Impeachment… Donald Trump assolto al Senato

 di Roberto Vivaldelli

Fallisce il tentativo dei democratici di condannare l’ex Presidente Usa, accusato di istigazione all’insurrezione per l’assalto dei suoi sostenitori al Campidoglio il 6 gennaio scorso. Il voto finisce 57 a 43, ma erano necessari i due terzi del Senato.

Risultato immagini per Donald Trump assolto dall'impeachment

Per la seconda volta l’ex presidente Usa Donald Trump è stato assolto nel processo di impeachment, e giudicato non colpevole dell’accusa di istigazione all’insurrezione per l’assalto dei suoi sostenitori al Campidoglio il 6 gennaio scorso.

Sono solamente sette, infatti, i repubblicani che si sono uniti ai democratici votando a favore della messa in stato di accusa del tycoon, ossia Richard Burr, Bill Cassidy, Susan Collins, Lisa Murkowski, Mitt Romney, Ben Sasse e Pat Toomey. Per la condanna era necessaria la maggioranza dei due terzi del Senato (composto da 100 seggi) e dunque il voto di 17 repubblicani. Il processo di impeachment a carico di “The Donald” era iniziato lo scorso 13 gennaio: secondo i democratici, Donald Trump era colpevole di aver incitato i suoi sostenitori ad assaltare il Campidoglio.

Trump: “Caccia alle streghe”. E rilancia il suo Movimento Patriottico

L’assoluzione lascia aperta a Trump la possibilità di candidarsi nel 2024, anche se i democratici hanno lasciato intendere che potrebbero tentare di sabotare la sua candidatura invocando il 14° emendamento. “Voglio innanzitutto ringraziare il mio team di avvocati per il loro instancabile lavoro a favore della giustizia e della difesa della verità”, ha dichiarato al termine del processo l’ex presidente Usa Donald Trump, in una dichiarazione riportata dai media internazionali. “I miei più sentiti ringraziamenti – aggiunge – anche a tutti i senatori e membri del Congresso degli Stati Uniti che si sono schierati con orgoglio per la Costituzione che noi tutti veneriamo e per i sacri principi legali nel cuore del nostro Paese”.

Trump ha condannato il processo di impeachment come “un’altra fase della più grande caccia alle streghe nella storia del nostro Paese”. “Il nostro movimento storico, patriottico e bellissimo per rendere di nuovo grande l’America, Make America Great Again, è appena iniziato. Nei mesi a venire ho molto da condividere con voi e non vedo l’ora di continuare il nostro incredibile viaggio insieme per raggiungere la grandezza americana per tutta la nostra gente. Non c’è mai stato niente di simile“, ha sottolineato l’ex presidente Usa.

“Ecco perché l’ex Presidente è innocente”

Donald Trump è innocente. In nessuna delle registrazioni presentate durante il processo di impeachment vi è, da parte sua, istigazione alla rivolta”, ha affermato durante il dibattito il suo avvocato difensore, Michael van der Veen, nell’argomento conclusivo al processo in Senato, denunciando “il tentativo disperato” dell’accusa di salvare il caso. “Dall’inizio alla fine, questo impeachment è una vendetta politica” ha sottolineato van der Veen, come riporta l’agenzia Adnkronos. L’accusa ha “violentemente violato” le norme processuali presentando, nell’argomentazione finale, prove che non erano state accettate nel dibattimento, ha aggiunto, precisando che il caso non ha avuto alcun riferimento a leggi, alla costituzione o al Primo emendamento.

“La glorificazione della rivolta civile da parte di giornalisti e politici durata anni” ha creato il clima per quello che è accaduto il 6 gennaio, un assalto portato a termine da “sinistra e destra”, ha aggiunto van der Veen, accusando i manager dell’impeachment di aver “fabbricato” le prove, “inammissibili in qualsiasi tribunale”, e di essersi macchiati di “frode”. Van der Veen ha sottolineato che “i democratici sono stati ossessionati da un impeachment contro Trump dall’inizio del suo mandato” e ora che “è un privato cittadino senza incarico hanno messo in piedi questo processo show”, ha aggiunto l’avvocato.

Articolo di Roberto Vivaldelli

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.ilgiornale.it/news/mondo/impeachment-donald-trump-assolto-senato-1923855.html

Libri e varie...
TUTTI CONTANO
Avere cura dei propri dipendenti come se fosse la propria famiglia
di Bob Chapman, Raj Sisodia

Tutti Contano

Avere cura dei propri dipendenti come se fosse la propria famiglia

di Bob Chapman, Raj Sisodia

Un modello di gestione aziendale coinvolgente ed etico!

"È possibile gestire un'impresa di successo senza trattare le persone come numeri? Può una non-cultura aziendale basata sulla sfiducia e insicurezza essere trasformata in cultura di soddisfazione e partecipazione attiva. Tutti contano risponde a queste domande in modo entusiastico e pro-positivo. Nel libro c'è una storia in cui si rende migliore la vita delle persone attraverso una leadership consapevole. Se i vertici aziendali sono pronti a questo nuovo modo di intrattenere rapporti al fine di far crescere i risultati e migliorare il clima sul lavoro questo è proprio il libro opportuno" dice il famoso Daniel Pink.

E se lo dice lui c'è da credergli. Saper mettere le persone come priorità principale è sempre un buon business, questo ci insegna Bob Chapman.

Dalla quarta di copertina

"Tutti contano": queste sono le parole che praticamente ogni amministratore delegato proclama al mondo. "Senza di voi non raggiungeremmo gli obiettivi".

Sono ben pochi coloro che potrebbero dire il contrario.

D'altra parte corre una bella differenza tra il comprendere il valore delle persone che formano l'organizzazione e il prendere realmente decisioni che siano sensibili alle loro necessità. È come dire: "I miei figli vengono prima di tutto" e poi pensare principalmente al lavoro. Che razza di dinamica familiare o di rapporto potrebbero risultarne?

Ed è possibile gestire un'impresa di successo senza trattare le persone come numeri? Può una non-cultura aziendale basata sulla sfiducia e insicurezza essere trasformata in cultura di soddisfazione e partecipazione attiva? 

Tutti contano risponde in modo entusiastico e pro-positivo e insegna che saper mettere le persone come priorità principale è sempre un buon business.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *