Gruppo sanguigno RH negativo: un mistero ancora da svelare

sangue rh negativo

di Melissa B.

Dalle lezioni di scienza che abbiamo fatto a scuola, molti di noi hanno avuto modo di avere delle informazioni in merito ai gruppi sanguigni. Ma se si mettono a confronto le nozioni scolastiche con gli studi ed i dibattiti pubblicati sulle riviste scientifiche non è difficile accorgersi come i dati più interessanti sul tema siano stati “accidentalmente” omessi dai programmi didattici di base.

Da quanto sembra, non esisterebbe una plausibile spiegazione scientifica circa la provenienza del gruppo RH negativo. La scienza ortodossa si limita ad ipotizzare che si tratti di…

Vai all’articolo

Ripulire i Propri Organi: un facile fai-da-te. Metodi efficaci e sicuri per disintossicare il tuo corpo...
È una cosa risaputa che il nostro corpo agisce come un filtro nei confronti di tutto ciò con cui viene a contatto (cibo, acqua, ma anche aria ed emozioni) e accumula tossine e parassiti che divengono disturbi fisici...
Ma come depurare al meglio l'organismo?
Lo spiega l'esperto naturopata Pierre Pellizzari nel suo bestseller "Ripulire i propri Organi".
In tutti questi anni migliaia di persone hanno apprezzato gli efficaci metodi riportati nel libro, rendendo questo un bestseller sulla salute naturale irrinunciabile.
Ci sono almeno tre motivi per i quali devi assolutamente leggere il libro:
  1. ripulendo fegato, intestino, polmoni, sangue e stomaco la vita diventa facile e leggera;
  2. sono spiegate pratiche semplici che potrai svolgere in autonomia;
  3. puoi imparare come mantenere il tuo corpo in condizioni di ottima salute.
Troverai metodi efficaci e sicuri per disintossicare il tuo corpo e iniziare finalmente a vivere con maggiore leggerezza. ›››

Un DNA umano di 400 mila anni fa manda in tilt gli antropologi

Un-Dna-di-400-mila-anni-manda-in-tilt-gli-antropologi_h_partb

di Sabrina Piergostini

È il più antico DNA umano mai trovato. Lo hanno estratto da un femore scoperto in una grotta spagnola. Ma anzichè aiutare nella comprensione dell’evoluzione umana, questo reperto aggiunge nuovi interrogativi e misteri: risale infatti a 400 mila anni fa e presenta una sequenza genetica non prevista.

Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Nature. All’inizio, quell’osso era stato attribuito ad un Uomo di Neanderthal – la specie umana più diffusa in Europa fino al 30 mila a.C., quando si estinse per motivi ancora tutti da accertare. Invece…

Vai all’articolo