Giovani che vanno… continua il trend dei giovani italiani che lasciano il nostro Paese

di Andrea Casavecchia

Dal 2015 sono circa 100mila all’anno gli italiani che lasciano l’Italia e per la gran parte sono giovani; nel 2017 il 53,7% dei nostri emigrati ha un’età compresa tra i 18 e i 39 anni.

https://media.famigliacristiana.it/2016/10/migrantes_rapporto_1930373.jpg

Ci sono pochi giovani in Italia e non si punta molto su di loro per guardare al futuro. Così può capitare che un ragazzo o una ragazza decida di provare un’esperienza da un’altra parte: quando è ancora adolescente può iscriversi a un progetto per studiare un anno in una scuola all’estero, all’università c’è l’Erasmus, poi perché non provare un anno di volontariato sociale internazionale, oppure qualche esperienza di lavoro al di là dei confini.

Piano piano, da giovani si assaggia un altro clima, un altro contesto socio-economico e culturale, mentre le famiglie accompagnano questo passaggio: qualche mese, un anno, un po’ di tempo fuori casa. E lo sostengono anche a livello economico, se necessario.

Nel recente Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, si dedica uno spazio a questi “Giovani senza confini”. Si rileva che dal 2015 sono circa 100mila all’anno gli italiani che hanno lasciato l’Italia e per la gran parte sono giovani; solo nel 2017 il 53,7% dei nostri emigrati ha un’età compresa tra i 18 e i 39 anni e il 31,1% ha un titolo di studio universtario. Gran parte delle persone che vanno via dall’Italia sono giovani e istruiti. Il fenomeno – osserva l’istituto di ricerca – coinvolge tutto il territorio italiano dalla Lombardia alla Sicilia, dal Veneto al Lazio. Nel 2016 oltre 1 milione e 300mila giovani italiani si dichiarava disponibile a trasferirsi in un altro Paese per lavoro.

https://i0.wp.com/www.brockfordpost.it/wp-content/uploads/2017/02/estero.jpg?fit=820%2C820

Negli ultimi anni sta prendendo consistenza un esodo importante che impoverisce la nostra comunità, avviene in silenzio, una goccia dopo l’altra. Non ci sono più valige di cartone e viaggi di terza classe per attraversare l’oceano o arrivare nel Nord Europa. I nostri giovani costruiscono il loro progetto migratorio in modo molto oculato e tutelati dalle loro famiglie. Certo non tutti saranno diretti verso lavori qualificati, ma ognuno di loro avrà la possibilità di tornare a casa una volta terminata l’esperienza.

Qualche anno fa era uscito un libro dal titolo “Non è un paese per giovani” scritto da Alessandro Rosina ed Elisabetta Ambrosi. Alcuni giovani ne hanno preso atto. La loro reazione non è stata quella di impegnarsi per cambiare la realtà, hanno preferito esplorare nuovi percorsi.

Questo gruppo di giovani che costituiscono una fetta importante dei cosiddetti Millennials, sono scoraggiati, non hanno fiducia di trovare uno spazio per loro. Ma, concretamente, quali sono le prospettive che il nostro Paese offre loro?

Articolo di Andrea Casavecchia

Fonte: https://www.difesapopolo.it/Media/OpenMagazine/Il-giornale-della-settimana/ARTICOLI-IN-ARRIVO/I-giovani-che-vanno.-Continua-il-trend-dei-giovani-italiani-che-lasciano-il-nostro-Paese-lo-certifica-il-Censis

ENERGIA, SALUTE, EVOLUZIONE
di Fosco Del Nero

Energia, Salute, Evoluzione

di Fosco Del Nero

"Energia, Salute, Evoluzione" è un vero e proprio manuale di vita pratica, giacché copre tutte le aree importanti dell'esistenza umana: l'alimentazione, l'attività fisica, lo stile di vita, il luogo in cui si vive, il lavoro, l'intrattenimento, la sessualità, il mondo interiore, la natura e altro ancora.

È quindi un testo che non si occuperà precipalmente del percorso evolutivo, aspetto per il quale Fosco Del Nero rimanda agli altri suoi libri, ma dell'elemento di base della salute e del benessere fisico, della vita materiale, e avrà un approccio del tutto pratico; non vi saranno argomentazioni esistenziali o ragionamenti scientifìco-razionali, o comunque vi sarà poco su tali fronti, ma vi sarà, semplicemente, l'esperienza di vita concreta dell'autore.

Il suo obiettivo è quello di redigere una sorta di "manuale fai-da-te" col quale ciascuno potrà valutare le sue abitudini di vita e migliorarle ove riterrà opportuno, negli ambiti e nei modi che crederà adatti a sé. 

L'approccio adottato nei confronti di ogni argomento, differentemente dai suoi precedenti e canonici testi di saggistica esistenziale, è quindi molto pratico: se pure, nei vari argomenti trattati, verranno coinvolte questioni "esistenziali" (ed è impossibile che non sia così, perché è tutto interconnesso e interinfluente e perché la visione è comunque olistica), esse saranno affrontate in termini meramente empirici, in modo da riferire alla persona "le regole del gioco materiale".

Se l'impronta è dichiaratamente pragmatica, non mancano quindi riferimenti alle leggi esistenziali e agli insegnamenti dei grandi maestri, nonché a studi e statistiche: ciò ne fa un valido riferimento per chiunque sia sul sentiero evolutivo e sia interessato tanto alla salute del suo corpo quanto alla salute della sua psiche, intendendo con tale termine l'anima più che la mente.

Come è nello stile dell'autore, il quale racconta il suo stesso modo di vivere, il tutto è affrontato con uno sguardo panoramico: il risultato è che nello spazio del testo viene fornita una notevole mole di consigli e considerazioni, che il singolo lettore di seguito sceglierà se e come accogliere nella sua vita, ma soprattutto una visione d'insieme, ch'è l'aspetto più importante… e il più difficile da riscontrare nell'essere umano contemporaneo.

La conoscenza è il primo passo, la realizzazione il secondo: sapere ed essere devono procedere appaiati, tanto nella coscienza quanto nella materia.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *