti tutto questo scempio? Ospedali, case di riposo, residenze circondate da piccole antenne. Dove avevano preventivamente “vaccinato” tutti!

Questo significa che tutto quello che hanno fatto ai nostri cari anziani un anno e mezzo fa, lo possono riprodurre ormai quando e dove vogliono. Ed è chiarissimo che il loro macabro progetto è di spazzare via in modo mirato una certa parte della popolazione mondiale. Certi paesi come l’Europa (in particolare l’Italia) e tutto il mondo Occidentale in generale. Certi luoghi, e non altri.

È chiaro come la luce del sole, basta guardare semplicemente dove sono presenti la maggior parte delle antenne 5G e dove sono i paesi che insistono principalmente per l’obbligo di “avvelenamento” e di Grin Katz. Se vuoi per davvero far fuori qualcuno in modo mirato, occorre qualcosa che sia possibile modulare. Quindi antenne (5G) ed agenti chimici (grafene, chemtrails), il tutto sfruttando la proprietà moltiplicatrice del grafene. E nel momento in cui vedi che stanno iniettando nelle vene un agente chimico modulabile via radio… è impossibile negare l’evidenza di questo.

Allora, abbiamo tutti l’enorme responsabilità di informare le persone che stanno intorno a noi, condividendo tutte le nostre conoscenze. Condominio, famiglia, quartiere, paese. Non c’è bisogno di andare oltre. Anche perché naturalmente non possiamo minimamente contare sulle persone che occupano posizioni più elevate, perché hanno già dimostrato che a loro interessa solo eliminarci nel più breve tempo possibile.

Sta a noi difenderci al nostro livello. E mettere fine a tutto questo. Perché non si fermeranno mai da soli. Vorranno portare tutto questo fino alla fine, fino a portare l’umanità a rischio estinzione. Hanno cinque, dieci anni per arrivare a questo scopo. Lo hanno anche affermato pubblicamente.

Un’onda Delta, un’altra onda Lambda, e un’altra onda Mu, una variante spagnola, quella colombiana, quella lunare… Ed a poco a poco la gente morirà.

Articolo di Veronica Baker

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://herowndestiny.com

IL GIALLO DEL CORONAVIRUS
Una pandemia nella società del controllo
di Sonia Savioli

Il Giallo del Coronavirus

Una pandemia nella società del controllo

di Sonia Savioli

"Il Giallo del Coronavirus" di Sonia Savioli è un'indagine sui retroscena più inquietanti.

Proviamo ad andare oltre ciò che la Grande Comunicazione ci prospetta e, con un pò di buon senso, proviamo a informarci su una lettura alternativa di quello che ci sta accadendo.

È una pandemia organizzata ad arte? Qual è stato il ruolo giocato dai media? Chi trae vantaggio dalla crisi economica e finanziaria? Come si è trasformata la nostra vita quotidiana? Stiamo entrando in una società del controllo?

È appena uscito "Il Giallo del Coronavirus", un libro che cerca di rispondere a queste domande raccontando l'epidemia e i suoi effetti.

Questo libro si pone con grande originalità su diversi piani di lettura, che convergono però nella capacità di immunizzarci dalla unilateralità e ottusità del presente, per cui c'è solo la paura del virus che fa ancora da schermo alla presa di coscienza della realtà, ma non per tutti e sempre meno.

Si tratta di un giallo che si contamina con il romanzo storico.

Il libro sostiene che siamo tutti minacciati, non da un virus ma da una dittatura globale, da un progetto disumanizzante e autocratico chiamato dalle oligarchie mondialiste "Quarta Rivoluzione Industriale".

Questo progetto prevede l'annichilimento di ogni qualità e comunità umana, il dominio assoluto sulla natura e sugli esseri viventi da parte di un manipolo di multinazionali e dai loro padroni.

Ma gli interessi e gli interessati dall'altra parte della barricata sono innumerevoli. Come le stelle in cielo. Ci siamo noi, le persone e i popoli, che con la ricchezza di una irrinunciabile diversità dobbiamo fare fronte comune.

"Le mascherine che si vedono ovunque sono perfettamente inutili. Alcune sono comiche... dovrebbero essere quanto meno sconsigliate... Leggiamo questo libro e meditiamo." - Dott. Stefano Montanari

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *