Circa l’85% dei contagiati sintomatici Covid19 indossava una mascherina. Lo studio del CDC

Uno studio del CDC americano mostra chiaramente che indossare la mascherina non impedisce di contrarre il coronavirus.

Coronavirus, le mascherine ci proteggono davvero? Tre consigli d'oro da chi le produce - Il Sole 24 ORE

Sembrerebbe, che in uno degli ultimi studi del CDC americano, il campione di pazienti sintomatici Sars-Cov-2 intervistati, abbia chiarito che indossava abitualmente una mascherina (si tratterebbe dell’85%). Lo studio è stato condotto da 11 istituzioni mediche ed ha analizzato un gruppo di persone risultate positive al Covid19 nel mese di luglio.

Il report si chiama: “Esposizioni della comunità e dello stretto contatto associate a COVID-19 tra adulti sintomatici di età pari o superiore a 18 anni in 11 strutture sanitarie ambulatoriali“, e mostra anche che indossare la mascherina non impedisce di contrarre il coronavirus.

“I casi-pazienti”, come riporta il CDC dal suo sito web, “erano adulti sintomatici (persone di età ≥18 anni) con infezione da SARS-CoV-2 confermata da test di trascrizione inversa-reazione a catena della polimerasi (RT-PCR). I partecipanti al controllo erano adulti ambulatoriali sintomatici delle stesse strutture sanitarie che avevano risultati negativi al test SARS-CoV-2”.

Il 70,6% degli intervistati aveva riferito di indossare “sempre” una mascherina, mentre il 14,4% affermava di indossarla “spesso”. Quindi un totale dell’85% dei pazienti COVID-19 sintomatici esaminati ha riferito di indossare la mascherina abitualmente. Mentre chi non indossava “mai” una mascherina apparteneva al 3,9% degli infetti. La parte restante del ‘campione’ ha dichiarato di mettere la mascherina “qualche volta” (7,9%) oppure “raramente” (3,9%).

Spiega il CDC che “questa indagine ha incluso adulti di età ≥18 anni che hanno ricevuto un primo test per l’infezione da SARS-CoV-2 presso un test ambulatoriale o un centro di assistenza sanitaria presso uno degli 11 siti della rete IVY dal 1° al 29 luglio , 2020. Un caso COVID-19 è stato confermato dal test RT-PCR per SARS-CoV-2 RNA da campioni respiratori. I test variavano a seconda delle strutture. Ogni sito ha generato elenchi di adulti testati durante il periodo di studio in base ai risultati di laboratorio; gli adulti con COVID-19 confermato in laboratorio sono stati selezionati mediante campionamento casuale come pazienti-caso”.

Fonte: https://www.crossoversport.it/circa-l85-dei-contagiati-sintomatici-covid19-indossava-una-mascherina-lo-studio-del-cdc/

Libri e varie...
IL BELLO DI RISCOPRIRSI UMANI
Istruzioni salvavita contro invidia, vergogna e competitività
di Olga Chiaia

Il Bello di Riscoprirsi Umani

Istruzioni salvavita contro invidia, vergogna e competitività

di Olga Chiaia

Un libro per riconoscersi un valore “fuori dagli schemi”: il bello di essere umani.

In mille modi siamo indotti a perdere la misura reale di quanto valiamo e di quanto valgono gli altri. Siamo depistati da falsi obiettivi, spaventati da minacce velate, messi alla prova da ipocrisie e richieste pressanti, frecciate ambigue. Cerchiamo consensi e like, oppure prestigio sociale, soldi, applausi.

Ci stressiamo per superare una temuta invisibilità, o al contrario ci nascondiamo per evitare un’altrettanto temuta visibilità.

La competitività ci induce a quantificare, confrontare e comprare. Invidiamo i successi altrui e ci perdiamo i nostri sogni. Paghiamo con una grande stanchezza l’immane sforzo di essere conformi agli standard.

Se falliamo, proviamo vergogna e ci sentiamo esclusi; se abbiamo successo, ci accorgiamo di aver bisogno di altro: di ritrovare le tracce della nostra anima, la capacità di amare più persone e cose possibili.

In ogni momento, invece, è possibile scegliere l’arte della riconoscenza, il piacere di trovare le tracce preziose di chi siamo e cosa possiamo raggiungere. È possibile iniziare a guardarci e guardare attorno con occhi nuovi ed empatia. Essere visti e sentiti, vedere e sentire gli altri. Possiamo interessarci alla nostra vita, perché diventi interessante; aprirci al lampo di genio che ci attraversa quando superiamo l’apparente contraddizione fra accettarci e migliorarci. La nostra personale rivoluzione è possibile e inizia da qui, dal trovare un’autenticità e un incontro invece di un’immagine e un pubblico.

Perché non siamo ancora riusciti a farlo? Come iniziare a farlo, proprio ora, da qui?

“Questo libro è per chi si sente nessuno, perché non ha un lavoro, un talento particolare, una visibilità. […] È infine anche per chi non riesce più a rispettare la parte vulnerabile e umana degli altri, e di se stesso.”

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *