• Se cerchi un libro o un prodotto BIO, prova ad entrare nel sito di un nostro partner, Macrolibrarsi, il Giardino dei Libri, sosterrai così il nostro progetto di divulgazione. Grazie, Beatrice e Mauro
    Canale Telegram

Terremoto in Turchia: Catastrofe Naturale?

di Massimo Mazzucco

Le onde ELF Possono causare terremoti…

Davvero possiamo escludere che dietro a questo terremoto ci sia la mano assassina di qualcuno? Magari che abbia dato anche solo un “aiutino”, in una zona già di per sè ad alto rischio tellurico?

È noto a tutti che in questo periodo le “simpatie” che la Turchia sta mostrando verso la Russia non facciano piacere a Washington. Ai falchi della NATO piacerebbe molto che Erdogan fosse pienamente allineato con la loro dottrina di demolizione della Russia, ma il leader turco è troppo furbo (e probabilmente abbastanza potente) da non cascare in questo tranello. A lui conviene tenere il piede in due scarpe.

Ecco che allora, nel momento in cui la Turchia viene colpita da un terremoto devastante come quello di ieri, ad alcuni viene il sospetto che questa “catastrofe naturale” sia stata invece provocata intenzionalmente dagli americani, come una sorta di messaggio di avviso per Erdogan stesso.

Noi sappiamo già da tempo che le onde ELF possono penetrare in profondità nel terreno, causando sismi di notevoli dimensioni. E sappiamo anche che HAARP è in grado di emettere queste onde, e di farle rimbalzare sulla ionosfera, mandandole a colpire un qualunque bersaglio predestinato (ne avevo parlato brevemente in questo video, dal minuto 6.25).

A questo aggiungiamo la notizia, data dal Corriere, secondo la quale “diversi filmati pubblicati sui social mostrano le luci nel cielo proprio in corrispondenza del sisma che ha colpito il Paese.”

Davvero possiamo escludere che dietro a questo terremoto ci sia la mano assassina di qualcuno? Magari che abbia dato anche solo un “aiutino”, in una zona già di per sè ad alto rischio tellurico?

Qui la scheda su HAARP, scritta ancora per il vecchio sito.

Articolo di Massimo Mazzucco

Fonte: https://www.luogocomune.net/16-geopolitica/6171-terremoto-in-turchia-catastrofe-naturale

20 DOMANDE SUL DIGIUNO SECCO
Un metodo naturale di disintossicazione, prevenzione, autoguarigione
di Vera Giovanna Bani, Sergej Filonov

20 Domande sul Digiuno Secco

Un metodo naturale di disintossicazione, prevenzione, autoguarigione

di Vera Giovanna Bani, Sergej Filonov

Un libro per dare risposte esaurienti alle domande che le persone spesso si pongono nei confronti di una pratica terapeutica ancora poco conosciuta: il digiuno secco.

Questo libro si presenta come un compendio della monografia Digiuno secco: gli ultimi sviluppi della digiunoterapia in Russia (2017), che raccoglie i saggi del massimo esperto mondiale di digiuno secco, il dr. Sergej Filonov.

Il lettore incuriosito scoprirà qui, esposti in forma di domande e esaurienti risposte, gli aspetti più importanti di questo approccio terapeutico:

  • i fondamenti scientifici e la ricerca sviluppatasi in URSS e Russia;
  • in presenza di quali patologie è consigliabile ricorrere al digiuno secco;
  • i meccanismi che il digiuno secco innesca nell'organismo;
  • i vantaggi del digiuno secco rispetto agli altri tipi di digiuno;
  • l'algoritmo per una corretta pratica di digiuno secco in condizioni domestiche;
  • gli argomenti avanzati dal dr. Filonov al fine di smentire i pregiudizi e i luoghi comuni diffusi sul digiuno.

L'efficacia del digiuno secco nella lotta contro gravi malattie dipende dal fatto che esso permette all'organismo di sviluppare in breve tempo nei fluidi corporei le più alte concentrazioni di sostanze biologicamente attive: ormoni, cellule immunocompetenti, Immunoglobuline e anticorpi. Rispetto al digiuno idrico quello secco risulta inoltre più valido perché accelera i meccanismi di depurazione e perché si giova di un processo diverso e più radicale: senza acqua esterna, esogena, non ha luogo alcuna "lavatura" delle tossine ma piuttosto un processo di bruciatura delle tossine "nella propria fornace".

Ogni singola cellula innesca una reazione termica. In tali circostanze muoiono le cellule patologiche e sopravvivono le cellule più forti, le più sane, ed esse, per sopravvivere a tali estreme condizioni, sono costrette a sintetizzare acqua endogena, di qualità eccellente e purissima, priva delle informazioni portate nel nostro corpo dall'ambiente esterno. Meccanismi simili non avvengono in alcuno degli altri tipi di digiuno praticati a fine terapeutico.

Studiato e diffuso unicamente in Russia, il metodo del digiuno secco sta progressivamente conquistando l'interesse del pubblico occidentale e italiano in particolare grazie alla menzionata monografia, che ha il pregio di essere il primo testo in lingua non russa dedicato all'argomento.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *