Siamo tutti figli della pubblicità

di Paolo Ermani

La pubblicità fa a tutti il lavaggio del cervello, fin da piccoli… quasi nessuno riesce a sfuggire. Siamo bombardati, ci uniformiamo, cresciamo già condizionati.

Manipolazione mediaticaMa è ora di dire basta e recuperare relazioni sincere; soprattutto bisogna ricostruire la società secondo valori diversi da quelli per cui vali se compri e se appari. La pubblicità sembrerebbe essere ormai qualcosa che fa parte di noi e forse non si considera abbastanza, quanto la nostra formazione come persone sia influenzata dai suoi parametri, veicolati soprattutto dalla televisione ma anche attraverso una miriade di altri veicoli.

Un bombardamento costante e continuo fin dalla primissima infanzia, ha sulle persone un effetto profondo e duraturo. L’imprinting è così forte che poi le nostre scelte saranno per forza condizionate dal lavaggio del cervello a cui siamo sottoposti. Prodotti, musichette, slogan, immagini che entrano nella mente e rimangono imprigionati lì per tutta la vita. Si dicono frasi che si associano a pubblicità, si fanno acquisti in base a parametri emotivi e di ricordo dei prodotti che ci hanno fortemente influenzato nel tempo.

Chi siamo noi veramente depurati da tutta questa roba che si accumula nel cervello? Avete mai pensato, se non avessimo avuto alcuna influenza dalla pubblicità, cosa e come saremmo? L’influenza pervade ogni singola cellula, ogni interstizio cerebrale è pieno di merci da comprare, di mode, di atteggiamenti, di “stili”, di elementi esterni a quello che noi siamo o potremmo essere, se non subissimo questi condizionamenti.

Il risultato principale di tutto ciò è l’omologazione di massa, per cui anche i comportamenti più assurdi e le scelte più estreme sono normali e chi non le segue viene considerato anormale, strano, a volte pure integralista. Una persona che non ha la televisione e cerca di salvaguardarsi per non essere influenzato troppo dalla politica e dalla pubblicità, è considerato uno fuori dal mondo, quando invece è vero esattamente il contrario. Casomai ci vuole proprio entrare nel mondo… ma in un mondo depurato il più possibile dai condizionamenti.

La pubblicità propone i modelli a cui dobbiamo adeguarci per essere accettati dalla società, i programmi televisivi non sono altro che contorni per gli spot pubblicitari e ripropongono gli stessi modelli pubblicitari. Attraverso la pubblicità si veicola il pensiero unico del consumo che fa sembrare un idiota chiunque non si adegui a questa legge non scritta.

I modelli consumistici che vengono veicolati parlano di famiglie felici che mangiano frollini, di persone perfette, bellissime ragazze sempre più ammiccanti e sexy, uomini raffigurati come modelli e persone di successo, figli impeccabili, in una sorta di “mistico mondo ariano” dove il diverso, lo strano, è accettato solo se propedeutico al lancio di una nuova tendenza o di un prodotto su cui fare soldi.

Basti pensare alla moda che punta sullo stile personale, che ovviamente non sarà mai il nostro stile perché quegli stessi capi di abbigliamento, quegli orologi, profumi, borse, accessori, ecc., saranno comprati da migliaia di altre persone convinte di avere il proprio stile unico. Fanno poi decisamente sorridere, apparendo ridicole, tutte le pubblicità che puntano sulla libertà e che ci spiegano come un profumo o una automobile nuova ci daranno quella libertà da sempre desiderata. 

Bombardamento mediatico nei confronti dei bambiniIl bombardamento nei confronti dei bambini è ancora più grave, perché non hanno nemmeno le armi per difendersi; i genitori troppo spesso non controllano né limitano questo bombardamento, pensando che sia una specie di punizione a cui è necessario sottoporsi pur di acquietarli. Come fa un bambino a discernere esattamente fra la valanga di prodotti e input che gli arrivano addosso? I programmi per bambini o adolescenti, che sono anche loro di contorno e supporto degli spot pubblicitari, esaltano sempre dei “non valori”, per i quali se non ti omologhi, se non ti vesti in un determinato modo sei uno sfigato, uno da emarginare. La distruzione dell’autostima del bambino, che magari ha difficoltà a seguire questi parametri, è sistematica.

Per la pubblicità abbiamo importanza se appariamo, se primeggiamo, se in qualche modo scavalchiamo gli altri in qualcosa e per fare questo dobbiamo appunto comprare.

Chissà come saremmo senza questo condizionamento; probabilmente avremmo meno cose e soprattutto cose utili intorno a noi, non avremmo nemmeno bisogno di lavorare così tanto, perché ci basterebbe poco, i nostri figli crescerebbero con meno stress, incubi e pretese di oggetti e desideri indotti. E siamo anche noi diventati oggetti che comprano oggetti e i sentimenti non possono che diventare anch’essi oggetti proposti al miglior offerente. Infatti è un proliferare di siti in cui le persone, in base a parametri simil pubblicitari, si incontrano, si usano e poi si gettano; e avanti un altro, esattamente come i prodotti usa e getta.

Per sottrarsi da questa situazione bisogna iniziare a cambiare la propria vita. Bisogna ricostruire la società secondo valori diversi da quelli per cui vali se compri, se appari. A scuola, nella società, sul lavoro: ovunque dovrebbero essere proposti valori di aiuto, solidarietà, cooperazione, attenzione agli altri, all’ambiente, cura della propria crescita spirituale, considerazione di ogni ricchezza personale interiore, a prescindere dai jeans nuovi o dal look personale.

Le persone non sono oggetti da addobbare, le persone hanno sentimenti, capacità, sensibilità che non possono essere piallate ed omologate da chi non ha altro interesse che di venderci qualcosa. Tutto ciò non può che generare nelle relazioni conseguenti delusioni, drammi, litigi e odio. Spesso si fa fatica a capire perché i rapporti in genere sono così conflittuali, quando non si è fatto altro che aderire a modelli che con il nostro io profondo non hanno nulla a che vedere.

Ma per conoscere il proprio io profondo e quindi capire bene cosa si vuole e cosa si è, bisogna fare pulizia e spazio all’interno di noi. Per quanto il sistema della crescita economica si sforzi di farci diventare tutti automi dediti solo all’acquisto, le persone possono sentire e vivere ancora secondo la propria natura e non secondo moneta. Ricercando quell’io naturale depurato dalle merci inutili si può ritrovare se stessi e gli altri in una nuova concezione dell’esistenza.

Fonte: http://www.ilcambiamento.it

Libri sull'argomento
Quello che le Etichette non Dicono di Pierpaolo Corradini
La Globalizzazione della Nato di Mahdi Darius Nazemroaya
Governo Globale di Gianluca Marletta, Enrica Perucchietti
Smettere di Lavorare di Francesco Narmenni
Le Confessioni di un Illuminato - Vol. 4 di Leo Lyon Zagami
Il Mondo del Cibo Sotto Brevetto di Vandana Shiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *